Ambiente,animali,busta,cani,Cuccioli,plastica,tristezza,veterinaria

8cuccioli in una busta di cellophane

Fatti raccapriccianti accadono giorno per giorno, ma il fenomeno dell abbandono canile avanza col passare Delle ore e in qualsiasi luogo della terra.(ricordiamo che L” inciviltà e’ ovunque)
E’ successo alla signora Gabriella, residente a Nociglia ma originaria di Vitigliano dove, proprio qui, in una busta di cellophane in un boschetto sono stati rinvenuti 8 cuccioli di cane, di pochi giorni.
Il giorno seguente, alla luce del sole, la signora Gabriella ha scoperto con dispiacere che tutti i cuccioli erano contaminati da larve di Mosca e poco dopo due dei piccoletti sono venuti a mancare.
Si tratta di un infezione denominata miasi (dal greco myia, “mosca”) tutte le parassitosi provocate da larve di ditteri in tessuti viventi dei mammiferi. Si differenziano dalla colonizzazione dei cadaveri da parte, ad esempio, delle larve di mosche e mosconi. Nel caso della miasi, la larva del dittero si sviluppa all’interno dei tessuti dell’ospite, provocando lesioni, quindi potete immaginare il cattivo stato di salute dei nostri simpatici amici e il cattivo odore degli stessi.
La signora Gabriella ha pensato da subito alle cure e recatasi dal veterinario Andrea Puce hanno provveduto ad effettuare la terapia adeguata, senza perder tempo.
Ad oggi i cuccioli sono ancora in terapia ma se per caso, anche voi, vorreste un po’ d affetto e compagnia, questi cuccioli fanno apposta per voi, ammesso che ve ne prendiate cura nel giusto modo.
Si ringrazia il veterinario Andrea Puce per l assidua costanza e per l amore verso gli animali e vi ricordiamo che, per qualsiasi informazione e’ a completa disposizione.

Leggi Tutto Nessun Commento

egitto,egypt

Egitto

Stracolma di aromi e onnisciente di rifiuti
Afa opprimente e sole cocente
Oro, zenzero e cammelli
Un velo dal color pece,
Una vita rapita.
Egitto: realtà rivelate?
No, verità nascoste, respiro assente.

Leggi Tutto Nessun Commento

24 Luglio2012

Ferite di luce disegnano rette
Morbidi e accesi sfondi su tetti lontani
Implacabili scariche cercatrici di suolo
Impronte di orme in sguardi isolati.
L acconsentire dei neon, mi sussurra paura
Un espressione malvagia aleggia nel aria
L arrivo e’ vicino, questo e’ sicuro!
È una torrida estate tra tempeste e mentali follie.

Leggi Tutto Nessun Commento