Posts Taggati ‘eleonora marsella’

autori emergenti,blog,blogger,eleonora marsella,il blog di eleonora marsella,job,la rassegna degli scrittori emergenti,rassegna letteraria,roma,settembre

La Rassegna degli Scrittori e degli Artisti Emergenti Settembrina- PROGRAMMA COMPLETO

Torna La Rassegna degli Scrittori e degli Artisti emergenti a Roma in zona Monteverde dal 23 al 25 Settembre 2016.

12899839_10208470159612732_172499464_n

Marco Patuzzi- Poeta

Autori, Poeti, Artisti, Fumettisti, Illustratori, Creativi, Musicisti, Associazioni Culturali e Case Editrici TUTTI in unico appuntamento dalle 16.30 alle 19.30 presso Largo Ravizza 1A.

Di cosa si tratta?

Salotti letterari immersi nel verde con presentazioni di libri, associazioni culturali a confronto e nuove proposte editoriali; intorno artisti di vario genere con l’esposizione delle loro opere artistiche e letterarie.

INGRESSO LIBERO- BUFFET FINALE

 

Programma COMPLETO

Venerdì 23 Settembre a partire dalle 16.30

 

13735761_10209381590717940_9216931326521538997_o

Francesca del Vicario- ATTRICE

Monologo d’apertura dell’attrice Francesca del Vicario Il Libro 

 

Conversazione con L’Associazione culturale Book Faces con il topic scelto “Libri per chi non ha paura di metterci la faccia”

 

Presentazione del libro Condannato a pensare! Edizione Albatros Filo di Claudio Alciator

 

Dialogando con Associazione culturale Arcadia – Le radici sono il nostro futuro di: “Attività ludiche e visite guidate per scoprire archeologia e arte divertendosi in famiglia”

 

Performance poetica di Marco Patuzzi “Un percorso poetico fra le inquietudini del esistere”

 

Esposizione dei seguenti artisti:

Marzio Mereggia

Ilaria Lucia

Damiano Moscatelli

Francesca Deodati

Cristina Basile

Maria Rosaria Tedesco

 

13723941_10209385725461306_7173629571978651371_o

 

Sabato 24 Settembre dalle 16.30

 

Monologo d’apertura dell’attrice Francesca del Vicario Il Libro

 

Presentazione raccolta poetica E la vita va così, a volte no a volte sì di Tiziana Martino

 

Dialogando con Marko d’Abbruzzi e Claudia Cintio: “Come nasce I.D.E.A.- Nuova casa editrice”

 

Presentazione del libro di Francesco Leo Viktor – Il ciclo della rinascita 13738220_10209385916986094_5875701451375063877_o

 

Intervento di Michele Citro Editore: “Il ruolo delle case editrici a pagamento nella divulgazione della letteratura minore”

 

Intervento a cura di La bottega dello scrittore: “La figura dello scrittore oggi”

 

Presentazione dell’applicazione Qubook creata da Renato Costa

 

Performance poetica di Marco Patuzzi “Un percorso poetico fra le inquietudini del esistere”

 

 

Esposizione dei seguenti artisti:

Marzio Mereggia13669342_10209381625158801_2420582332338399396_o

Ilaria Lucia

Damiano Moscatelli

Francesca Deodati

Cristina Basile

Eleonora Vittori

Stefania Peracchia

Maria Rosaria Tedesco

 

Domenica 25 Settembre a partire dalle 16.30

 

Monologo d’apertura dell’attrice Francesca del Vicario Il Libro 

Lavinia Marnetto-CANTANTE

Lavinia Marnetto-CANTANTE

 

Presentazione del libro L’amore non ha pregiudizio di Roberta Caradonna

 

Presentazione del libro Luminose stelle sul cielo di Kabul di Soraya Tiezzi.

 

Intervento dell’editore Michele Citro, Paguro Edizioni.

 

Presentazione dell’applicazione QuBook creata da Renato Costa

 

Performance poetica Marco Patuzzi “Un percorso poetico fra le inquietudini del esistere”

 

Esposizione dei seguenti artisti:

Marzio Mereggia

Ilaria Lucia

Damiano Moscatelli

Francesca Deodati

Giorgia Abbondanzieri

Stefania Peracchia

Chiara Ruggeri

 

 

LOCATION: Totem Garden Bar, Largo Alessandrina Ravizza 1A, Roma (quartiere Monteverde)

 

DA UN’IDEA DELLA BLOGGER ELEONORA MARSELLA

 

STAFF

STAFF

STAFF:

ELEONORA MARSELLA- ORGANIZZATORE E MODERATORE

FRANCESCA DEL VICARIO ATTRICE CHE INTERPRETERà GLI ESTRATTI

LAVINIA MARNETTO CANTANTE BLUES – ACCOMPAGNAMENTO MUSICALE

FEDERICA GIRARDI – FOTOGRAFA

 

