Posts Taggati ‘eleonora marsella’

arsenio siani,eleonora marsella,recensioni

Vuoi scoprire nuovi mondi? Con Arsenio Siani PUOI!

Arsenio Siani, classe 1982 esordisce con il suo primo romanzo Roba degli altri mondi, casa Editrice Officine Editorialifoto arsenio

Il protagonista della storia è Fabrizio, laureato in giurisprudenza che dopo un periodo negativo della sua vita, troverà lavoro, presso un ristorante della zona per eseguire la mansione di lava piatti (triste esordio italiano).

Una sera si affacciò dalla sua stanza e vide un uomo in mezzo la strada che l’osservava, sotto una pioggia incessante, si rivelerà una figura- fantasma nei giorni successivi. Fabrizio incontrerà finalmente in un bar Federica, timida, introversa, lavoratrice e si lascerà trasportare per una sera in un contesto, quasi surreale.

La storia ha un triste epilogo che si svolgerà in un ambiente parallelo, un mondo misterioso.

Intervistato per l’occasione, ecco cosa rivela:

Come nasce Roba degli altri mondi?

Roba degli altri mondi nasce da un diario, la classica raccolta di pensieri giovanili in cui generalmente gli adolescenti riversano riflessioni, analizzano ricordi, pensieri, sensazioni, emozioni. Rileggendolo ho avuto la sensazione che, rielaborando il materiale, avrei potuto ricavarne un romanzo.

Un finale inaspettato. Pensi che esista un universo parallelo?

Mi affascinano la teoria delle stringhe e le nuove scoperte della fisica quantistica che teorizzano l’esistenza di dimensioni parallele e altri mondi, non escludo niente, diciamo che nel mio romanzo riporto una possibilità, fantasiosa e senza alcun fondamento concreto ed empirico, ma comunque stimolante e con potenzialità di ulteriori sviluppi.

 Quanto la tua nuova scelta religiosa, ha influito sul romanzo?

Diciamo che il Buddismo mi ha aperto la mente, prima ero ateo e non credo che avrei potuto trattare di temi paranormali, seppure in forma romanzata, se non avessi riscoperto una componente mistica nella mia vita.

Leggi il mio libro perchè….  

Può commuoverti, con la narrazione delle disavventure del protagonista e l’empatia generata dalla descrizione degli stati d’animo. Può emozionare, con la storia d’amore tra i due protagonisti; naturalmente può risultare avvincente, con la intricata trama avvolta da un alone di mistero che si srotola fino allo sconvolgente finale.

cop

Arsenio Siani, Roba degli altri mondi, prezzo ebook 4,99 euro:

http://www.ibs.it/ebook/Siani-Arsenio/Roba-degli-altri/9788898041091.html

Leggi Tutto Nessun Commento

eleonora marsella,laura cassitto,recensioni

Una Nuova Vita di L. CASSIE

Hilary, ricca ragazza di paese, figlia del Sindaco, famosa, ben voluta, sogna di fare la modella.

Maria, sfortunata dalla nascita, orfana, cresciuta con le suore, scappata nell’età della giovinezza, resa schiava da una famiglia agiata, scapperà nuovamente all’età di 18 anni.

Due figure differenti, due destini uniti da una sola matrice, 90 pagine di pure emozioni genuine che vi trascineranno in un turbinio di azioni.

Copertina

La scrittrice è L. Cassie, (pseudo) classe 1993, alle prime armi di un’arte che l’affascina sempre più: la scrittura; esordisce con il romanzo Una nuova vita in formato e-book, 90 pagine, al costo di 2,99 euro.   Foto (3)

Come nasce Una nuova vita?

Una nuova vita nasce da una passione che risiede in me da moltissimo tempo: la scrittura. Sin da piccola ho sempre letto e scritto moltissimo, ma i miei lavori li ho sempre tenuti per me. Scrivevo per lo più per sfogo personale, essendo sempre stata una ragazza introversa un foglio e una penna mi aiutavano ad esprimermi, poi strappavo il foglio e lo gettavo via. Solo poco tempo fa ho voluto dare forma al mio sogno di scrivere un romanzo. Pagina dopo pagina, capitolo dopo capitolo ho dato vita al mio primo lavoro.

Leggi il mio libro perché…

Leggi il mio libro perché… è travolgente.

