Warning: session_start(): open(/tmp/sess_b8c364ff259fe7234f5ba7ac394d6a44, O_RDWR) failed: Disk quota exceeded (122) in /home/customer/www/ilblogdieleonoramarsella.it/public_html/wp-content/themes/yoo_sun_wp/warp/systems/wordpress/src/Warp/Wordpress/Helper/SystemHelper.php on line 521

Warning: session_start(): Failed to read session data: files (path: /tmp) in /home/customer/www/ilblogdieleonoramarsella.it/public_html/wp-content/themes/yoo_sun_wp/warp/systems/wordpress/src/Warp/Wordpress/Helper/SystemHelper.php on line 521
lecce Archivi - Pagina 2 di 10 - Il Blog di Eleonora Marsella

Posts Taggati ‘lecce’

cultura,giornale,giornalisti,lecce,mediaset,mediterraneo,otranto,premi,salento

Festival “Giornalisti del Mediterraneo”

Tutto pronto per il Festival “Giornalisti del Mediterraneo” in programma a Otranto dal 6 all’11 settembre prossimi. Decretato il vincitore assoluto della 8° edizione: è Mimmo Mimmo Lomezzi (Mediaset)Lombezzi di Mediaset che, con un documentario degno del grande cinema realistico, ha raccontato e mostrato dal cuore di Gerusalemme l’intifada dei coltelli, vissuta da lui in prima persona per le strade della città, in un clima di feroce odio e di grande pericolo.

Il Festival nella Città dei Martiri sarà l’occasione per premiare anche i vincitori del concorso “Giornalisti del Mediterraneo”. Il vincitore della sezione “Terrorismo internazionale” è Marco Imarisio (Corriere della Sera), mentre si aggiudicano il riconoscimento per la sezione “Libertà di Stampa” Luigi Politano ( (Roundrobin editrice) e Paolo Butturini (Federazione Nazionale della Stampa). Assegnato anche il Premio Giuria a Asmae Dachan (Panorama). La Medaglia di Bronzo del Presidente del Senato attribuita, invece, a Giulio Gambino (The Post Internazionale) mentre la Medaglia di Bronzo del Presidente della Camera dei Deputati è andata a Viviana Mazza (Corriere della Sera). I Premi “Città di Otranto” e “Salento” saranno consegnati rispettivamente a Salvatore Gulisano (La 7) e a Cristina Giongo (Libero).

received_10206898027996951I premi “Caravella”, invece, sono stati attribuiti a Ernesto Galli Della Loggia (Corriere della Sera), Gennaro Sangiuliano (Rai TG1), Roberto Mastroianni (Rai News 24), Vincenzo Morgante (Rai TGR), Marco Tarquinio (Avvenire), Carlo Borgomeo (Fondazione con il Sud) e Antonio Uricchio (Università di Bari).

L’appuntamento settembrino nel cuore della città di Otranto, promosso dall’Amministrazione comunale e dall’associazione “Terra del Mediterraneo”, farà anche da contenitore ai seminari e ai workshop tenuti da firme prestigiose del giornalismo, organizzati nell’ambito dell’evento internazionale.

Tanti gli eventi in programma nel corso della settimana del Festival: dal 7 al 10 settembre i saloni del Castello Aragonese di Otranto ospiteranno sette seminari formativi. E’ possibile iscriversi online attraverso la piattaforma Sigef dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti.

Il festival è una straordinaria occasione di dialogo sui conflitti legati al terrorismo internazionale, alla libertà di stampa e alla salvaguardia dei diritti civili ma anche momento privilegiato per avviare una riflessione su temi legati all’etica dell’informazione, dell’impegno civile e del legame tra informazione e legalità.

“Anche quest’anno si rinnova una sfida importante – spiega Tommaso Forte, giornalista ed event manager – che ci vede coinvolti nel valorizzare l’area del Mediterraneo nel tentativo di costruire un futuro diverso, fatto di integrazione e fratellanza. Il Festival rappresenta un appuntamento di assoluto prestigio per la Puglia, grazie alla nutrita partecipazione dei giornalisti che interverranno, e una grande occasione di visibilità per una regione intesa come terra di accoglienza nella sua accezione più ampia, dove, oltre al grande patrimonio di beni culturali e bellezze naturalistiche, si può apprezzare la capacità di sostenere, incoraggiare e favorire processi positivi di cooperazione internazionale”.

“Anche per l’ottava edizione del Festival e del suo concorso – aggiunge Luciano Cariddi, sindaco di Otranto – la qualità e la provenienza dei lavori rappresentano il frutto del lavoro straordinario dei reporter di guerra. Saranno loro i veri protagonisti, grazie ai quali potremo ascoltare le testimonianze autentiche di chi è impegnato giornalmente nel raccontare la verità dei conflitti di guerra, facendo tesoro di questa straordinaria occasione di confronto e di dibattito critico, in un momento in cui il ruolo dell’informazione ricopre una funzione più che mai vitale per la democrazia”.

“Gli articoli e i servizi televisivi che hanno partecipato al Premio – conclude Lino Patruno, presidente di giuria – sono stati anche quest’anno una impressionante testimonianza sull’Europa, sul Mediterraneo, al centro del terrorismo, e sui pericoli che corre la libertà di stampa in tempi di nuovo oscurantismo”.

Otranto sarà dunque la culla di una kermesse di eventi, fra cui dibattiti, mostre e documentari dedicati al tema dei conflitti internazionali, e il suo centro storico per l’occasione diverrà salotto della comunicazione, ospitando dibattiti e presentazioni di libri.