EVENTO FACEBOOK: https://www.facebook.com/events/1082736025143564/

 

Foto precedente rassegna di Luglio: http://ilblogdieleonoramarsella.it/la-rassegna-degli-scrittori-emergenti-estiva-conclusioni-e-foto/

 

 rassegna settembrina

Leggi Tutto Nessun Commento

autori emergenti,blogger,eleonora marsella,eventi culturali,federica girardi,francesca del vicario,lavinia marnetto,roma

LA RASSEGNA DEGLI SCRITTORI EMERGENTI ESTIVA- PROGRAMMA COMPLETO

0002La meravigliosa capitale romana ospiterà dal 5 al 7 Luglio 2016 una nuova rassegna dedicata agli scrittori esordienti organizzata e firmata dalla Blogger Eleonora Marsella.

Tre giorni in cui sarà possibile conoscere nove autori, diversi generi letterari, illustratori, artisti, pittori e fumettisti.

 

Una nuova rassegna dove gli AUTORI EMERGENTI sono al centro dell’attenzione, attenzione che la Blogger pone nei confronti di questa interessante fazione dell’editoria d’oggi.

Lo staff della Blogger, già promotrice di altri eventi romani, comprende, FEDERICA GIRARDI (fotografa) e FRANCESCA DEL VICARIO (attrice).

 

In allegato il PROGRAMMA COMPLETO, la rassegna si terrà al TOTEM GARDEN, zona Monteverde, dalle 18 alle 22 con ingresso libero.

 

TOTEM GARDEN

TOTEM GARDEN

La novità di questa nuova rassegna è la presenza di giovani artisti italiani, fumettisti, illustratori, pittori e tanto altro: tutto intorno le presentazioni dei libri degli autori emergenti.

 

 

 

 

5 LUGLIO

 

Sonia Strangio- Genere storico,SAGA- BUON SANGUE

 

Enrico Inferrera- Narrativa- VITE BISESTILI

 

 

 

6 LUGLIO

 

Marco Riccardi- Sport- LA ROMA DI SPALLETTI

 

Roberta Gelsomino- RACCOLTA POETICA- PRIMAVERA

 

Giancarlo di Giovine- Attualità- VIA DALL’INFERNO

 

 

 

7 LUGLIO

 

Antonio Mascolo- INTROSPETTIVO- SPIRALI DI COSCIENZA

 

Marko D’Abbruzzi- FANTASY- LE CRONACHE DI ANSORAC

 

Tiziana Martino- RACCOLTA POETICA- E LA VITA è COSI, A VOLTE NO, A VOLTE Sì.

 

 

 

ESPOSIZIONI ARTISTICHE:

 

5 LUGLIO

Ilaria Lucia

Marzio Mereggia

Corinna Attila

Lazzaro Laura

Lazzaro Lucia

 

6 LUGLIO

Ilaria Lucia

Corinna Attila

Lazzaro Lucia

Lazzaro Laura

 

7 LUGLIO

Ilaria Lucia

Stefania P.

Alessandro Grillea

Elisa Lipizzi

Elisa Caparesi

Lazzaro Laura

Lazzaro Lucia

Priscilla Minutello

Massimo Minutello

Fabiola Bonghi

Giorgia Abbondazieri

 

 

Cantante durante le presentazioni: LAVINIA MARNETTO

A sinistra la moderatrice Eleonora Marsella, a destra la cantante Lavinia Marnetto

A sinistra la moderatrice Eleonora Marsella, a destra la cantante Lavinia Marnetto

 

Fotografa: FEDERICA GIRARDI

 

Attrice: FRANCESCA DEL VICARIO

 

Moderatrice: ELEONORA MARSELLA

 

 

5/6/7 LUGLIO- TOTEM GARDEN DALLE 18 ALLE 22.

 

BUFFET FINALE PER COLORO CHE PARTECIPERANNO ALLE PRESENTAZIONI.

TOTEM GARDEN

TOTEM GARDEN

 

INGRESSO LIBERO

 

 

Evento facebook: https://www.facebook.com/events/1751174598427385/

 

Pagina facebook della Blogger: https://www.facebook.com/Ilblogdieleonoramarsella/?fref=ts

 

Per info: 3802646915- ELEONORA MARSELLA

Leggi Tutto Nessun Commento

eleonora marsella,il blog di eleonora marsella,le cronache di ansorac,marko d'abbruzzi,recensioni,roma,scrittori emergenti

L’esordio geniale dello scrittore romano Marko D’Abbruzzi

Marko D’Abbruzzi, giovane romano, esordisce nel mondo dell’editoria con un fantasy a dir poco GENIALE.