Quando qualcosa viene fatto con amore, passione e dedizione, non può che venirne fuori un bel lavoro. E poi, diciamocelo, una storia tra sorelle non è proprio il genere di romanzo che troviamo in giro ultimamente. Si parla sempre dell’amore, ma mai di quello famigliare.

Hai nuovi progetti?

Sì, certo..ho nuovi progetti in cantiere. Ho già buttato giù qualche bozza, molte idee si stanno affollando nella mia mente, tutto sta nel scegliere la migliore. Ma a breve credo di cominciare a scrivere un secondo romanzo… fermarsi ad una sola pubblicazione non mi fa sentire una vera scrittrice, quindi… Tenetemi d’occhio!

—————————————————————————————————————–

Qualche link utile della scrittrice esordiente L. Cassie:

https://m.facebook.com/profile.php?id=215414231843632

Writeforpassion2015.blogspot.it

http://www.amazon.it/Una-nuova-vita-L-Cassie-ebook/dp/B00TVV2D7M/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1425913224&sr=1-1&keywords=una+nuova+vita+l.cassie

Leggi Tutto Nessun Commento

eleonora marsella,recensione,STEFANO UGGè

La Setta Delle Tre Erre di STEFANO UGGè

Caldo, magico e adrenalinico: è così che si presenta il nuovo romanzo di Stefano Uggè, dal titolo La setta delle tre erre.

394 Pagine di una storia travolgente che vi trascinerà in un’infinita voragine di azioni tutte correlate tra loro, a loro insaputa. 10367584_1505100446442299_863062594835715966_n

Sandro, Annette, Caterina, Simone, il Maresciallo Del Vecchi, la famiglia di cinesi, Vincenzo, Fausto e tantissimi altri ancora sono i protagonisti del nuovo romanzo noir di Stefano Uggè. La location, tra le righe, è una Torino del futuro, si parte dal 2020.

Alla base c’è una setta, la setta della Grande Madre che ha origini antichissime ma solo negli ultimi cinquant’anni si è ramificata e rafforzata in tal modo. Giustizia, rispetto e Pietà sono i tre aspetti cardini ASSENTI tra le regole della setta stessa.

Un bando, una moto, un bosco, la botola: un mondo infinito ai piedi della Grande Madre. La reincarnazione di Fausto, le azioni di Marbas, l’intelligenza di Vincenzo: tutti ingredienti che renderanno il romanzo ancor più speciale.

 Come nasce LA SETTA DELLE TRE ERRE?

Nasce all’improvviso, mentre scrivevo quello che credevo potesse diventare un racconto. Poi, ad un certo punto della storia, mi sono accorto che la trama stava pian piano assumendo le forme di un romanzo vero e proprio. E così, alla fine è stato.

In quale genere lo classificheresti?

Credo sia difficile classificarlo all’interno di un unico genere, perché leggendolo ci si accorge di entrare in un mondo fatto di Noir, Thriller ed Horror. Se potessi farlo, inventerei un nuovo genere che li include, e lo chiamerei “emotive tension”. Ma se proprio devo scegliere un genere, direi che potrebbe rientrare nei noir contemporanei

Il tuo romanzo in cinque righe..

Siamo a Torino, nel 2020. Sandro e Caterina sono i personaggi principali di una trama che si divincola tra il presente e il passato di ognuno di loro, legato ad un unico uomo che li perseguita per vendicarsi di ciò che gli è stato tolto molti anni prima. Mettendo in atto il suo piano diabolico, nascerà Marbas, una creatura ancora più potente di lui, che dovrà scontrarsi con Simone De Vecchi, giovane e promettente maresciallo dei Carabinieri.

Alla fine, sarà il bene o il male a dominare la città?

Leggi il mio libro perchè…..

Perché, nonostante sia un romanzo lungo, è scorrevole, dinamico, e ricco di colpi di scena, e ogni personaggio ha la sua importanza. Perché i veri protagonisti entrano in scena quando non te lo aspetti. Perché è intrigante, coinvolgente, e alla fine fa anche riflettere.

La sette delle tre erre di Stefano Uggè, Casa editrice Cavinato Editore Internazionale, prezzo di copertina 20 euro.

COVER

Link utili dello scrittore: http://www.amazon.it/La-setta-delle-tre-erre-ebook/dp/B00P58927Y

http://www.mondadoristore.it/La-setta-delle-tre-erre-Stefano-Ugge/eai978889912177/

http://www.ibs.it/code/9788899121778/uggegrave/setta-delle-tre.html

https://www.facebook.com/pages/Stefano-Ugg%C3%A8/1495756430710034

Leggi Tutto Nessun Commento

eleonora marsella,thinking

IMPROVVISAMENTE

La solitudine è quel pugno nello stomaco

che ti colpisce all’improvviso.