Leggi Tutto Nessun Commento

daniela de leo,eventi,lecce,lettere in dialogo,libri,presentazioni

“LETTERE IN DIALOGO. TRATTI DEL MAGISTERO DELL’ARCIVESCOVO D’AMBROSIO ALLA DIOCESI DI LECCE”

Verrà presentato nella sala conferenze del Rettorato dell’Università del Salento (piazza Tancredi 7, Lecce), venerdì 29 aprile 2016 alle ore 10.30, il volume “Lettere in dialogo. Tratti del Università del SalentoMagistero dell’Arcivescovo D’Ambrosio alla Diocesi di Lecce” (edizioni Milella, 2016) di Daniela De Leo, professoressa aggregata di Filosofia teoretica presso l’Ateneo salentino. Alla presenza dell’Arcivescovo metropolita di Lecce Domenico D’Ambrosio, e dopo i saluti del Rettore Vincenzo Zara, interverranno l’autrice Daniela De Leo e i professori Marco Piccinno, associato di Didattica e Pedagogia Speciale, e Carlo Alberto Augieri, Ordinario di Critica Letteraria e Letterature Comparate.

 

 Il libro

img21Il volume “Lettere in dialogo” presenta un’analisi interpretativa delle lettere pastorali dell’Arcivescovo D’Ambrosio alla Diocesi di Lecce condotta con un approccio “mixed methods”, con l’implementazione di un’analisi lessicometrica arricchita dall’analisi ermeneutica. L’analisi delle corrispondenze lessicali ha permesso di evidenziare le dimensioni semantiche attraverso la prossimità delle parole presenti nei frammenti di testo analizzato, e ha guidato la successiva fase ermeneutica di codifica dei contenuti. Il risultato è un modello esplicativo attraverso cui leggere le Lettere.

Leggi Tutto Nessun Commento

cultura,filosofia,incontri,lecce,puglia,seminari,Università del Salento

“LE PERIFERIE. SENZA SCARTI”: DAL 2 MAGGIO AL 6 GIUGNO 2016

“LE PERIFERIE. SENZA SCARTI”: DAL 2 MAGGIO AL 6 GIUGNO 2016

NELL’EX CHIESETTA BALSAMO DI LECCE INCONTRI E LABORATORI GRATUITI PER ADULTI E BAMBINI

PER PORTARE LA FILOSOFIA FUORI DALL’UNIVERSITÀ E DENTRO LA CITTÀ

 

Università del SalentoUn ciclo di incontri e seminari gratuiti condotti da docenti universitari (ogni lunedì) e di laboratori con sessioni parallele per adulti e per bambini (ogni martedì) tenuti da psicologi, counsellour e pedagogisti, per la promozione della conoscenza e l’applicazione dei modelli maieutici della filosofia con l’obiettivo di “valorizzare le periferie umane e geografiche”: dal 2 maggio al 6 giugno 2016 l’ex Chiesetta Balsamo di Lecce ospiterà la prima edizione del progetto “Le Periferie. Senza Scarti”, promosso dal “Laboratorio per le congetture filosofiche” nato all’interno del Corso di Laurea in Filosofia dell’Università del Salento, in collaborazione con il Comune di Lecce e con il sostegno di Monteco, Ecomet, Gruppo Giovani di Confindustria Lecce e Arte Grafica, ideato e curato dalla professoressa Nadia Bray.

Il progetto è rivolto a studenti e studentesse e al pubblico dei cittadini, con il quale si intendono attivare momenti di confronto e di dialogo, e punta a sensibilizzare sul tema dello “scarto”, portare la filosofia e le scienze fuori dalle mura dell’Università e dentro la vita della città, agire in collaborazione con figure professionali attive sul territorio, incontrare in modo naturale e produttivo il mondo delle imprese. «Il progetto promuoverà momenti di consapevolezza nella cittadinanza», spiega la professoressa Bray, «nella profonda convinzione che proprio la consapevolezza possa condurre all’esercizio della titolarità di diritti politici, economici e sociali dei singoli e delle comunità, in nome di una cultura capace di mettere in relazione centri e periferie, partendo dai diritti delle persone, le quali sono sempre centri».

Gli incontri si terranno sempre dalle ore 17 alle ore 19, per informazioni e prenotazioni si può scrivere a nadia.bray@unisalento.it o telefonare al numero 335 6324135. Assieme al laboratorio “Filosofia come Sapere Comunicativo”, l’iniziativa consente agli studenti l’acquisizione di 4 CFU. Verrà rilasciato attestato di partecipazione.

 

> Il programma

Lunedì 2 maggio il programma degli incontri prenderà il via con “Esperienze di Pedagogia di Comunità” di Salvatore Colazzo (preside della Facoltà di Scienze della Formazione, Scienze Politiche e Sociali, UniSalento), e “La Chiesetta Balsamo. Prospettive filosofiche per un utilizzo costruttivo della gentrification” di Valentina Cremonesini (docente di Sociologia Generale e Teorie sociologiche contemporanee, UniSalento).Lunedì 9 maggio appuntamento con “Scartare o riscoprire? Conoscere per non sbagliare” di Ennio De Bellis (docente di Storia della filosofia, UniSalento), e “Imparare a conoscere per imparare a pensare” di Marco Piccinno (docente di Didattica Generale presso il Corso di Laurea in Filosofia, UniSalento). Lunedì 16 maggio si prosegue con “Lo scarto, la follia, le streghe nella storia della filosofia” di Alessandra Beccarisi (presidente del Corso di Laurea in Filosofia, UniSalento) e “Il movimento medievale delle beghine: quando lo scarto è una scelta” di Marco Maniglio (dottorando in Forme e Storia dei Saperi Filosofici, UniSalento). Lunedì 23 maggio spazio a “Tra filosofia e psichiatria: l’incontro con il pensiero della libertà” di Eliana Forcignanò (dottoranda in Scienze della Mente e delle relazioni umane, UniSalento) e “Vite di scarto. La lezione di Bauman” di Antonio Quarta (docente di Storia della Filosofia contemporanea, UniSalento).