Marko D'Abbruzz

Marko D’Abbruzzi

Le Cronache di Ansorac – Genesi è il primo capitolo di una saga fantasy ambientato nel multiforme mondo di Ansorac. Tratta di un mondo governato dalle potenze della religione e dell’industria energetica; un mondo sulla via del declino, i cui popoli sono oppressi sia da una fede spietata sia dall’avida MiddleCorp, la società che gradualmente mira a prendere il controllo di ogni terra. Questo grazie alle sfere di energia degli antichi Geodi, da cui il potere magico trae origine, ma che in mano agli esperti e agli uomini senza scrupoli può diventare un’arma potentissima.

La vicenda ruota intorno a vari personaggi, di razza e cultura diverse. Due giovani fratelli che lottano per costruirsi il futuro che hanno sempre sognato; un nobile barone che si batte per proteggere il suo piccolo dominio; un presidente mezzoleone esiliato, in cerca di giustizia; attraverso i loro occhi, e quelli di altri personaggi, il lettore assisterà a un susseguirsi di eventi che porteranno a grandi conseguenze sul mondo intero… una guerra di potere sulla quale si metteranno alla prova la forza di eroi e malvagi.

Lo stile è preciso e scorrevole, con grande cura nelle descrizioni di ambienti e fatti. I personaggi sono ben caratterizzati e i dialoghi non sono mai pesanti. I viaggi, i duelli e la magia sono coinvolgenti. Gli appassionati del genere noteranno sicuramente, attraverso nomi quali Ifrit, Auron o Kimari, l’omaggio dell’autore alla saga di videogames Final Fantasy. Non mancano comunque riferimenti alla cultura del nostro mondo, in particolare alla religione cristiana (qui trasposta genialmente in chiave fantasy ed elevata a ben più di un semplice credo) e ad alcuni problemi che affliggono sfortunatamente l’umanità. Le crisi economiche ed energetiche, infatti, sono una triste realtà che arrivano a intaccare ormai anche i mondi di fantasia, forse allo scopo di farci aprire gli occhi e rivolgerli verso i problemi che possiamo affrontare.

Questo primo capitolo della saga trascinerà i lettori in un mondo crudele e affascinante, nel corso di un’epica avventura ricca di eventi e macchinazioni, dalla trama articolata, degna delle migliori saghe letterarie o videoludiche che ne hanno ispirato la realizzazione.

Come nasce “Le Cronache di Ansorac”?

La saga nasce in primis come ambientazione per un gioco di ruolo che creai per i miei amici quasi dieci anni fa. La storia fu talmente avvincente e i personaggi ben sviluppati che, dopo l’uscita di Cattivi Ragazzi (il mio secondo libro nda), mi misi al lavoro per rendere l’ambientazione un romanzo vero e proprio. In secondo luogo, dopo i vari studi e ricerche effettuati per la stesura, nasce come “sfogo” verso certe problematiche assurde che la nostra società affronta da troppo tempo.

Nell’opera sono evidenti, per non dire numerose, le citazioni alla saga videoludica di Final Fantasy, attraverso nomi, eventi e luoghi. Come nasce l’ammirazione per quel gioco?

Un po’ per scaramanzia! La casa produttrice di Final Fantasy stava fallendo e, per cercare di ritirarsi su, creò e lanciò sul mercato proprio il primo videogame della serie. Fu la loro fantasia finale a salvare la casa produttrice e a renderla un “must” fra tutti i giocatori. Quindi uso questa mia final fantasy per rendere la mia vita e il progetto I.D.E.A. una base su cui noi ragazzi (lo staff) possiamo ancora sperare in un futuro basato su ciò che amiamo. In secondo luogo Final Fantasy VII fu il primo gioco la cui storia mi appassionò al punto da impararmi l’inglese per poterla apprezzare meglio. Inoltre ha partorito il “cattivo” per eccellenza; Sephirot!

La religione è un altro elemento fondamentale dell’opera, una sua colonna portante. È evidente il riferimento al cristianesimo, e la rivisitazione in chiave “fantasy” del Cristo in persona. Quanto forte è stata la presenza della religione nella tua vita?

È una domanda complessa la cui risposta potrebbe scatenare una sequela di incomprensioni di portata biblica (per restare in tema!). Diciamo che la presenza della religione nella mia vita è stata sempre una sorta di fantasma irrilevante. Sapevo ciò che tutti sanno, quello che comunemente viene insegnato a scuola o a catechismo (sebbene io non l’abbia frequentato e non abbia nemmeno praticato comunione e cresima) ma oltre il “saper comune” mi era tutto oscuro e indifferente. Quando iniziai a scrivere il romanzo dovetti giocoforza approfondire l’argomento e iniziai sia la lettura della Bibbia che una ricerca su come fosse nato il concetto di “religione” e tutto ciò che ne consegue. Senza andare oltre posso solamente dire che molti di coloro che si professano “credenti” in realtà non hanno mai letto nulla sulla “loro” religione né sul loro “Dio” e quantomeno su qualunque cosa che riguardi il concetto di “fede”. Rispetto ogni credo e ogni forma di fede finché questa non tenta di impormi un pensiero o uno stile di vita. Per quanto riguarda il cristianesimo e il Cristo… mi riservo la facoltà di non rispondere.