Non ha colore

Non ha odore

Ma è una vibrazione.

Ti tocca nell’immediato

Ti chiedi cosa è stato

Rimanendo senza fiato.

Ti plachi all’improvviso,

Rispondi con un sorriso 

Piegandoti al Destino.

IMG_4433k

Leggi Tutto Nessun Commento

benesse,coaching,eleonora marsella,marco d'ambrosio,recensioni

LE TRE REGOLE (per vivere meglio) di Marco D’Ambrosio

Ti piacerebbe vivere senza problemi e avere un’apertura mentale propensa a ogni situazione?

Attraverso il nuovo libro di Marco D’Ambrosio, Le tre regole, si può migliorare la propria forma di pensiero attraverso dei piccoli suggerimenti che lo scrittore, life & wellness Coach, ci suggerisce tramite anche alcuni piccoli esercizi.

MARCO D'AMBROSIO

Il libro è un tascabile, collana Self Help, Taita Press editore, prezzo di copertina 7,90 euro.

Le regole suggerite da D’Ambrosio, sono veramente semplici, se applicate risultano essere efficienti sin dal primo approccio. Le regole sono nello specifico tre, ovvero: Credici, Accedi ad un livello di pensiero superiore e Libera la tua creatività; lo scrittore ci suggerisce durante la lettura alcuni esercizi da eseguire, per avvicinarsi alla sua linea di pensiero.

Marco si è formato in Coaching Umanistico presso la Scuola Italiana di Life & Corporate Coaching e in programmazione Neuro Linguistica presso l’Accademia dei Coach, con le quali attualmente collabora: un profilo personal veramente insolito quello dello scrittore che, vi farà cambiare totalmente modo di vivere, se lo seguirete.

COACHING UMANISTICO 1

Intervistato per l’occasione, D’Ambrosio si racconta:

Come nasce LE 3 REGOLE?

La professione di Coach prevede essenzialmente delle sessioni di coaching one to one, ma nel tempo è nato in me il desiderio di supportare un maggior numero di persone e in questa direzione un libro mi è parso lo strumento più efficace.

Il mio obiettivo è dunque quello di provocare nei lettori la presa di consapevolezza dei propri punti di forza, dei propri schemi mentali, della loro situazione attuale e dello stato desiderato, con lo scopo finale di spingerli all’azione. Nello specifico, “Le 3 Regole”, affronta la tematica della creatività, esaltando il potere che essa possiede nel risolvere i problemi e le sfide della vita.

Come nasce l’interesse per il mondo del life & wellness coaching?

Prima di dedicarmi unicamente alla mia attuale professione, ho lavorato per un decennio nel mondo dello sport, come consulente di molti atleti e amanti dell’attività fisica e mi è divenuto chiaro che per vivere all’insegna del “mens sana in corpore sano”, il punto di partenza non poteva che risiedere nell’atteggiamento mentale, per essere autogovernati e padroni del proprio agire. Pertanto ho deciso di diventare un Coach, in modo da far ottenere alle persone cambiamenti più rapidi e sostenibili nel tempo e soprattutto in linea con i loro valori e scopi di vita.

Leggi il mio libro perché….

Perché è un libro che fornisce l’opportunità di interiorizzare un punto di vista nuovo, più positivo, responsabile e proattivo rispetto alle sfide della vita, favorendo l’assunzione di un atteggiamento molto efficace e risolutivo.

Qual è, secondo te, il male della nostra società e perché si vive così male?

L’ostacolo maggiore è posto dalla cultura odierna, la quale tende a sottolineare negli individui, sin dall’infanzia, i punti deboli e gli errori commessi piuttosto che i punti di forza e le lezioni apprese dall’esperienza.

Per superare questo ostacolo è necessario che ognuno si impegni ad evidenziare le potenzialità che lo contraddistinguono in modo da creare le migliori condizioni per allenarle con impegno e motivazione, al di là delle “penne rosse” e delle critiche non costruttive ricevute dal mondo esterno. Quando si è padroni consapevoli dei propri punti di forza, i punti deboli si trasformano in aree di miglioramento e si accede al mondo del possibile.