I laboratori, con sessioni parallele per adulti e bambini, prenderanno il via martedì 3 maggio con “L’esperienza dello scartare” di Salvatore Patera (sociologo, Dottore di ricerca in Pedagogia, UniSalento) e “Il giocattolo che io scarto. Cosa si può scartare?” di Ezio del Gottardo (Ricercatore in Pedagogia Generale e Sociale, Università Telematica Pegaso-Napoli) e Adalgisa Romano (artista, designer ed educatrice di Art and Ars Gallery).

Martedì 10 maggio in programma gli “Scarti nell’anima” di Daniele Gabriele (direttore Istituto di Sophianalisi e Cosmo-Art, Scuola di Formazione di Counseling in A.P.E.) e Alessia Mitaritonna (psicologa, psicoterapeuta in formazione presso la Scuola di Psicoterapia cognitivo interpersonale di Roma) e “La sca(R)Tola che qualcuno voleva” di Giuseppe Scarciglia (responsabile Orienta giovani, formatore e Career counselling presso il Consorsio Welfare di Poggiardo) e Annarita Cotardo (animatore presso l’Associazione Culturale Joy).

Martedì 17 maggio appuntamento con “Valorizzazione del ‘maschile’ e del ‘femminile’ nei processi decisionali” di Stefano Marra (socio Formatore del Coordinamento Nazionale Counselor Professionisti e Socio del Centro Studi De Risio) e Raffaella Scorrano (Socia del Coordinamento Nazionale Counselor Professionisti e Socio del Centro Studi De Risio) e “Una bella giornata. Laboratorio di philosophy for children” di Paola Teresa Grassi (IACP teacher, Formatrice e operatrice culturale presso il Fondo Verri) e Alessia Mitaritonna (psicologa, psicoterapeuta in formazione della Scuola di Psicoterapia cognitivo interpersonale di Roma).

Martedì 24 maggio l’ultimo laboratorio vedrà lavorare insieme adulti e bambini sul tema “L’errore e la paura di sbagliare. L’errore come occasione e non come motivo di scarto” con Anna De Nitto (direttore Istituto di Sophianalisi e Cosmo-Art, Scuola di Formazione di Counseling in A.P.E.), Simona Cleopazzo (direttivo e referente della biblioteca di quartiere – Ammirato Culture House), Paolo Potì (docente presso “It’s Time. Non solo dopo-scuola”) e Adalgisa Romano (artista, designer, educatrice di Art and Ars Gallery).

Il progetto si concluderà lunedì 6 giugno con gli interventi della curatrice Nadia Bray (docente di Storia della Metafisica Antica e Medievale, Uni Salento) e di Laura Tundo (docente di Filosofia Morale e Bioetica, Uni Salento) e la tavola rotonda conclusiva alla quale prederanno parte anche Andrea Guido (assessore Politiche Ambientali, Protezione Civile, Igiene, Randagismo del Comune di Lecce) e Alessandra Beccarisi (docente di Storia della Filosofia Medievale e Presidente del Corso di Laurea in Filosofia, UniSalento).

 

> Il “Laboratorio per le Congetture Filosofiche sul Territorio”

Tra le iniziative di cosiddetta “terza missione” dell’Università del Salento (accanto alla didattica e alla ricerca scientifica, come necessaria ricaduta delle attività accademiche in termini di sviluppo culturale, etico ed economico del tessuto sociale), il “Laboratorio per le Congetture Filosofiche sul Territorio” nasce come ampliamento del “Laboratorio di Testi per la Filosofia Pratica”, incontri promossi nell’anno accademico 2014/2015 con il patrocinio del Comune di Lecce.

Istituito nel 1957, tra i primi dell’Università del Salento, il Corso di Laurea in Filosofia si pone come obiettivo primario la formazione umanistica intesa come leva in grado di consentire una comprensione critica e operativa della società contemporanea. L’addestramento all’esercizio del pensiero critico e filosofico forniscono un’educazione al sapere critico e alla storia delle idee, che consente ai laureati in Filosofia di affrontare con flessibilità il mercato del lavoro e dell’industria culturale. Gli sbocchi professionali sono in vari campi: dall’insegnamento all’editoria tradizionale e multimediale, dalla pubblica amministrazione agli enti pubblici e privati (soprattutto negli uffici studi, direzione del personale, servizio stampa e pubbliche relazioni, marketing e pubblicità “creativa”, promozione culturale e altro), dalla cooperazione con i paesi in via di sviluppo ai settori che operano per lo sviluppo locale e per l’accoglienza degli immigrati.

Leggi Tutto Nessun Commento

lecce,puglia,scrittori,Università del Salento

Una giornata dedicata allo scrittore siciliano Vincenzo Consolo

Una giornata di studi dedicata all’opera dello scrittore siciliano Vincenzo Consolo è in programma a Lecce mercoledì 20 aprile 2016, su iniziativa della cattedra di Letteratura italiana contemporanea del professor Antonio Lucio Giannone dell’Università del Salento (Dipartimento di Studi Umanistici).

0001 3La giornata, organizzata in occasione della pubblicazione dell’opera completa dello scrittore nei “Meridiani” Mondadori, sarà articolata in due momenti: alle ore 11, nel Padiglione Chirico del Monastero degli Olivetani, si terrà un seminario di studi con il professor Gianni Turchetta, ordinario di Letteratura Italiana contemporanea all’Università degli Studi di Milano e curatore del Meridiano, su “Il sorriso dell’ignoto marinaio e Le pietre di Pantalica di Vincenzo Consolo:
un (anti-)romanzo storico e un romanzo storico potenziale”; alle ore 18.30, presso la Libreria Liberrima (Corte dei Cicala,1 – Lecce) sarà presentata “Consolo. L’opera completa”, alla presenza del curatore Gianni Turchetta, del professor Giannone e di Maria Teresa Pano, dottoranda di ricerca presso l’Ateneo salentino.