Giusto per puntualizzare, dato che l’ultimo volume della saga si intitola Amen, questa parola deriva dall’egizio Amon che significa nascosto, celato. Fu l’appellativo che diedero a Ra quando scomparve per un periodo dall’Egitto e divenne, infatti, Amon-Ra, ossia Ra il Nascosto.

Leggi il mio libro perché…

13234789_10154105754987570_9474802_oSi lasciano da parte i canoni del fantasy per dare spazio a nuove possibilità, miscelando realtà e immaginario in un mondo che ho tentato di rendere il più vero possibile. Magia e tecnologia si fondono per ampliare e modificare il concetto standard di magia, il tutto arricchito da problematiche attuali e da un’unica verità: se solo volessimo, tutti i problemi del nostro mondo smetterebbero di essere tali.

Cosa bolle in pentola per il futuro?

Oltre ai volumi successivi di Le Cronache di Ansorac, già pronti per essere pubblicati, ho in fase di conclusione diversi romanzi, fantasy e non. Mi piacerebbe cimentarmi in un horror e in un post-apocalittico. Pian piano che il progetto I.D.E.A. si stabilizzerà rimetterò mano a vecchi scritti! Inoltre stiamo preparando un fumetto che farà da sponda a Genesi-Inferno&Paradiso e Apocalisse-Olocausto, il secondo volume della saga.

Le Cronache di Ansorac, 5 stelle su 5, al seguente link: http://www.lafeltrinelli.it/libri/d-abbruzzi-marko/genesi-inferno-paradiso-cronache-ansorac/9788894160208

 

Si ringrazia per la collaborazione Matteo Pratticò.

 

Vuoi conoscere l’autore e il suo libro? Marko D’Abbruzzi ti aspetta il 7 luglio dalle 18 al Totem Garden di Roma (zona Monteverde) : rimani aggiornato sugli eventi letterari attraverso la pagina facebook https://www.facebook.com/Il-blog-di-Eleonora-Marsella-279362378924577/

 

Leggi Tutto Nessun Commento

eleonora marsella,ermetismo,federica girardi,marco patuzzi,poesia,roma

La tour poetica di Marco Patuzzi a Roma- VIDEO

Il poeta ermetico Marco Patuzzi è stato ospite nel mese di Marzo 2016 nella capitale romana, durante la sua tour poetica a Roma durata tre giorni.

La tour, organizzata dalla Blogger Eleonora Marsella, ha fatto tappa al Teatro Trastevere, Associazione Febo e presso il caffè letterario MangiaParole, i momenti migliori sono stati fermati dalla fotografa Federica Girardi ( https://www.facebook.com/FedericaGirardiPhoto/?fref=ts ).

 

 

Vuoi vedere la performance di Marco Patuzzi?

Clicca qui >> http://www.dailymotion.com/video/x44dqt6

Leggi Tutto Nessun Commento

eleonora marsella,erna dassal,recensioni,scrittori emergenti

Erna Dassal di Angelo Pettofrezza

Angelo Pettofrezza, classe 1947, salentino, pubblica il suo terzo romanzo con Lupo Editore, dal titolo Erna Dassal.

Il protagonista è Luca, impiegato presso l’Ambasciata di Berlino che, nel corso della sua carriera e della sua vita, incontra una sua compaesana nella cittadina tedesca. Erna, che irrompe nella vita di Luca come un fulmine a ciel sereno, colora le giornate di Luca a giorni alterni, andando a creare umori contrastanti a chiunque entri in contatto con lei. Luca, svolgerà un ruolo centrale nella vita professionale di Erna che, ricorrerà al suo aiuto tante e tante volte nel corso degli anni lasciando un segno finale dal sapore inaspettato.

Trama, ricerca dei personaggi e idea meritano le 4 stelle su 5: un libro consigliato agli amanti dell’inaspettato. Copertina ultima verdeee

Come nasce Erna Dassal?

Il romanzo nasce dal desiderio e dalla curiosità di comprendere il comportamento dei personaggi del racconto che sono persone amiche che hanno realmente fatto parte della mia vita.

Ci sono elementi biografici?

Si, ho voluto prestare a Luca molto di me, anche fisicamente, perché scrivendo in prima persona mi avrebbe facilitato il lavoro e poi anche e soprattutto, per non correre il rischio di svelare la sua vera identità.

 

Il tuo libro in poche righe…

Parlo di emigrazione. Io stesso sono emigrato in Germania da ragazzino e ho vissuto all’estero una grandissima parte della mia vita. Per i miei racconti attingo dai miei ricordi. Anche i miei primi due romanzi parlavano di emigrazione, ma qui non parlo degli anni cinquanta/sessanta, ma di quella attuale, perché se i primi emigranti erano soprattutto operai, ora sono i giovani laureati che emigrano per cercare un lavoro che in Italia non trovano.

 

Leggi il mio libro perché?

Invito a leggere il mio libro, perché racconta una bella storia d’amore, sembra quasi una storia di altri tempi, sebbene svoltasi negli anni 2000.

E’ un amore molto bello, ma, se pensiamo ai tempi attuali, è soprattutto un amore pulito.

 

Cosa significa il titolo?

Dovevo dare un nome alla protagonista e per non svelare la sua vera identità, un giorno mi misi a scrivere i nomi di tutte le ragazze e donne che conoscevo, parenti e amiche e alla fine il nome più ricorrente era quello di “Alessandra”. Così mi misi a giocare con le lettere e alla fine ne è uscito “Erna Dassal”.

Mi è subito piaciuto e lo adottai come titolo del mio romanzo, anche perché comprendeva il carattere enigmatico della mia protagonista.

 

Progetti futuri?

Ho diversi progetti. Il più imminente sarà un nuovo romanzo. Anche questo tratterà una storia vera, attinto sempre dal mondo dell’emigrazione e il cui titolo potrebbe essere: “Corte d’Assise”.

 

Erna Dassal di Angelo Pettofrezza, Lupo Editore, prezzo di copertina 13 euro.

Leggi Tutto Nessun Commento

angelo pettofrezza,eleonora marsella,lecce,libri,maglie,salento,vito adamo

28 Dicembre Presentazione degli autori Vito Adamo e Angelo Pettofrezza presso la Libreria Ubik

In data 28 Dicembre 2015 si svolgerà a Maglie presso la libreria Ubik la presentazione di due libri di autori salentini, Vito Adamo e Angelo Pettofrezza, con il quale si parlerà anche di immigrazione, mentre il richiamo alle radici è forte, per via delle poesie legate al Salento nate dalla penna di Vito Adamo.

A fine presentazione sarà consegnato il buono, spendibile presso la stessa libreria di Maglie, a una o più famiglie bisognose della cittadina magliese. I fondi raccolti sono il frutto di un Giveaway organizzato dalla Blogger magliese Eleonora Marsella.

L’evento del 28 Dicembre è stato organizzato insieme all’Ass. Franca Giannotti che si è dimostrata favorevole e lieta della bella iniziativa sin da subito, che ha forti legami con la nostra terra. 12398273_10207012783831438_460284422_o

Tuttavia unire cultura e beneficenza, non può che fare del bene.

Angelo Pettofrezza e Vito Adamo presso la libreria Ubik Maglie dalle ore 18, gli estratti di alcuni libri saranno letti dall’attrice Agnese Perrone e l’evento sarà moderato dall’organizzatrice dello stesso Eleonora Marsella.

 

 

 

Evento facebook al quale aderire: https://www.facebook.com/events/1029469933763669/

Leggi Tutto 2 Commenti

eleonora marsella,INTERVISTE,jean christophe casalini,recensioni

Otto- Luce e ombra di Jean Christophe Casalini

 

JeanChristophe Casalini, scrittore milanese di origini francesi e danesi, pubblica il suo romanzo “OTTO, Luce e ombra” edito da Vertigo.

Il romanzo si rivela fin da subito molto intrigante, lo stile dell’autore accattivante e magnetico .

Otto, il giovane protagonista, è un aspirante mago dal passato tragico e dal futuro incerto, che insieme alla sua fidanzata e amica di sempre Anna, cerca la via per il successo. I continui fallimenti e le pressioni da parte di tutti spingono Otto sull’orlo di un’apparente follia e lo portano alla rottura definitiva con la sua amata fidanzata. Per giovane di Mestre è la fine… eppure nulla nel libro di Jean Cristophe Casalini è come sembra; Otto si troverà davanti a delle scelte,che cambieranno per sempre il suo futuro e quello di molte altre persone. Otto. Luce e ombra

Un turbinio di colpi di scena, intrighi, eros, sulla scia di violenza segnata dal sottile confine tra bene e male, tra luce e ombra, tra realtà e finzione… un viaggio nelle parti più oscure del desiderio umano che travolge e trasporta il lettore nel mondo scintillante dell’invincibile mago Otto.

Una lettura piacevole, coinvolgente, sorprendente; un libro da assaporare in una notte, tutto d’un fiato…certamente un bel regalo di Natale.

Come nasce il libro?

