Conto in rosso di Loretta Tobia

Ci sono libri che contengono storie, come dire, calamitanti.

Inizi a leggere e, magicamente, non puoi più farne al meno.

Loretta Tobia con il suo romanzo “Conto in rosso” riesce, esattamente, in questo.

La protagonista è Nastasia che cresce all’interno di una famiglia dove la politica è tutto, anzi, quasi tutto. La storia si snoda intorno la sua vita, la sua esistenza, fatta anche dell’amica Candida che le farà compagnia per i primi anni della sua vita. Certo, non sono da sole, ci sono i cugini, lo zio Anselmo, la madre- ovviamente- ricopre un ruolo importante. Nata da una Mamma operaia, lavoratrice nel mondo dei tessuti e da un padre che c’è e non c’è, allo stesso momento, perché troppo impegnato con la classe politica, una classe rossa. Rocca rossa ricopre un ruolo centrale ma i tempi corrono e Nastasia cresce, si sposa e incontra un uomo violento, un uomo che le donerà due figli, un maschio e una femmina, figli che saranno importantissimi per la sua rinascita. Lo scenario è l’Abbruzzo- inizialmente- poi ci si sposterà a Cuba con numerosi viaggi, viaggi- anche- politici ma vitali per la sua esistenza. Poi, d’incanto, o quasi, la rinascita, la rivincita, il potere delle donne e… quello della banca.

Loretta Tobia in Conto in Rosso m’ha emozionata, incantato e – devo confessarlo- ho anche pianto. Intervistata per l’occasione ecco cosa racconta:

 

Come nasce Conto in rosso?

Questa opera letteraria nasce quale esplorazione/testimonianza dell’animo umano rosso della vita personale con il rosso della vita professionale e politica. Emersione dei valori identitari educativi della sinistra storica e della chiesa cattolica che la protagonista attraversa prima per fede poi per coscienza delle loro verità!

 

Quale messaggio si vuol trasmettere?

Il messaggio che si pretende trasmettere ……offrire stimolare riflessioni per illuminare le conoscenze e la coscienza delle conoscenze! E’ un romanzo con la pretesa di essere un saggio. Tocca tutti i comportamenti della vita personali e collettivi attraversando la tradizione di più generazioni. Risalta il parallelismo fra la resistenza italiana e la rivoluzione cubana del 1959, la figura del Che Guevara illumina l’immaginario collettivo per buoni propositi …..abbandonati la storia attuale gronda di sangue. La poesia di Machado finale vuole esprimere una scia di speranza che pur molto ferita non è ancora morta.

 

Leggi il mio libro perché…

Il romanzo Conto in rosso ritengo che possa essere considerato un atto d’amore con la speranza che possa aiutare a consolidare valori sani.

 

Progetti futuri?

Ho pronto un altro romanzo ma vorrei essere aiutata a valorizzarlo nei canali giusti.

 

 

 

Loretta Tobia, con Conto in Rosso merita 5 stelle su 5, edito da Marco Solfanelli Editore per Tabula Fati, 125 pagine, prezzo di copertina 11 euro.

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

Il Blog di Eleonora Marsella – © 2018 – P.I. 04939570752