 

Vincenzo Consolo è uno degli esponenti più significativi della letteratura italiana del secondo Novecento. Nato nel 1933 a S. Agata di Militello (Messina), nel 1968 si trasferì a Milano in seguito all’assunzione in RAI, in qualità di funzionario addetto ai programmi culturali. Qui vivrà e lavorerà fino alla sua morte, avvenuta nel gennaio 2012, alternando frequenti e sofferti ritorni in Sicilia. Fra i suoi romanzi “La ferita dell’aprile” (1963), con cui esordì in campo letterario; “Il sorriso dell’ignoto marinaio” (1976), considerato il suo capolavoro; “Retablo” (1987, premio Grinzane); “Nottetempo, casa per casa” (1992, premio Strega); “Lo Spasimo di Palermo” (1998). Consolo ha svolto anche un’intensa attività giornalistica e saggistica, quest’ultima parzialmente raccolta nella silloge “Di qua dal faro” (1999).

Leggi Tutto Nessun Commento

lecce,mare,Natura,otranto,puglia,salento

Otranto MERITA la bandiera verde- SALENTO come GARANZIA

Riconfermata la Bandiera Verde alla Città di Otranto. 134 Località italiane che hanno spiagge a misura di bambino.

Riconfermata la Bandiera Verde alla Città di Otranto, anche nel 2016 tra le 134 località italiane che hanno spiagge a misura di bambino secondo i circa mille pediatri coinvolti nella ricerca.
Acqua pulita e bassa vicino alla riva, sabbia per costruire castelli e torri, giochi per bambini ma anche presenza di bagnini per la sicurezza, spazi per cambiare il pannolino o allattare, gelaterie, pizzerie e aree attrezzate per lo sport nelle vicinanze.
otranto”L’Amministrazione Comunale è lieta di aver ottenuto anche quest’anno tale riconoscimento”, dichiara l’Assessore Lavinia Puzzovio. “E’ nostro dovere costruire una città a misura di bambino, prestare attenzione alle loro esigenze, aiutarli a crescere supportandoli nel modo giusto e creando per loro spazi adatti e senza pericoli”.
“Quest’anno”, spiega il pediatra di Milano Italo Farnetani, che ancora una volta ha curato il lavoro”, sono state selezionate 34 nuove località, in base alle preferenze espresse da un campione di 196 pediatri che non avevano partecipato alle indagini degli anni precedenti. Fra le località proposte è stata selezionata almeno una spiaggia per ognuna delle regioni rappresentate, dimostrando così la dimensione nazionale del campione. Dal 2008, anno in cui è iniziata l’indagine, sono stati consultati complessivamente 2.105 pediatri, dimostrando così che l’alto numero di professionisti coinvolti costituisce un campione statisticamente eterogeneo, congruo e significativo”, sottolinea Farnetani. L’indagine si è svolta “senza che a nessun pediatra sia stato corrisposto un compenso economico per la partecipazione all’indagine. Per la qualità delle acque e la possibilità di balneazione, ci siamo riferiti alle strutture istituzionali e pubbliche italiane: le ordinanze dei sindaci e le rilevazioni delle Arpa regionali, che sono le strutture preposte a tali controlli. Inoltre, nel tempo abbiamo incluso varie tipologie marine”.

L’iniziativa sarà presentata domani, 16 aprile, in un convegno a San Benedetto del Tronto, Sala Consiliare del Municipio ore 9.00, in cui ci sarà anche la consegna della Bandiera Verde ai sindaci dei Comuni insigniti del riconoscimento.
 

