Osmosi “Liberi di essere”

CHI SONO

Mi chiamo Emanuela Lusuardi  sono nata a Carpi, nel 1973 una cittadina ancora a dimensione di uomo, circondata da tanto verde e campagna.
Adoro leggere, cucinare, vivere a contatto con gli animali e la natura.
Fondamentale è il rispetto del prossimo, “Non fare agli altri ciò che non vuoi che venga fatto a te”.
Sono tecnica di fisiopatologia cardiocircolatoria, ho lavorato in una clinica privata, in emodinamica. Ho lavorato con mia mamma in maglieria, dopo mi sono dedicata alla mia passione della cucina andando a lavorare in un ristorante e infine nel 2008 assieme ai miei soci ho aperto una caffetteria bistrot in centro a Carpi.

LA MIA MISSIONE

Durante gli studi tra le scuole superiori e l’università sono stata volontaria nell’AVO, nell’ospedale di Carpi, È un’esperienza dura che mi ha insegnato tanto e mi ha permesso di crescere internamente in modo molto profondo facendo aumentare sempre di più la mia voglia la mia necessità di aiutare il prossimo, soprattutto quelli più deboli e in difficoltà.

Dentro di me è nata proprio da allora quell’urgenza che mi ha fatto dire: “Basta stare a guardare! Combattiamo l’indifferenza!“

Il mio attuale lavoro mi ha permesso di trasformarmi caratterialmente, in modo positivo, dedico sempre molta attenzione alla nostra clientela sia abitudinaria che nuova, per me è molto importante poter creare un dialogo, quando necessario saper ascoltare perché spesso basta una parola per fare in modo che loro possano sfogarsi e quindi viene spontaneo ascoltarli e trovare qualche parola di conforto per farli stare meglio nella speranza che possano affrontare la giornata con una carica in più.

Molto spesso quando entrerete nella nostra caffetteria, ci vedrete scherzare e ridere perché amiamo far divertire e fare uscire col sorriso le persone perché anche solo questa azione può far cambiare loro la giornata e vedere le cose sotto un’ottica diversa. Un giorno senza sorriso è un giorno perso e per me questo è assolutamente vero ma questo non vuol dire che viva una vita di superficialità anzi per me la felicità è nel sorriso altrui.

Oggi il mio grande obiettivo è riuscire a risvegliare più anime possibili perpoter salvare tutti minori, portarli via da ogni tipo di sofferenza. Svegliare le coscienze perché così non potremo andare avanti. Poter aiutare associazioni e chiunque abbia bisogno di aiuto e che da solo non possa farcela. Come poter arrivare a così tanti giovani per renderli consapevoli di quello che li circonda?

 

OSMOSI: NATI DALLA PARTE SBAGLIATA

Vincitore del premio letterario nazionale e internazionale “BOOKS for PEACE 2022” sezione argomenti trattati: tutela e difesa dei diritti dell’infanzia e dei minori. Premiazione avvenuta il 10 Settembre 2022 a Roma nella sede della Regione Lazio.

Osmosi è una tetralogia narrativa che si apre con questo primo volume, “Nati dalla parte sbagliata”. Brigid e Jeny sono come il giorno e la notte: riservata e generosa la prima, sfrontata e impaziente la seconda. Eppure una sorta di legame indissolubile le tiene unite fin dalla prima infanzia sulle scogliere delle coste scozzesi. Negli Stati Uniti, ad Atlanta, sembreranno trovare entrambe la propria dimensione. Accanto alla casetta ai margini della foresta che Brigid ristruttura per farne la propria piccola attività e fattoria vive Charles, affascinante e misterioso vicino che dopo averla soccorsa in un momento di bisogno si sente grato e incredulo di ogni minuto di estrema beatitudine vissuto insieme a lei. È solo col passare del tempo che Brigid realizza quanto non riesca più a fare a meno di quell’uomo sempre pronto a infonderle autostima e coraggio. Così come Charles sentirà presto che il piacere indescrivibile scaturito da quella loro fusione alchemica di corpo e anima è ormai per lui qualcosa di irrinunciabile, che va oltre a qualsiasi suo precedente credo. Rincasando dalle sue lunghe giornate di assenza, Charles condivide con Brigid alcuni degli aspetti più dolorosi e inquietanti del suo segretissimo lavoro: la squadra che guida ha il delicato compito di salvare da fine certa o atroci sofferenze e ingiustizie bambini e adolescenti cui in diverse zone del mondo, fin dalla nascita, non è stato riservato altro che violenza. L’incondizionato coinvolgimento di Brigid nelle disavventure e sfide professionali e umane di Charles durante le sue missioni finirà però per mettere in serio pericolo la loro vita, oltre che l’operato di Charles e dei componenti della sua squadra.
Un appassionato romanzo che mescola il romance alla denuncia sociale e che si basa su fatti di cronaca vera (come quelli delle “bambine maledette” e degli enfant sorciers accusati e perseguitati ingiustamente per stregoneria) denunciando con forza l’abominevole condizione di milioni di minori in tutto il mondo, vittime di ignoranza, superstizione o pura crudeltà, abbandonati a un destino che senza un intervento massivo resterebbero senza futuro.

Categoria:

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Osmosi “Liberi di essere””

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *