L’esordio di Giuseppe Marco in Vite a Mezz’aria

Giuseppe Marco esordisce con il nuovo libro dal titolo Vite a Mezz’aria, dove 90 pagine vi intratterranno mentre sarete seduti su una panchina, sotto un ombrellone o semplicemente sul terrazzo di casa.

foto di RIPARI YOUNG GROUP -

foto di RIPARI YOUNG GROUP –

Non esiste un vero protagonista ma in realtà ci sono due o più vite che s’intrecciano: tutti scappano da paesini del Meridione e sognano, chi in un modo o nell’altro, di vivere la grande capitale Romana tutta d’un fiato, come solo i giovani sanno fare, affrontando una nuova vita con il vento in faccia.

Luca, Teresa, Simone e tutti gli altri, chi studente, chi non, contribuiranno a cambiare la vita di ognuno di loro, aggiungendo o togliendo un tassello, lì dove ci sarà necessità di apportare modifiche, perché l’importante è NON vivere a mezz’aria.

Intervistato per l’occasione, ecco cosa racconta lo scrittore Giuseppe Marco:

Come nasce Vite a mezz’aria?

Vite a mezz’aria nasce da uno stato di “osservazione partecipante”. Mi spiego meglio. Sia per la mia esperienza personale che per la mia professione (lavoro dietro le quinte di programmi televisivi) entro quotidianamente a contatto con tantissime storie di gente comune. Mi sono reso conto di una cosa. Indipendentemente dallo status sociale della persona che abbiamo davanti, ho constatato che tutti vivono in uno stato di costante malessere. Sempre alla ricerca di qualcosa o di qualcuno. Sempre in attesa del grande giorno che per alcuni arriverà e per altri purtroppo sarà un’attesa eterna. La crisi economica ha enfatizzato questo malessere. Quella che racconto in Vite a mezz’aria è una crisi dell’anima.

Come nascono i personaggi?

Ogni personaggio del romanzo racconta una realtà. Quello che ho voluto è che fosse tutto incredibilmente vero e reale. Dico senza presunzione che potrebbe essere un po’ l’autobiografia di tutti. Nel bene o nel male chiunque si è trovato ad affrontare una crisi interiore e ha dovuto combattere contro qualcuno e soprattutto contro se stesso.

Leggi il mio libro perché…

Perché è raccontata la vita vera al suo interno ed è un romanzo sincero e senza menzogne. Scritto a cuore aperto. Ci sono le vite di ragazzi precari alla ricerca di se stessi, di genitori che non riescono a comprendere i loro figli. Ci sono le valigie piene di sogni che aspettano soltanto di essere aperte. C’è la vita di tutti…

Cosa bolle in pentola per il futuro?

copertina_giuseppe_marco (6) ritaglioIl futuro lo vivo giorno dopo giorno. Esattamente come fanno i protagonisti di Vite a mezz’aria. Nessuno di loro sa cosa accadrà il giorno dopo. Non mi piace fare programmi a lungo termine, anche perché ogni volta che li faccio vanno tutti in fumo. Al momento (da 15 anni a questa parte) continuo a lavorare in televisione e ovviamente continuo a scrivere storie & non solo. Posso dirti che mi piacerebbe proseguire la scrittura di idee di programmi televisivi e magari sognare di vederle realizzate. Mi piacerebbe scrivere altri libri, un programma radiofonico, uno spettacolo teatrale. Mi piace soprattutto vivere alla giornata e se tutte queste cose succederanno ne sarò felice e se non accadranno posso dirti che la cosa più bella è la persona che tutti i giorni mi sta accanto. Quello è l’unico vero progetto a lungo termine.

 

 

Giuseppe Marco, Vite a mezz’aria su amazon http://www.amazon.it/Vite-mezzaria-Giuseppe-Marco/dp/8868889323/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1432919845&sr=8-1&keywords=vite+a+mezz%27aria

Se volete approfondire il nuovo libro di Giuseppe Marco, qui trovate la sua presentazione durante il Salone del Libro di Torino 2015 https://www.youtube.com/watch?v=TaTE2O4RGq0&feature=youtu.be

 

Leggi Tutto Nessun Commento

il blog di eleonora marsella,poesie,puglia,salento,vito adamo

Un viaggio alla scoperta del Salento con VITO ADAMO

I libri diventano preziosi, tutte le volte che ci comunicano qualcosa di forte, il libro di cui vi parlerò oggi, non è prezioso…ma raro.

Lo scrittore è Vito Adamo, salentino, vito adamo in foto

imprenditore che ha dedicato alla splendida terra del Salento, una raccolta poetica dal titolo Antica Terra- Viaggio sentimentale nel Salento.

Le poesie si presentano immediate, romantiche e veritiere: dal mare, alla terra, al padre, al vento, ai saluti, all’anima fino ad arrivare alla figura del pagliaccio, sono tutti versi liberi che non ostentano ad un linguaggio forbito, ma al contrario puntano dritto al cuore del lettore (e lo colpiscono).

antica terraUn altro elemento che ho apprezzato molto all’interno del libro è stata la presenza di magnifici scatti fotografici, che s’incontravano di tanto in tanto durante la lettura delle poesie.

 

Intervistato per l’occasione, ecco cosa racconta Vito Adamo:

Come nasce questa raccolta poetica?