L’elenco delle Bandiere Verdi 2016.
Abruzzo: Giulianova (Teramo), Montesilvano (Pescara), Pescara, Pineto-Torre Cerrano (Teramo), Roseto degli Abruzzi (Teramo), Silvi Marina (Teramo), Tortoreto (Teramo), Vasto Marina (Chieti).
Basilicata: Maratea (Potenza) e Marina di Pisticci (Matera).
Calabria: Bova Marina (Reggio Calabria), Bovalino (Reggio Calabria), Capo Vaticano (Vibo Valentia), Cariati (Cosenza), Cirò Marina-Punta Alice (Crotone), Isola di capo Rizzuto (Crotone), Locri (Reggio Calabria), Melissa-Torre Melissa (Crotone), Mirto Crosia-Pietrapaola (Cosenza), Nicotera (Vibo), Palmi (Reggio Calabria), Praia a Mare (Cosenza), Roccella Jonica (Reggio), Santa Caterina dello Jonio Marina (Catanzaro), Siderno (Reggio Calabria), Soverato (Catanzaro).
Campania: Agropoli-Lungomare San Marco (Salerno), Ascea (Salerno), Centola-Palinuro (Salerno), Ischia: Cartaroma Lido San Pietro (Napoli), Marina di Camerota (Salerno), Pisciotta (Salerno), Pollica-Acciaroli, Pioppi (Salerno), Positano-Spiagge: Arienzo, Fornillo, Spiaggia Grande (Salerno), Santa Maria di Castellabate (Salerno), Sapri (Salerno).
Emilia Romagna: Bellaria-Igea Marina (Rimini), Cattolica (Rimini), Cervia-Milano Marittima-Pinarella (Ravenna), Cesenatico (Forlì Cesena), Gatteo-Gatteo Mare (Forlì-Cesena), Misano Adriatico (Rimini), Riccione (Rimini), Rimini, Ravenna-Lidi Ravennati, San Mauro Pascoli-San Mauro Mare (Forlì-Cesena); Friuli Venezia Giulia: Grado (Gorizia), Lignano Sabbiadoro (Udine).
Lazio: Anzio (Roma), Formia (Latina), Gaeta (Latina), Lido di Latina (Latina), Montalto di Castro (Viterbo), Sabaudia (Latina), San Felice Circeo (Latina), Sperlonga (Latina), Ventotene-Cala Nave (Latina).
Liguria: Finale Ligure (Savona), Lavagna (Genova), Lerici (La Spezia), Noli (Savona). Marche: Civitanova Marche (Macerata), Fano-Nord-Sassonia-Torrette/Marotta (Pesaro-Urbino), Gabicce Mare (Pesaro-Urbino), Grottamare (Ascoli Piceno), Pesaro (PU), Porto Recanati (Macerata), Porto San Giorgio (Fermo), Numana Alta-Bassa Marcelli Nord (Ancona), San Benedetto del Tronto (Ascoli), Senigallia (Ancona) Sirolo (Ancona).
Molise: Termoli (Campobasso).
Puglia: Fasano (Brindisi), Gallipoli (Lecce), Ginosa – Marina di Ginosa (Taranto), Ostuni (Brindisi), Otranto (Lecce), Polignano a Mare – Cala Fetente – Cala Ripagnola – Cala San Giovanni (Bari), Porto Cesareo (Lecce), Rodi Garganico (Foggia), Vieste (Foggia), Marina di Pescoluse (Lecce), Marina di Lizzano (Taranto) Melendugno (Lecce).
Sardegna: Alghero (Sassari), Bari sardo (Ogliastra), Cala Domestica (Carbonia-Iglesias), Capo Coda Cavallo (Olbia), Carloforte-Isola di San Pietro: La Caletta – Punta Nera – Girin – Guidi (Carbonia-Iglesias), Castelsardo-Ampurias (Sassari), Is Aruttas-Mari Ermi (Oristano) La Maddalena-Punta Tegge-Spalmatore (Olbia Tempio), Marina di Orosei-Berchida-Bidderosa (Nuoro), Oristano – Torre Grande (Oristano), Poetto (Cagliari), Quartu Sant’Elena (Cagliari), San Teodoro (Nuoro), Santa Giusta (Oristano), Santa Teresa di Gallura (Olbia Tempio), Tortolì – Lido di Orrì, Lido di Cea (Ogliastra).
Sicilia: Balestrate (Palermo), Campobello di Mazara – Tre Fontane – Torretta Granitola (Trapani), Casuzze-Punta secca-Caucana (Ragusa), Cefalù (Palermo), Giardini Naxos (Messina), Ispica-Santa Maria del Focallo (Ragusa), Marina di Lipari-Acquacalda-Canneto (Messina), Marina di Ragusa, Marsala – Signorino (Trapani), Mondello (Palermo), Plaja (Catania), Porto Palo di Menfi (Agrigento), Pozzallo – Pietre Nere, Raganzino (Ragusa), San Vito Lo Capo (Trapani), Scoglitti (Ragusa), Vendicari (Siracusa).
Toscana: Bibbona (Livorno), Camaiore – Lido Arlecchino – Matteotti (Lucca), Castiglione della Pescaia (Grosseto), Follonica (Grosseto), Forte dei Marmi (Lucca), Marina di Grosseto (Grosseto), Pietrasanta – Tonfano, Foccette (Lucca), Monte Argentario – Cala Piccola – Porto Eercole (Le Viste), Porto Santo Stefano (Cantoniera – Moletto – Caletta) – Santa Liberata (Bagni Domiziano – Soda – Pozzarello) (Grosseto), San Vincenzo (Livorno), Viareggio (Lucca), Pisa – Marina di Pisa, Calambrone, Tirrenia (Pisa).
Veneto: Caorle (Venezia), Lido di Venezia, Cavallino Teporti (Venezia), Jesolo-Jesolo Pineta (Venezia), Chioggia-Sottomarina (Venezia), San Michele al Tagliamento-Bibbione (Venezia).

Leggi Tutto Nessun Commento

cultura,eventi,lecce,puglia,scientifica,settimana,Università del Salento

DAL 14 AL 20 APRILE ALL’UNIVERSITÀ DEL SALENTO TORNA LA “SETTIMANA DELLA CULTURA SCIENTIFICA”

SEMINARI, MOSTRE, DIMOSTRAZIONI SPERIMENTALI, VISITE AI LABORATORI ED EVENTI APERTI AL PUBBLICO

DAL 14 AL 20 APRILE ALL’UNIVERSITÀ DEL SALENTO TORNA LA “SETTIMANA DELLA CULTURA SCIENTIFICA”

ATTESI OLTRE 1.500 STUDENTI DELLE SCUOLE SUPERIORI DI LECCE, BRINDISI E TARANTO

  

Seminari, mostre, dimostrazioni sperimentali, visite ai laboratori ed eventi aperti al pubblico per conoscere da vicino la realtà della ricerca: torna all’Università del Salento la “Settimana della Cultura Scientifica”, iniziativa nata dalle linee guida del progetto ministeriale “Piano Lauree Scientifiche”, al quale l’Ateneo salentino aderisce sin dalla fondazione nel 2003 per i Corsi di Laurea in Fisica e in Matematica.

Appuntamento dal 14 al 20 aprile 2016 nella sede del Dipartimento di Matematica e Fisica “Ennio De Giorgi” (complesso Ecotekne), ma anche presso il CNR Nanotec (complesso Ecotekne) e a Palazzo dei Celestini: attesi oltre 1.500 studenti provenienti dalle scuole superiori delle province di Lecce, Brindisi e Taranto. L’obiettivo principale è infatti avvicinare i giovani interessati alle materie scientifiche di base, ProgrammaSettimana2016anche approfondendo le attività di ricerca del Dipartimento. Sarà presente un punto di orientamento e informazione alla scelta universitaria a cura del COrT – Centro Orientamento e Tutorato dell’Ateneo.