Cover_HS19_3REGOLE-page-003

Per approfondire il mondo del wellness coach, qui trovate il libro più altre info su Marco D’AMBROSIO.

http://www.coachdambrosio.it/

https://www.facebook.com/CoachDambrosio

http://www.ilgiardinodeilibri.it/libri/__le-3-regole.php

Leggi Tutto Nessun Commento

eleonora marsella,federica girardi,fotografia,talento

Federica Girardi- Fotografo per creatività

Un talento, tanti sogni e la passione irrefrenabile per la fotografia: sono questi gli ingredienti che caratterizzano il profilo di Federica Girardi, romana, classe 1993.

Sin da piccola si dimostra propensa alla lettura, tant’è che frequenterà poi il liceo alle superiori e Lettere durante gli anni dell’università, approfondendo nel tempo libero con determinazione e desiderio, la passione per la fotografia.

Comincia a fotografare sin da piccola, la svolta arriva a 18 anni: una macchina fotografica evoluta per le sue esigenze, e così comincerà a fotografare, fotografare e fotografare ancora.

Partecipa a vari talent, consegue diversi attestati nell’ambito della moda e della pubblicità, intervistata per l’occasione, ecco cosa ci svela:

Perché la passione per la fotografia?

Amo la fotografia per questo, perché nonostante ad occhi aperti sia facile vedere un bel paesaggio o una bella persona, con la fotografia si ha una prospettiva diversa di ogni cosa. Si fa caso a molti dettagli che, ad occhio nudo, il più delle volte sfuggono. Oltre alla realtà filtrata nell’obiettivo, adoro rivedere le mie foto e apportare qualche modifica, magari alterando i colori o risaltando alcuni dettagli del volto di una persona.

Ti sei specializzata in moda e pubblicità. Come mai proprio questo campo?

Ho scelto di specializzarmi nel campo della moda perché, con il tempo, ho notato di saper fotografare molto bene le persone, stando attenta ad evitare di riprendere i loro difetti ed esaltare i pregi. Mi piace anche tutto ciò che sta dietro la fotografia di moda: la scelta degli abiti, il trucco, le acconciature per i capelli e via dicendo. Inoltre mi piace il rapporto che si crea tra chi sta dietro l’obiettivo e chi sta davanti, nonostante siano persone sconosciute si crea sempre una certa intimità.

Progetti per il futuro?

Prossimamente aprirò il mio studio fotografico in Viale Bruno Buozzi 103/B (zona Parioli). Sarà possibile realizzare book fotografici in sala posa a prezzi economici senza limite di scatti. Per info e prezzi potete contattarmi sulla mia pagina Facebook: www.facebook.com/federicagirardiphoto – Federica Girardi Photography o tramite mail: feddiegi@gmail.com , Realizzo book fotografici personali (anche in intimo), in coppia, foto per feste ed eventi.

Alcuni scatti significativi di Federica Girardi:

Leggi Tutto Nessun Commento

eleonora marsella,interview,napoli,pierpaolo càfone,spot

L’incontro che non ti cambia- Il nuovo successo in casa TIMECODE FILM

Un nuovo progetto è nato in casa TIMECODE FILM, uno spot ironico ma sensibile dal nome L’incontro che non ti cambia. La neo etichetta napoletana TIMECODE FILM si fa promotrice di uno nuovo spot che lascia tutti senza fiato, dalla durata di 30/60’’ è stato girato nella bellissima cittadina napoletana, il soggetto e la sceneggiatura sono di Francesca Aiello, la regia è stata affidata al bravissimo e già noto Pierpaolo Càfone mentre la musica creata ad hoc per lo spot è di Gaetano Fusco, operatori di camera i fratelli Càfone e con numerose altre collaborazioni.

Lo spot vede protagonista uno studente, (Salvatore Maria Marrone) occhiali grandi, libri in mano, pullover molto serio, camminata timida e impacciata …insomma il classico studente-modello che per l’appunto, data la troppa passione per i libri non viene accettato da nessun gruppo e nel momento in cui deciderà di buttare nel fiume i suoi occhiali e i suoi libri, si presenterà una ragazza che con una mano lo fermerà e indosserà lei stessa gli occhiali come simbolo e gesto di somiglianza al fine di non farlo sentire più così solo.

