Posts Taggati ‘younger’

thinking,travelling,younger

Cosa succede quando non ti accontenti?

Nel corso della vita a qualcuno di noi può succedere di chiedersi  se questo è il proprio posto o se per caso non esiste alternativa migliore rispetto al nostro vissuto attuale.

E proprio adesso, nel cervello, mi vengono in mente un paio di situazioni da accennare:

1 OPZIONE: Hai una vita sociale, hai un partner,occupi la tua giornata con attività più o meno interessanti…però quando torni a casa fantastichi, con l’aiuto della tua fantasia e di tutti i racconti dei tuoi amici sparsi per altre città, su come potrebbe essere la tua vita altrove con situazioni totalmente differenti rispetto la tua quotidianità? Bene, valuta di scappare!

2 OPZIONE: Non hai amici, ti stanno tutti sul cazzo, non hai interesse in comune con nessuno del tuo paese, ritieni tutti coloro che ti circondano di essere totalmente il contrario rispetto la tua persona e pensi costantemente che questo non è il tuo habitat ? Credo con tutta franchezza che sia l’ora giusta per andare via!

Non voglio incentivare i “giovani cervelli” a scappare dalla propria terra però bisognerebbe vivere la vita con un focus un po più grande del solito e riflettere un attimo sull’idea che abbiamo UNA SOLA VITA e sprecare del tempo prezioso, potrebbe rivelarsi un terribile errore fatale.

Arrivare a cinquant’anni, avere figli e pensare: “Sarei potuto essere un Dottore, invece ho dedicato tutta la mia vita al focolare domestico” oppure  compiere sessant’anni e dire “Ho sempre amato l’Asia, la Cina, il Giappone ma non ho mai avuto il coraggio”.. Queste frasi non sono così lontane dalla nostra quotidianità, può succedere di sentirle da una zia, un’amica o anche da se stessi e rappresentano il classico errore di chi, per paura, amore o ricordi non è riuscito a muoversi o semplicemente non ha voluto.

Perciò la mia domanda è: Perchè accontentarsi? Chi sono gli altri per decidere il nostro futuro? Chi sono gli altri per impedire al nostro corpo di muoverci? Chi sono gli altri per confonderci le idee o i nostri progetti futuri? Chi sono gli altri per decidere qualsiasi cosa riguardi la nostra persona?

CHI SONO GLI ALTRI…?

NESSUNO.

I LIMITI SONO NELLA NOSTRA TESTA. Bisogna andare OLTRE.

Immagine

 

Leggi Tutto 1 Commento

future,journalist,thinking,younger

Questo post è per tutti coloro che……

Questo post è per tutti coloro che, tutte le volte che sono in mia presenza abbozzano sorrisi di circostanza e battute taglienti proprio come coltellate alle spalle nei miei riguardi, verso la mia persona, verso la mia attività giornalistica, scelta di cui sono pienamente convinta da almeno 21 anni della mia vita.

Questo post è per tutti coloro che, tutte le volte che vengono a conoscenza che sono una giornalista esclamano: “Non rilascio dichiarazioni” oppure “io non parlo coi giornalisti” e ancora una volta “disprezzo la vostra infamità”-. Ok Signori ne ho sentite davvero fin troppe.

L’attività della scrittura non è un atto di infamità, come spesso viene definito, ma è un atto dovuto di INFORMAZIONE e per quanto mi riguarda, chi mi conosce lo sa, la mia “penna” è assolutamente libera e non ho nessun divieto o orientamento di nessun genere, per questo vorrei porvi una domanda: Come sarebbe un mondo senza informazione?

Voi non sapreste cosa succede dall’altra parte del mondo o del vostro paese, delle volte, può succedere che, le vittime del giornalismo possano essere vostri amici, parenti, vicini di casa e via discorrendo purtroppo solo perchè sono “vostri vicini di vita” l’informazione non si può fermare, eticamente parlando potrebbe essere scorretto, non credete?

Questo post è per tutti coloro che,  con avvertimenti di piccole e grandi dimensioni o con intimidazioni sotto forma di battute minacciano la mia scelta di vita, etichettandomi come fannullona proprio perchè il giornalista è un lavoratore come tutti gli altri e meriterebbe delle volte anche piccoli riconoscimenti.

Questo post è per tutti coloro che, direttamente o indirettamente hanno sfruttato la mia attività,la mia persona e sopratutto hanno assunto comportamenti psicologicamente instabili con la sottoscritta.

Ed infine ma non meno importanti, questo post è per tutti coloro che quotidianamente mi incitano a non mollare convincendomi che il giornalismo è la strada giusta ma sopratutto LA STRADA GIUSTA PER ME.

Immagine

Leggi Tutto Nessun Commento

Il Blog di Eleonora Marsella – © 2022 – P.I. 04939570752

 Privacy Policy Cookie Policy Termini e Condizioni