 

Il programma:

giovedì 14 aprile (9.30-12.30)

“C’è un sacco di Scienza giù in fondo… al Nanotec”

a cura di Gabriella Zammillo, CNR Nanotec (Istituto di Nanotecnologia del CNR)

  • A cavallo di un’onda (G. Maruccio, I. Tarantini, A. Melcarne, A.G. Monteduro)
  • Cos’è la fotochimica (G. Accorsi)
  • Fogli di luce (A. Genco, M. Pugliese, F. Mariano, S. Carallo, V. Maiorano, G. Gigli, M. Mazzeo)
  • Nano-Pillole contro il cancro (N. Hanafy, C. Nobile, S. Leporatti)
  • Microfluidica effervescente (A. Zizzari, M. Bianco, E. Perrone, L. Del Mercato, V. Ari)
  • La chimica inorganica: dalla sintesi all’applicazione (G. Corrente, A. Capodilupo)
  • Nanoparticelle inorganiche (L. Carbone, P. D. Cozzoli, A. Fiore, A. Quarta, R. Scarfiello)
  • Nanosistemi per applicazioni biomediche (L. Blasi, A. Quarta, A. Zacheo)
  • Fluidi di luce (L. Dominici, G. Lerario)

venerdì 15 aprile (9.30-12.30)

“La matematica nascosta nella vita quotidiana”

  • 9.30: Il sistema crittografico RSA: la vittoria matematica di una sfida lunga duemila anni (D. Massafra)
  • 10: L’alGOOritmo da 60 miliardi di dollari (A. Benevento)

“Seminari di Astrofisica”

  • 10.45: De l’infinito, universo et mondi (D. Licchelli – Osservatorio R.P. Feynman)
  • 11.30: Black Holes (A. Nucita)

venerdì 15 aprile (9-13 e 15-19) e sabato 16 aprile (9 -13)

  • Visita al Planetario (Y. Maruccia, A. Nucita, G. Alemanno)
  • C’è vita su Marte? : Open Lab Astrofisica (Marcella D’Elia, F. Mancarella)
  • Una passeggiata nello spazio: mostra guidata (L. Manni, M. Giordano)
  • Datazione al radiocarbonio (Marisa D’Elia)

domenica 17 aprile (10-13, 15-19), Palazzo dei Celestini (Lecce)

“Un Barocco di stelle”, visita al Planetario e mostra sul Sistema Solare (Y. Maruccia, A. Nucita, F. Mancarella, L. Manni, G. Alemanno, M. Giordano); info a ylenia.maruccia@le.infn.it

 

lunedì 18 aprile (9.30-12.30)

“Inseguendo un’onda”

  • 9.45: Pulsazioni, bande, spettri: la matematica delle oscillazioni e delle onde (A. Leaci)
  • 11: Onde gravitazionali: storie e prospettive di una grande scoperta (G. Losurdo – INFN Firenze)

 

lunedì 18 aprile (15-18)

Giornata di condivisione del Piano Lauree Scientifiche – Fisica (i ragazzi delle Scuole Superiori presentano e condividono le attività dei Laboratori di Fisica)

martedì 19 aprile (9.30-13)

Seminari e visite ai Laboratori del Dipartimento e dell’INFN di Lecce

  • La Fisica al servizio della Medicina (G. De Nunzio)
  • Fotoni: il futuro dell’informazione (M. Mazzeo)
  • La Fisica in cucina (D. Delle Side)
  • Luce sull’atmosfera (P. Burlizzi, F. De Tomasi, M.R. Perrone, S. Romano)
  • SUSY messa alle strette da MEG (G. Chiarello, C. Chiri, A. Pepino, G. Tassielli)
  • Grandi occhi puntati sul cosmo remoto (M. R. Coluccia, L. Perrone)
  • Microscopia a Forza Atomica, Nanotecnologie Laser, Ottica e Optometria (A. P. Caricato, M. Martino)
  • Centro di Calcolo (R. Vitolo)
  • Officina Meccanica (a cura del personale tecnico del Dipartimento)

mercoledì 20 aprile (9.30-13)

“Fisica delle Interazioni Fondamentali”

  • 9:  Particle Fever (proiezione del film sulla scoperta del bosone di Higgs, a cura della Biblioteca – Sezione di Fisica, con la partecipazione di F. Bossi, Direttore INFN Lecce)
  • 11.15: Premiazione concorso di fotografia “La matematica in uno scatto”

“Storie matematiche”

  • 11.30:  Dealing with infinity (P. Vergallo)
  • 12: La tenebra in fondo alle parallele: un nuovo mondo dal nulla (F. Esposito)
  • 12.30: Calculus vs Infinitesimalrechnung: storia di una guerra di soli vincitori (A. Carbotti)

 

Per contatti e prenotazioni: andrea.ventura@unisalento.it, 0832 297414 o 339 3876348

Leggi Tutto Nessun Commento

collaborazioni,lecce,puglia,salento,xylella

‘Xylella, l’emergenza non è finita’

Grande partecipazione all’evento “Xylella, l’emergenza non è finita”, organizzato dal Meetup di Torchiarolo che sostiene il Movimento Cinque Stelle e svoltosi ieri presso la Sala consiliare del Comune.
Gli interventi dell’agronomo Cristian Casili, Consigliere Regionale del M5S, e di Luigi Russo, Presidente del Centro Servizi Volontariato Salento, hanno voluto fare chiarezza sulla bozza del nuovo Piano degli Interventi, di cui si doterà la Regione Puglia nei prossimi giorni.

Casilini

Casili

Un piano che, secondo Casili, se non emendato, sostituirebbe agli abbattimenti la mutilazione delle piante, consentendo il ricorso a potature estreme, come le capitozzature e le sbrancature, quando invece sarebbero necessarie potature più leggere e, in ogni caso, non omologate.
L’obiettivo principale dovrebbe essere quello di attuare quelle buone pratiche agricole che diversi ricercatori sostengono, come le potature terapeutiche, la falciatura dell’erba, le arature leggere, affinché il sistema albero – suolo sia in grado di sopportare gli attacchi del batterio.