Durante lo spot hanno collaborato: Salvatore Maria Marrone, Yaneli Yasel Candanedo Guerra, Fabio Ferrara, Erik Bassi, Mario Guarnieri, Alessio d’Ambrosio, Rossella Vergara, Alessia Urzo e Roberto Laezza e Pierpaolo Cafòne coglie l’occasione per fare un ringraziamento speciale alla seconda Università di Napoli facoltà di Ingegneria.

Alcune foto dello backstage:

10866054_1605116333043534_6044217323072513172_o-1

11018139_1605116313043536_6794542801431329133_o

Un nuovo successo in casa TIMECODE FILM che, come al solito, non delude mai.

Non l’hai ancora visto?

Schermata 2015-03-08 alle 19.51.08

Leggi Tutto Nessun Commento

bambini,eleonora marsella,fiabe,libri,marco squarcia,recensione

L’attimo in più di Marco Squarcia

Marco Squarcia debutta nel mondo dell’editoria con una raccolta di fiabe indirizzate a bambini e adulti dal titolo l’Attimo in più.

La raccolta si presenta divertente, colorata e ricca sin da subito, arricchita con fantastiche illustrazioni di Giada Piattoni, contiene 12 favole, ognuna con un messaggio finale; i protagonisti sono sempre simpatici animaletti come il topo, il cavallo, cane e gatto e chi più ne ha, più ne metta.

Lo scrittore, classe 1987, è nato nel Parco dei Monti Sibillini e dopo un corso di scrittura creativa ha scoperto di avere una nuova passione per le parole.

foto libro attimo in piu (2)

Intervistato per l’occasione, ecco cosa racconta:

Come nasce Un attimo in più?

Buttando giù idee su idee, mi sono accorto che le novelle avevano ognuna una loro ragion d’essere, un loro significato e tanti, tanti volti. Le ho così modellato, affinché potessero rappresentare un sentimento che mi portavo dietro da tempo, quello appunto relativo alla schiavitù che viviamo ai nostri tempi, dovuta allo stress continuo e imperturbabile

Perché un libro per bambini e non per adulti?

In verità questo volume, se letto con attenzione maniacale, è più diretto agli adulti che ai bambini, ma l’indirizzo e il taglio che ho voluto dargli, è riferito ai più piccini, perché le vere vittime di questo mondo così “veloce”

Qual è la tua opinione in merito i corsi di scrittura creativa?

Sono sicuramente uno strumento utile per chi vuole affacciarsi a questo cosi variopinto e interessante, qual è la scrittura, ma non possono essere il solo. Dietro a tutto ciò infatti, ci dev’essere l’intenzione, il sentimento, l’occhio di chi vuol davvero creare qualcosa di grande o di suo, nell’arte di penna e foglio. Sviluppare la creatività, affinando le tecniche, questo si il compito dei corsi di scrittura creativa.

Ci sono nuovi progetti in cantiere?

Posso affermare che un secondo lavoro è già pronto, ma sto affinando delle novità e quindi la sua uscita non sarà prossima, ma avverrà sicuramente più avanti nel tempo. Altre opere in corsa d’opera, sono in sviluppo ma per questo non posso ancora dire nulla, dato che sono in un cantiere aperto.

Copertina_72dpi

Edizioni simple, prezzo di copertina 9 euro.

Per chiunque fosse interessato a leggere Un attimo in più di Marco Squarcia, può comodamente cliccare in questo link: http://www.amazon.it/Lattimo-pi%C3%B9-Marco-Squarcia-ebook/dp/B00NZJTIII/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1412370510&sr=8-1&keywords=attimo+in+piu

Leggi Tutto 1 Commento

eleonora marsella,guglielmo bin,libri,recensione,traversone

Traversone di Guglielmo Bin- un libro come pochi

Esce il primo romanzo di Guglielmo Bin dal titolo Traversone.

Classe 1988, Guglielmo vive a Pontinia (LT) dove svolge la professione di insegnante, un grande amante della musica e dello sport, Traversone è il suo romanzo d’esordio.

581103_4532518634156_1835203093_n

Travolgente, emozionante, complesso, intrigante, astuto, spassionato: è così che si presenta la sua prima opera, 174 pagine di storia, pubblicato con Lettere Animate, si presenta sin da subito come ‘romanzo dell’anno’.

