Mi sono guardata allo specchio

Ero in giro con Africa, camminavamo a passo veloce come sempre, lei è sempre in forma e io ne approfitto per smaltire stress e qualcosina in più, però, proprio mentre riflettevo sul pranzo, giro l’angolo di una lavanderia di Marconi e mi ritrovo davanti ad un grandissimo specchio.

Cazzo, è veramente enorme, perché mai si trova qui?

Mi rifletto e da quand’è che ho i capelli così confusi? Africa odora l’angolo in basso dove c’è una ficalindia che si specchia anch’essa di fronte a me.

Certo, strano, una ficalindia a Roma, è una pianta che ho sempre incontrato in Salento, nella mia terra natia, ed è anche bella, verdissima in vigore, come ha fatto ad arrivare fino qui?

I misteri della domenica mattina son sempre così buffi: sarà mica dovuto alla birra di troppo del sabato sera? No, non credo, da quand’è che la bevanda dorata dà questi effetti?

 

IMG_1069Sollevo lo sguardo, i miei occhi vanno dal mio profilo alla pianta, poi guardo Africa e mi riguardo, mi riconosco.. penso che effettivamente i miei capelli sono da sempre come la paglia, gli occhiali da sole fanno parte della mia persona e Africa è sempre con me; eppure, per un attimo, non ho riconosciuto la mia immagine, sono stati pochi secondi, fugaci, brevi ma pur sempre reali e ho quasi avuto timore di non riconoscermi.

 

Immagina per un attimo: ti svegli, incontri uno specchio e ti chiedi, chi è la persona davanti a me? Non sarebbe irreale non riconoscersi?

 

Ho guardato dentro lo specchio e Mi sono riconosciuta. È stato l’incontro più bello dei miei 23 anni.

 

Trackback dal tuo sito.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il Blog di Eleonora Marsella – © 2024 – P.I. 04939570752

 Privacy Policy Cookie Policy Termini e Condizioni