Afferma Casili: “Per evitare che questo nuovo piano degli interventi sia sterile, cioè che non venga recepito dai contadini, dai produttori e dai cittadini ed apra nuovamente ad ulteriori conflittualità, è necessario che diventi un piano condiviso, che non sia oggetto di critiche, di guerre, ma che sia effettivamente a misura di olivicoltura salentina, con tutte le sue criticità socio economiche. La Regione troverà, all’interno delle misure del Piano di sviluppo rurale 2014/2020, delle risorse, si parla di 40.000.000 di euro, da destinare a chi fa le operazioni di potatura. Chiaramente queste risorse non devono essere destinate a chi capitozza o a chi sbranca gli alberi trasformandoli poi in tronchi, in turpe mutilazioni, ma queste risorse devono essere destinate ad una larga fetta di produttori, soprattutto i piccoli produttori, che non hanno la forza economica per affrontare le buone pratiche che vengono a trovarsi nelle nuove linee degli interventi”. FB_IMG_1459445822640

“Un ruolo importante lo hanno i Comuni che devono fare da trade unions con il nuovo Piano regionale e fare in modo che le risorse destinate arrivino ai destinatari, che sono i contadini e i piccoli proprietari terrieri”, sostiene Luigi Russo, che continua: “I contadini devono attuare il piano e gli enti locali devono essere messi nelle condizioni di dare questo supporto altrimenti, se non lo fanno gli enti locali, queste risorse saranno assorbite dalle grandi associazioni di categoria”.

Leggi Tutto Nessun Commento

eventi,lecce,nardò,salento

NARDÒ TECHNICAL CENTER INCONTRA GLI STUDENTI DELL’UNIVERSITÀ DEL SALENTO

Nardò Technical Center incontra gli studenti dell’Università del Salento in un “career day” in programma martedì 5 aprile 2016 nell’aula “Fermi” dell’edificio “Aldo Romano” (IBIL – Centro cultura innovativa d’impresa, complesso Ecotekne, via per Monteroni, Lecce), a partire dalle ore 10. Dopo l’introduzione dei lavori a cura dell’Ufficio Career Service dell’Ateneo, verranno presentate l’azienda e le posizioni aperte. Dopo uno spazio per domande libere, si potranno infine presentare i curriculum vitae. Nardò Technical Center è alla ricerca soprattutto di laureandi e neo laureati in Ingegneria e Lingue, ma potranno essere valutati anche altri profili.

 

0001Nardò Technical Center è uno dei più grandi e rinomati proving ground del mondo. Il centro è stato fondato nel 1975 e nel maggio 2012 Porsche Engineering ne ha assunto il controllo, mantenendo la struttura aperta a tutti i produttori di automobili.

La caratteristica distintiva del Nardò Technical Center è la sua pista circolare di 12,6 km di lunghezza e 4 km di diametro. La sua inclinazione consente di compensare la forza centrifuga, dando la sensazione di guidare su un rettilineo anche a velocità che raggiungono i 240 km/h. Oltre al circuito ad anello, il Nardò Technical Center offre molte altre piste e impianti e una vasta gamma di servizi di testing.

 

 

Per informazioni sul “career day”: e-mail ufficio.career.service@unisalento.it, telefono 0832 299203-9214-9239

Ulteriori informazioni su Nardò Technical Center: www.porsche-nardo.it

Leggi Tutto Nessun Commento

2016,apicoltura,lecce,salento

Apicoltura Biologica nel Parco 2016

Le attività sostenibili rappresentano una fonte di sviluppo privilegiata per un’ area protetta, tanto più se coinvolgono insetti preziosi come le api, produttrici dell’aureo nettare e  indicatori biologici della qualità dell’ambiente. Da queste premesse nasce, nell’ambito del  SAC “Porta d’Oriente”, il corso “Apicoltura Biologica nel Parco 2016”, un’iniziativa promossa dal Parco Naturale Regionale Costa Otranto – Leuca, Cooperativa Sociale Terrarossa e Associazione “Nettare Natura” .

ListenerLa presentazione prevista per  Sabato 2 Aprile,  ore 18:00, presso gli Spazi di sapori autentici di comunità – Palazzo Baronale di Tiggiano, segna l’inizio di un percorso didattico, teorico e pratico rivolto a quanti vogliono acquisire le conoscenze e le abilità per allevale le api responsabilmente. ”Con questo corso, come già fatto nelle precedenti edizioni, si vuole promuovere una delle più interessanti attività sostenibili per un Area Protetta – sottolinea Francesco Minonne biologo naturalista dell’Area Naturale Protetta- Le api svolgono un ruolo importantissimo sia nella produzione agricola, sia nella conservazione degli ambienti naturali. Il corso peraltro rientra nelle azioni che l’Ente sta portando avanti nella definizione del Paniere dei prodotti del Parco che, con l’implementazione di un marchio e dei disciplinari di produzione, raccolga sempre più aziende e singoli nella Comunità dei Produttori del Parco”.

A fine corso, grazie al sostegno dell’Ente ogni corsista riceverà in dotazione materiale didattico e un’ arnia da apicoltura biologica. Inoltre sono previste gratuità per giovani in condizione di disagio economico e sociale.

Info e segreteria didattica 320 7709937 (Cooperativa Sociale Terrarossa).