I personaggi dal carattere distinto fanno da scena ad uno sfondo storico, politico, sociale del Desertico. Ci si affeziona immediatamente di ogni singolo protagonista, perché in ognuno di loro, c’è un po’ di noi: Morgana, forte e problematica lascerà questa terra per il male del secolo, gli amici si riveleranno nemici ed i nemici si dimostreranno colleghi (e non solo), come nel caso di Bottoni. Ed ovviamente tanto, tanto, tantissimo altro ancora che, però, non svelerò.

Intervistato per l’occasione, ecco cosa ci racconta:

Come nasce Traversone?

Traversone nasce in una serata d’agosto del 2013. Vivevo, in quei mesi, un periodo di profonda incertezza – se non proprio di angoscia -, dettata da varie ragioni, ognuna di carattere diverso. Accadde così che quel giorno, a casa da solo e divorato dall’afa, in maniera del tutto spontanea e senza preavvisi, mi trovai davanti al computer a progettare – e subito ad abbozzare – qualcosa di nuovo, qualcosa che non avevo mai fatto prima

Perchè la scelta di questo titolo?

Traversone è un gioco unico nel suo genere, perché l’obiettivo è perdere: il vincitore è colui che fa meno punti, c’è un rovesciamento totale dei segni e dei valori stabiliti.. e a differenza del Tressette non puoi giocare in coppia, ognuno è solo contro gli altri. Il tema del romanzo è infatti quello del gioco, che però è un gioco a perdere, una contraddizione inevitabile che è un inno all’assurdità, alla sua bellezza e al relativo orrore. Contraddizione che ho voluto rimarcare intitolando le tre macro sezioni con cui si organizza il libro con mosse, invece, tipiche del Tressette (Accusa, Buongioco, Napoli).

Poche parole per descrivere il tuo romanzo?

E’ un’opera sull’opposto, sull’esclusione e sulla coincidenza dei sentimenti e dei processi logici, sulla gioia e sulla depressione, sulla sincerità e la falsità, tutto e il contrario di tutto.

 Ti dedicherai a nuovi progetti?

Per adesso ho intenzione di sponsorizzare al massimo l’opera d’esordio, e quindi mi sto concentrando sulla sua diffusione: probabilmente ne uscirà prossimamente anche una versione cartacea e dovrò seguirne passo passo ogni suo aspetto creativo.

A tal proposito, colgo l’occasione per ringraziare Roberto Incagnoli e Lettere Animate per l’opportunità concessa, per aver creduto in me e per aver intrapreso una strada realmente indipendente, che premia la qualità lasciando ampia libertà creativa all’autore: uno schiaffo morale davvero pesante all’arroganza e alla maleducazione di certe case editrici, spesso anche molto quotate.

Ed infine: leggete il mio libro perché…?

Perché no? 🙂

Link utile all’acquisto del romanzo Traversone di Guglielmo Bin.

http://www.amazon.it/Traversone-Guglielmo-Bin-ebook/dp/B00TT9JJ4G/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1425414619&sr=8-1&keywords=traversone

1

Leggi Tutto Nessun Commento

diego cigolini,eleonora marsella,Natura,progresso,recensione,umanità

EVAN, IL PROGRESSO E LA MINACCIA UMANA di Diego Cigolini

Fantasioso, profondo e futuristico: è così che si presenta il romanzo di Diego Cigolini intitolato “Evan, il progresso e la minaccia umana”.

Libere edizioni, 109 pagine di una splendida storia che vi porterà con se durante tutte le avventure del protagonista Evan.

20141104_065222

Il filo conduttore è il progresso tecnologico che sta portando ad una regressione del progresso umano-sociale.

Evan, costruttore di gru, padre e marito, si ritroverà catapultato in una realtà parallela con un compito ben preciso: impartire una lezione agli umani e far capire loro che il comportamento adottato verso la natura non dovrebbe essere così com’è.

Come nasce Eva, il progresso e la minaccia umana?

<< Questo libro nasce principalmente dalla voglia di raggiungere un obiettivo, dalla voglia di vincere una sfida con me stesso e di mettere in pratica quello che mi è stato insegnato. Da parecchi anni, dentro di me, era nato il desiderio di scrivere una storia, ma mi sono sempre posto mille domande alle quali non sapevo darmi una risposta. Questa mia paura di cominciare un cammino insicuro mi ha sempre ostacolato fino a quando, un giorno molto particolare, sono riuscito a dominare ciò che temevo, ho iniziato a scrivere e ho vinto le mie paure. A quel punto è nata la mia prima opera>>.

Evan è il personaggio chiave. Come ti sei ispirato?