Otto è nato in un momento molto particolare della mia vita, attraversata da un grande cambiamento. Non mi sono mai fermato, mi sono sempre messo in gioco. Raggiunto ogni volta il personale potenziale in un campo professionale, ho poi sentito l’esigenza di perlustrare altre forme espressive. Se in passato era per motivi meramente edonistici e utilitaristici del mio ego, oggi assecondo un personale ed umile egotismo. Uscivo dalla mia avventura di Sound Designer, trasmessa ora ad altri, per lanciarmi nella produzione multimediale, intesa come la fusione di tutte le mie esperienze artistiche del passato. Scrivere Otto – Luce e Ombra è il complemento del fronte espressivo attuale che vado provando.

 

Il libro è ricco di richiami al mondo scientifico, fisico e chimico; da dove nasce questa concezione “matematica” della realtà?

Ho una grande passione per tutto quello che ripercorre all’indietro lo scomponimento delle leggi universali nel tentativo di giungere alla verità. Avrei voluto studiare fisica nucleare, ma nel dover prendere delle scelte legate al tempo a nostra disposizione su questo pianeta, ho preferito seguire la vocazione verso l’Arte. Resto sempre un esploratore perché ho deciso di solleticare la mia anima con le varie attività artistiche umane cercando di portarle avanti al meglio che posso. Lo studio della materia sarà la curiosità del mio viaggio a seguire, se me ne sarà data la possibilità.

Secondo lei ognuno di noi, come Otto, possiede due facce?

Ognuno di noi è composto da diversi ‘esseri’. Descrivere un uomo nel dualismo tra il bene e il male è riduttivo. Oltre a quello fisico materico con il quale interagiamo su questo pianeta, abbiamo quello del nostro ‘io’ e quello del nostro ego, ossia il ‘tu’ costruito. C’è chi ipotizza anche uno spirito etereo, ma qui entriamo nell’ambito del credo. Otto si manifesta con il proprio fisico come fosse l’unica rappresentazione della propria esistenza e ne subisce i limiti meccanici e termodinamici. Giunto al fallimento professionale, Otto accetta il compromesso con il proprio ego (il riflesso), e con il proprio ‘se’ (l’Ombra). Scomposto in varie unità, Otto ha così modo di esaltare le capacità delle singole individualità tenute in equilibrio; plasma la luce e l’ombra, e porta il pubblico a farsi adorare come fosse un dio incarnato. Tutto sarebbe andato per il meglio se Anna non fosse tornata. L’ego prende il sopravvento per soddisfare il proprio desiderio. L’amore diventa una forza dirompente che spinge Otto, così come spinge ogni terrestre ignaro e inconsapevole, nei suoi sentimenti più spregevoli fino all’epilogo inatteso che non descrivo per non rovinarvi la sorpresa.

Leggi il mio libro perché…

Perché è un romanzo non convenzionale scritto con coraggio. Porto il lettore ad odiare il personaggio principale per cercare una empatia con Anna. È grazie ai sensi della donna, che riusciamo a scoprire chi sia realmente Otto. E’ un libro che ha una chiave di lettura che va al di là del thriller di azione, già avvincente di per sé, soltanto per coloro che colgono nella successione degli eventi, la lotta con il proprio ego per ritrovare il proprio centro, ossia il vuoto ripulito da ogni artifizio umano per arrivare alla auspicata consapevolezza. Questo avviene attraverso l’Amore, inteso come la forza catartica in grado di metterci in dubbio.

Pensa che questo libro avrà un seguito?

Ho molti lettori che mi contattano per sapere se ci sarà un seguito perché il finale rimane aperto. Ho già strutturato la scaletta degli eventi con la quale sarò in grado di procedere speditamente con la narrazione. In questi mesi, però, sono impegnato nella definizione di un romanzo di fantascienza, genere che ho divorato sin da piccolo, con una ambientazione distopica a riprova del mio scrivere gotico, demoniaco, visionario.

Otto- Luce e ombra di JeanChristophe Casalini, al seguente link>> http://www.ottolightandshadow.com/

 

Si ringrazia per la collaborazione Letizia Fulli.

 

Leggi Tutto Nessun Commento

dica romatre,eleonora marsella,università romatre

La Blogger Eleonora Marsella ospite a Dica Roma Tre

Lunedì 9 Novembre sono stata ospite presso la Radio di RomaTRE e ho potuto parlare dei miei progetti lavorativi all’interno della rubrica Dica Roma tre parlando con gli speaker(s) Giuliano Antonini e Sara Giacani che, disponibili e curiosi sin da subito, hanno instaurato un dialogo amichevole e ironico dalle prime battute. Le loro domande, mirate, studiate e ben costruite hanno solleticano una parte interiore che c’è dentro la Blogger, regalandomi emozioni e minuti di pura felicità.