Leggi Tutto Nessun Commento

2016,ciclo,cultura,eventi,futuro,lecce,maria elvira consoli,MUSA,salento,serena palma

Il passato per il futuro a Lecce

Dal 2 febbraio al 4 marzo 2016 si terranno quattro incontri su “le nuove frontiere dell’Archeologia”: al via la terza edizione di “Il Passato per il Futuro”, il ciclo di appuntamenti con i docenti dell’Università del Salento presso il MUSA – Museo Storico-Archeologico (via di Valesio, Lecce) che punta a divulgare le più recenti ricerche in storia antica e archeologia condotte dall’Ateneo salentino, caratterizzate da una forte interazione fra saperi e competenze di ambito umanistico e tecnico-scientifico. Le conferenze, aperte al pubblico e agli studenti della Scuola secondaria di secondo grado, sono a ingresso libero fino a esaurimento posti; è quindi consigliata la prenotazione al numero 0832 294253 o scrivendo a infomusa@unisalento.it.

 

Il primo incontro è, appunto, fissato per il prossimo 2 febbraio 2016 alle ore 17; in programma le relazioni:

 

  • Paolo Güll, “Fantarcheologia portami via. La scienza sui social tra haters e untori”

L’archeologia sembra attraversare una nuova stagione di interesse e questo parrebbe un successo, ma a guardare bene il web la sua vita e soprattutto quella degli archeologi è tutt’altro che facile. Attraverso un’analisi di quanto sta accadendo e di come il web sia diventato cassa di risonanza, si approfondirà il rapporto tra archeologia e politica oggi.

 

  • Maria Elvira Consoli, “Il culto della Fortuna Prenestina in Cicerone”

Cicerone nel De Divinatione indaga le origini della pratica divinatoria delle sortes presso Preneste, dove sorse il tempio della dea Fortuna Primigenia. Sulla base del confronto tra analisi critica, analisi del testo ed esame della documentazione storico-archeologica si intende illustrare il pensiero di Cicerone sulla divinazione.

dialoghiarcheologia2016 locandina-44-400x265

  • Serena Palma, “Cuma in Virgilio”

L’antro della Sibilla Cumana compare nei primi versi del VI libro dell’Eneide. In questo luogo Enea dovrà ascoltare i vaticini prima di scendere nell’Ade e scoprire il destino della sua stirpe. Il passo offre interessanti elementi iconografici inediti rispetto ad altre testimonianze figurative ormai note e consolidate nel tempo.

Leggi Tutto Nessun Commento

cultura,lecce,salento

“Madri. Voglio vederti danzare”- Presentazione del libro di Antonia Chiara Scardicchio

Sarà presentato venerdì 29 gennaio 2016, nella sala della Grottesca del Rettorato dell’Università del Salento (piazza Tancredi 7, Lecce), alle ore 17.30, il libro “Madri. Voglio vederti danzare” di Antonia Chiara Scardicchio, docente di Pedagogia Sperimentale all’Università degli Studi di Foggia. Con l’autrice dialogheranno Paola Martino ed Emanuela Boccassini del Centro Studi Osservatorio Donna dell’Ateneo salentino, e il Preside della Facoltà di Scienze della Formazione Scienze Politiche e Sociali Salvatore Colazzo.arton67771

L’incontro è promosso proprio dal Centro Studi Osservatorio Donna, nell’ambito delle sue attività di sensibilizzazione e informazione sul territorio: «La presentazione di questo libro», spiegano le organizzatrici, «vuole essere l’occasione per riflettere sui temi della maternità, delle relazioni che ne scaturiscono, della solitudine in cui a volte le donne si trovano dopo la maternità, della rete tra donne, dello scarso valore sociale che oggi si dà alla maternità nonostante il basso tasso di nascite, e anche della maternità speciale quando si ha un/una figlia disabile».

 

In “Madri. Voglio vederti danzare” (Agenzia Nfc edizioni), Chiara Scardicchio racconta infatti, da madre, del suo amore per la figlia Serena, disabile dalla nascita, e in generale dell’essere madri e genitori in un percorso fatto di dolore, redenzione, bellezza. Il libro, corredato dai dipinti di Patrizia Casadei e dalle sculture di Angela Micheli, si rivolge a uomini e donne, madri e padri, con figli in salute o malati, per aiutarli a comprendere che “bisogna sempre gioire delle piccole cose della vita”.

 

Antonia Chiara Scardicchio (Bari, 1974) è docente e ricercatrice in Pedagogia all’Università degli Studi di Foggia e si occupa dal 1997 di progettazione e formazione nei contesti dell’educazione e della cura. È autrice anche di Logica e Fantastica. “Altre” parole nella formazione (Ets, 2012), Il sapere claudicante. Appunti per un’estetica della ricerca e della formazione (Mondadori, 2012), Adulti in gioco. Progettazioni formative tra caos, narrazione e movimento (Stilo, 2011).

Leggi Tutto Nessun Commento

eventi,koreja,lecce,link,teatro

20 Gennaio 2016- Remember to call your mother

Il 20 gennaio 2016 presso i cantieri teatrali Koreja di Lecce, alle ore 20.45, andrà in scena lo spettacolo “Remember to call your mother”, organizzato da Link Lecce in collaborazione con il Consiglio degli Studenti dell’Università del Salento (locandina in allegato).

Lo spettacolo, spiegano gli organizzatori, “è fatto da giovani e parlakoreja20genn2016 di giovani. Parla delle paure, delle difficoltà nei rapporti umani, di questo mostro chiamato Erasmus che amplifica il tutto. Si è lontani da casa, lontani da mamma, dalla sicurezza che la tranquillità casalinga regala. Ma ci apre gli occhi al mondo, ci fa essere fieri di noi stessi e ci fa venire voglia di urlare al mondo quanto sia bello tutto ciò, quanto sia bello avere vent’anni”.

 

 

Facebook: https://www.facebook.com/events/1265451620136865/

 

Leggi Tutto 1 Commento

Il Blog di Eleonora Marsella – © 2022 – P.I. 04939570752

 Privacy Policy Cookie Policy Termini e Condizioni