<< Evan è l’insieme di tutto ciò che ogni giorno succede sul nostro Pianeta. Qualsiasi strumento di informazione, il nostro comportamento e la natura dell’essere umano mi trasmettono sensazioni negative convincendomi ogni giorno che la strada intrapresa è quella sbagliata. Evan vuole essere anche un messaggio inviato al fine di cambiare la direzione di quella strada maledetta senza ritorno>>.

Cosa pensi del progresso?

<< Credo che il progresso sia un’arma e che in un futuro molto vicino si ritorcerà contro l’uomo. Stiamo ricevendo molti segnali dalla natura che ci dovrebbero far riflettere, ma come al solito, l’uomo mette i suoi interessi al primo posto, è evidente che quello che stiamo facendo è sbagliato perché basta guardare le conseguenze che ne derivano>>.

Quanto la tua vita ha inciso sulla stesura del romanzo?

<< Io cerco ogni giorno di contribuire al mantenimento dell’equilibrio e di limitare al massimo i danni derivati dal mio comportamento. Vorrei poter fare molto di più e coinvolgere molte persone a rispettare tutto ciò che ci circonda. Per rispondere alla tua domanda direi abbastanza…>>

Stai pensando ad un nuovo progetto?

<<Nella mia testa è tutto già scritto e mi piacerebbe riuscire a scrivere il sequel di questa mia prima opera. Dovrò trovare il tempo che ora non ho, dovrò cercarlo, gestirlo e finalmente utilizzarlo nel modo più corretto possibile al fine di generare quell’equilibrio tanto fragile da raggiungere>>.

Diego Cigolini è uno scrittore molto particolare, la sensibilità e il rapporto con la natura trapelano sin dalle prime righe del suo romanzo d’esordio Evan, il progresso e la minaccia umana. Sarebbe un peccato non avvicinarsi ad una scrittura così forte, una storia così futuristica che ha come messaggio portante: rispettare la natura, e non solo.

Alcuni link per l’acquisto: http://www.libreriauniversitaria.it/evan-progresso-minaccia-umana-cigolini/libro/9788898858149

http://www.rcslibri.it/scheda-libro/?isbn=9788898858149

Leggi Tutto Nessun Commento

eleonora marsella,LEONARDO MANETTI,libri,recensioni,schianti

SCHIANTI di LEONARDO MANETTI

Tra i diversi generi letterari la poesia è la più delicata e complessa: delicata perché parla dell’animo umano nelle sua sfaccettature, complessa perché non si può giudicare ma solo interpretare in cuor proprio.

Vi presenterò in questo post una raccolta poetica molto singolare, scritta da Leonardo Manetti dal titolo Schianti.

leonardomanetti

Leonardo, classe 1981 nato a Firenze, non è scrittore per professione, anzi in realtà è laureato in viticoltura e enologia ed è un imprenditore agricolo che ha seguito le orme della sua famiglia. Nel campo delle ‘parole’ è già noto, perché è attivo nella realtà socio-culturale e ha partecipato a diversi concorsi importanti.

Esistono tantissimi strumenti per comunicare, come mai proprio la poesia?

<< Non ho scelto io la poesia, la poesia ha scelto me-confessa lo scrittore- ho sempre scritto poesie fin d’adolescente, o meglio ancora piccoli pensieri dettati dal cuore, le parole mi escono spontaneamente e stanno sospese in aria fino a quando non le metto per iscritto o me le dimentico>>.

Come pensi sia percepita la poesia in questo periodo storico?

<< In Italia penso che la poesia sia troppo legata alle regole classiche e questo non aiuta a diffonderla. In un mondo dove tutti gli aspetti della vita sono mutati, si sono evoluti con il passare del tempo, bisogna cercare nuovi stili anche per la poesia. Va bene guardare al passato ma bisogna vedere il presente e il futuro>>.

Quanto le nostre esperienze passate influenzano la nostra penna?

<< La vita è come un viaggio- dichiara Leonardo- ogni giorno la mente è arricchita dalle esperienze, dai fatti e dalle persone incontrate, e questo non può non influenzare quanto si scrive. La poesia è verità>>.

Quale idea ti sei fatto dell’editoria d’oggi?

<< Per la poesia, visto che vende ancora meno della prosa, è ancora più difficile trovare un editore disposto a pubblicarti l’opera senza chiedere soldi in cambio- confessa Leonardo- nel mio percorso fino ad oggi sono stato fortunato, forse anche grazie alla mia caparbietà, a trovare due piccole casa editrici controcorrente, Tempo al Libro di Faenza e Marco del Bucchia di Massarosa>>.