Ho potuto portare con me durante la trasmissione radiofonica, Federica Girardi, la fotografa ufficiale della rassegna e gli scatti che vedrete quì di seguito, sono stati fatti da lei, per cui, vi segnalo anche la sua pagina: https://www.facebook.com/FedericaGirardiPhoto/?fref=ts

Tuttavia vorrei anche ringraziare per la parte redazionale  Valentina La Farciola, Martina Bruschi, Sara Giacani e Linda Compagnoni.

Il programma tratta tematiche universitarie sia nazionali che internazionali con un focus particolare su Roma Tre.
In onda ogni lunedì dalle 15 alle 16 su Roma tre Radio.
Vi lascio una gallery delle foto di questa bellissima esperienza e se siete curiosi di sentirmi in radio,( dal minuto 5′ )  cliccate nel link>>

http://www.driveplayer.com/#fileIds=0B7Yxf8SQvFeJMjdWU08zZVdHWFU&userId=108573299926412475466

 

Leggi Tutto Nessun Commento

eleonora marsella,giancarlo di giovine,libri,recensioni,roma

Giancarlo di Giovine all’ottava tappa della Rassegna per scrittori emergenti a Roma

Giancarlo di Giovine ospite all’ottava tappa della Rassegna degli scrittori esordienti, una rassegna che prevede undici tappe e quindici autori dal 26/9 al 5/12 a Roma, in zona Marconi, presso la Cartolibreria Skarabocchio.

L’autore presenterà i suoi tre libri, Keruac, I segreti di Gloria e Tutti gli amici di Gloria, tre libri dove la protagonista e degli amici molto particolari narreranno avventure intense e significative, lo sport e l’amore per gli animali, in particolare i cani, saranno le colonne portanti dei libri. giancarlo di giovine

L’autore è un ex batterista, ex capellone, ex studente di filosofia, ex karateca e ex sindacalista, attualmente è in pensione e scrive romanzi.

Vieni a scoprire i libri di Giancarlo di Giovine sabato 14 novembre alle ore 17, Francesca del Vicario, attrice, leggerà gli estratti dei libri, Federica Girardi si occuperà delle foto e a fine evento si terrà un buffet di prodotti salentini.

Evento facebook: https://www.facebook.com/events/1498422103787137/

 

Leggi Tutto Nessun Commento

blog,eleonora marsella,michael floris,scrittori emergenti

Il treno per la felicità di Michael Floris

Michael Floris, classe 1987, ingegnere, esordisce con il romanzo Il treno per la felicità. michael

163 Pagine di una storia che si divora nel cuore di una notte, a mio dire: trama interessante, scrittura fluida, dialoghi con la giusta personalità.

L’ambientazione e la conoscenza approfondita della città di Torino è il fiore all’occhiello della storia scritta da Michael Floris: il protagonista è Giovanni, un giovane che vive a Torino dal fratello maggiore, due donne lo accompagneranno nel libro ed un lavoro da lavapiatti, nonostante lui sia un architetto, farà da colonna portante ad una storia che ha qualcosa di….realistico.

Determinazione, pazienza e gioventù: le tre parole chiave del romanzo Il treno per la felicità di Michael Floris, intervistato per l’occasione ecco cosa racconta:

 

Come nasce Il treno per la felicità?

Il treno per la felicità nasce quasi per caso. Dopo la laurea ho cominciato a scrivere una storia. Ogni volta ne aggiungevo un pezzo. Una mia carissima amica, dopo averlo letto per intero, mi ha esortato a migliorare il racconto, perché ci vedeva qualcosa di speciale. Io all’inizio ero titubante, ma poi, leggendolo e rileggendolo, mi sono convinto di potergli dare una dimensione. Così ci ho messo anima e corpo, ed ecco qui il risultato!

Ambientazione Torinese, perché questa scelta?

Torino è una città fantastica. E’ romantica e così elegante. Fin dal primo giorno che ho messo piede in questa città mi sono detto: “Voglio ambientare una storia d’amore qui”.

Leggi il mio libro perché…

cover_trenoIo penso che questa possa essere la storia nella quale tutti i giovani italiani si possono immedesimare. Tutti possono essere Giovanni. Il libro, oltre a denunciare tematiche molto attuali, come la disoccupazione giovanile e le differenze di religione, dà un messaggio molto chiaro, cioè che bisogna combattere per ciò in cui si crede, fino alla fine.

Progetti futuri?

Attualmente sto scrivendo un altro romanzo, ma non escludo che più avanti possa esserci la possibilità di pubblicare il seguito de “il treno per la felicità”. Per il resto, continuerò a scrivere per condividere con voi i miei racconti, tramite il mio blog. E poi sognare… perché sognare non costa niente.