Quali sono i tuoi prossimi progetti?

<< Nell’ultimo periodo sono capitate diverse cose belle, e per ora continuano, da partecipazioni a eventi a vari riconoscimenti con premi vinti, ma per me la poesia è una passione e non voglio viverla con progetti di media-lunga durata come già siamo obbligati a farlo nel lavoro e nella vita quotidiana. Non sempre nella vita lo posso fare ma per la poesia si, la voglio vivere giorno per giorno>>.

schianti-copertina

Voglio lasciarvi con una poesia che mi è arrivata dritta al cuore ed è ovviamente presente in Schianti di Leonardo Manetti:

ODIO

 

Odiare è amore

Pensiero deviato

Incroci pericolosi

Persa per strada.

 

Distante e silenzioso

Muore la ragione

Viva il rancore

Dall’amore acceso.

 

Pe chiunque volesse avvinarsi a questa fantastica raccolta poetica, ecco qui il link utile: http://www.tempoallibro.it/schianti.html

Leggi Tutto 2 Commenti

DAVID VALENTINI,eleonora marsella,libri,recensione

Moti di rivoluzione intorno alla morte di DAVID VALENTINI

Giornate spente, vento, apatia sono gli ingredienti di un weekend uggioso, se però, siete accompagnati da un buon libro sono certa che le ore vi potranno sfuggire dalle vostre mani.

Moti di rivoluzione intorno alla morte è un buon libro che potrebbe cullare le vostre giornate, sebben le 220 pagine potrebbero essere lette in pochissime ore.

Lo scrittore è David Valentini, classe 1987, laureato con lode in Filosofia presso l’Università La Sapienza, scrive dal 2005.

Profile pic

Il suo romanzo è una splendida storia che si snocciola intorno ad un fatto terribile: la morte del giovane Daniele, dovuto ad un incidente stradale a Roma.

I personaggi che colorano le vicende, che vanno dal 12 al 16 Settembre, sono descritti così dettagliatamente che sembra quasi di toccarli o di conoscerli. Dai caratteri differenti, si distingue Sofia sorella di Daniele col il suo caratterino tipico adolescenziale, il padre, dal carattere introverso e la madre così ansiosa.

Diverse altre figure partecipano al romanzo, sono tutte descritte dall’interno, le pagine trapelano i pensieri dei protagonisti..

Come nasce Moti di rivoluzione intorno alla morte?

<<A differenza del mio primo romanzo, Moti di rivoluzione non è autobiografico. È segnato però da una domanda molto personale: cosa accadrebbe, alle persone che amo, se io morissi? Il libro è la storia di un protagonista assente vissuto attraverso le parole e i gesti dei presenti>>.

La fine è al quanto inaspettata: quale messaggio hai voluto lanciare ai tuoi lettori?

<<Io detesto i libri con la “morale”, mentre amo i finali aperti, in cui il lettore può inserire le “continuazione” desiderata. Il mio intento è quello di far sorgere domande e riflessioni nel lettore, non di fornire risposte esaustive>>.

Il prezzo di copertina è di 6 euro. Prezzo modico, calcolando le 220 pagine di lavoro. Perché questa scelta?

<<Finché posso, vorrei lasciare i miei testi a un prezzo accessibile a tutti, poiché in Italia leggere costa troppo, quando si acquista del “nuovo”. Spero di poter fare lo stesso anche col nuovo editore>>.

Ci sono aspetti autobiografici all’interno del romanzo?

Solo nei dettagli e in alcune riflessioni, soprattutto quelle di ordine “morale”. La mia vita non è interessante, perché gli altri dovrebbero leggere un testo al riguardo?

Cover - Moti di rivoluzione intorno alla morte

Moti di rivoluzione intorno alla morte, prezzo di copertina 6 euro, 220 pagine da leggere e amare.

Il libro sarà in commercio nei prossimi mesi (con editore non EAP) io ho avuto il piacere di leggere la versione pubblicata in selfpublishing.

Per altre info: http://www.darvax.com/miei-libri/moti-di-rivoluzione-romanzo/

Leggi Tutto Nessun Commento

Il Blog di Eleonora Marsella – © 2022 – P.I. 04939570752

 Privacy Policy Cookie Policy Termini e Condizioni