 

Michael Floris, Il treno per la felicità, al seguente link: http://www.amazon.it/Il-treno-felicit%C3%A0-Michael-Floris/dp/8891176303/ref=tmm_pap_title_0?ie=UTF8&qid=1444322931&sr=8-1

Leggi Tutto Nessun Commento

eleonora marsella,festival del giornalismo,il blog di eleonora marsella

La Blogger Eleonora Marsella al Festival Del Giornalismo ’15

Il festival del giornalismo di Perugia è quel posto in cui i migliori del campo giornalistico si incontrano per discutere, insegnare e imparare a loro volta; il giornalismo italiano è in continuo mutamento e per rimanere al passo coi tempi BISOGNA necessariamente differenziarsi.

DSCN7184

 

Cinque giorni di continui incontri, panel discussion, workshop, spettacoli e manifestazioni dove i protagonisti sono direttori, redattori, editori, imprenditori, blogger, freelance e chiunque abbia avuto un’idea geniale e convincente nel mondo sociale.

 

 

DSCN7189

L’organizzazione non ha pecche, volontari, speaker, stampa e staff prendono parte in questa ‘giostra di informazioni’ che è in continua rotazione. Un fantastico mega evento in cui si può informarsi, ci si può incontrare e soprattutto dove si può fare realmente comunità con ospiti internazionali, italiani ed esteri.

Io ho indossato i miei panni da giornalista freelance DSCN7214

e mi sono catapultata nel ‘gioco dei grandi’ e devo affermare che ho vissuto con molta euforia, gioia e curiosità per tutti i giorni trascorsi a Perugia.

La città è chiaramente straordinaria, la scena è denominata dalla storicità delle cattedrali, delle gallerie e dei palazzi;

 

 

la gente è gioviale, serena e disponibile allo scherzo ed il clima che si respira è quello del BENESSERE.

 

Un applauso al Festival Del Giornalismo: DSCN7171

5 STELLE per l’evento, 5 STELLE agli ospiti, 5 STELLE alla città che ospita uno dei migliori Festival culturali in circolazione.

 

Leggi Tutto Nessun Commento

cesare alemanni,eleonora marsella,ibrahim nehme,il blog di eleonora marsella,ricarda massner

Perchè la carta stampata non è morta, al Festival Del Giornalismo 2015

In questo quarta tappa della mia rubrica #ijf15 dedicata al Festival del giornalismo 2015 tenutosi a Perugia, vi introdurrò cosa si è detto durante il Panel Discussion – ‘Come e perché la carta stampata non è morta’.

Secondo Alberto Mucci- The OutpostDSCN7175

‘la crisi è soprattutto in ambito editoriale, si parla  anche di una crisi di valori che è andata smarrendosi con i cattivi articoli che leggiamo ogni giorno; tuttavia la rivista presso la quale scrivo, trimestrale di cultura e politica, ha voluto andare controtendenza, puntando ad articoli di qualità!’.

 

 

Ricarda Messner, fondatrice di Flaneur Magazine, invitata per l’occasione, ha

DSCN7173raccontato che, una volta finiti i suoi studi, si è interrogata sul proprio futuro ed ha deciso di fondare Flaneur Magazine: un progetto di giovani berlinesi che, volta per volta si trasferiscono diverse settimane in un quartiere, vivono a contatti con gli artisti, vivono l’atmosfera della zona e dopo di che, dedicano un intero numero a questa esperienza, con foto di alta qualità e testimonianze.

A proposito di Berlino, Cesare Alemanni- co fondatore e direttore di Berlin Quarterly,

DSCN7181

conferma il clima artistico che si può vivere nella città e lui da italiano afferma di sentirsi quasi a casa, apprezzandone molto gli ambienti lavorativi.

 

 

 

Ibrahim Nehme- fondatore e direttore The Outpost, si dichiara molto soddisfatto dell’andamento del proprio progetto editoriale, ammettendo di aver attuato un sistema economico al quanto strano: si è chiesto semplicemente ai lettori di versare una piccola somma per sostenere lo stesso giornale, così facendo tutti nel proprio piccolo fanno parte di The Oupost.

DSCN7182

Quale consiglio dareste a tutti coloro che vorrebbero fondare una propria rivista?

IBRAHIM NEHME: Negli ultimi anni sono state create tantissime riviste proprio per dimostrare che la carta non è morta ma abbiamo perso l’idea della sostenibilità economica, perché possiamo avere tante idee utili ma i fondi sono necessari per andare avanti, quindi va creato un sistema economico alternativo. Abbiamo trascorso gli ultimi tre anni ad investire risorse, adesso è giunto il momento di passare ad altri mezzi.

 

RICARDA MESSNER: Credo che sia bellissimo che ci siano tante idee, DSCN7178

tanti titoli in giro e forse è il caso di smettere di rallentare, credo che dovremmo unire le forza, piuttosto che lamentarci del settore, soprattutto per quanto riguarda la stampa.

 

 

Leggi Tutto Nessun Commento

Il Blog di Eleonora Marsella – © 2022 – P.I. 04939570752

 Privacy Policy Cookie Policy Termini e Condizioni