Antica Terra nasce dalla memoria di un tempo lontano. Il titolo prende spunto da uno di questi ricordi. In particolare ho la mia casa che si affaccia sulla piazza del paese di Alliste e prima che fosse stata denominata Piazza Municipio , il nome era Piazza Terra … è bastato solo uno sguardo su questa piccola piazza per ripercorrere il tempo , respirare i colori , i profumi , osservare visi che ti hanno fatto compagnia per una vita e scoprire attraverso questi semplici ricordi l’essenza di una terra, i giochi sulle “chianche “ lastricate. Da questo nasce il desiderio di voler raccontare il Salento dal punto di vista delle sensazioni e delle emozioni che si sono vissute e che ti invitano ancora a vivere . Il mio libro diventa un invito a un viaggio speciale: scoprire il Salento attraverso le storie e i sentimenti . Non il Salento da cartolina patinata ; ma un Salento semplice , forse quello più genuino e vero . I versi di Antica Terra sono un diario della memoria e del cuore .

Quali sono gli aspetti che intendi sottolineare con le tue poesie?

Le mie poesie sono composte da versi in assoluta libertà . Ho affidato alle parole le emozioni di uno sguardo verso un tramonto sul mare , l’incanto di un fiore a primavera,  i vicoli di strade che nell’immutata loro bellezza, conservano i ricordi piu’ cari, gli affetti di una vita che riportano ai sentimenti più veri . Non ho voluto sottolineare nessun aspetto in particolare , se non quello di riuscire a trasmettere , attraverso il mio libro , l’amore per la propria terra .

Aggiungi nella tua libreria il mio libro perché…

Il mio libro, come un invito a scoprire la mia terra , scorrere le pagine e immaginare: luoghi, tradizioni, paesaggi , storie . Il Salento raccontato attraverso la storia di chi vive e di chi è vissuto tramandandoci i valori più belli per amare il territorio .

Ci sono nuovi progetti per il futuro ?

Si , voglio continuare a raccontare la mia Terra e ho iniziato a lavorarci su , per adesso sto scrivendo con la mia solita libertà , sarà qualcosa di diverso da una raccolta di Poesie.

La poesia segnalata dallo scrittore..

 

Stagioni

 

Di stagione in stagione…

non ho avuto l’abitudine … del sentimento, dipinto per foto

di stagione in stagione

ti ho sorriso

con la stessa timidezza di un tempo ….

di stagione in stagione…

ho sentito passare il tempo,

ma non i battiti del tuo cuore …

di stagione in stagione,

sotto ogni sole e ogni pioggia,

abbiamo raccolto i fiori piu’ belli…

di stagione in stagione

ho scritto, accartocciato e riscritto ancora,

di nuvole, di onde , di pietre e foglie…

di stagione in stagione

quanti venti sono venuti a distrarmi,

ma quel timone era stretto tra le mani…

di stagione in stagione

quel sentimento di un tempo è ora mare…

non è abitudine

perché il mare non si abitua a nessun vento,

a nessuna stagione …

è l’entusiasmo perenne del suo esistere .

… di stagione in stagione .

 

Il contatto dello scrittore Vito Adamo su facebook: Antica Terra

Antica Terra di Vito Adamo, Lupo Editore, prezzo di copertina 20 euro.

Leggi Tutto 1 Commento

il blog di eleonora marsella,libri,mario ragionieri,recensioni,storia

I principi fondamentali della rivoluzione francese di Mario Ragionieri

Il fascino della storia è sempre inarrestabile, se poi alla passione ci aggiungiamo una piacevole scrittura, il gioco è fatto. Si presenta così il nuovo libro di Mario Ragionieri, dal nome ‘I principi fondamentali della rivoluzione francese’. mario ragionieri

È pensante? No, assolutamente. È un libricino che, attraverso 130 pagine ci guida in questo importante periodo storico ricordando motti, momenti e periodi storici importantissimi.

Lo scrittore è già noto nel mondo storico, tant’è che ha pubblicato diversi libri su tale tema, anzi invito chiunque fosse appassionato di fascismo, repubblica di salò e gialli a leggere quanto prima un libro di Mario Ragionieri.

I principi fondamentali della rivoluzione francese colpisce perché nonostante l’argomento si presenti pesante, per qualcuno, questo scritto è scorrevole e di facile comprensione perché l’autore ha saputo porre l’accento sugli argomenti più rilevanti.

Come nasce I principi fondamentali della rivoluzione francese?

Il libro nasce dal desiderio di dare ai ragazzi, che affrontano lo studio della Rivoluzione francese, una traccia di quali furono i principi che generarono la Rivoluzione francese stessa e di tutte quelle riflessioni che costellarono il suo svolgimento.

A quale pubblico è destinato?

E’ tendenzialmente destinato agli studenti ma direi che dovrebbero leggerlo tutti per rinfrescarsi la memoria su dei principi allora enunciati e poi nel corso degli anni solo parzialmente messi in atto e ancora oggi largamente disattesi.

Come nasce la passione per la storia?

La passione per la storia nasce nella mia famiglia, di persone appassionate di storia e che soprattutto avevano vissuto le vicende del XX secolo perché io sono uno storico di quel periodo, lo preciso. Ho mangiato fin da piccolo ” pane e storia” come si dice da noi.

Leggi il mio libro perché…

Leggilo se vuoi innamorarti della Rivoluzione francese, leggilo se vuoi conoscere i suoi principi, leggilo se vuoi riscoprire il valore delle parole libertè egalitè fraternitè.

Cosa bolle in pentola per il futuro?

Il futuro comprende il secondo volume della storia parallela di Hitler e Stalin, già scritto e in fase di correzione e poi una serie di libri gialli che saranno in libreria già da metà giugno.Per quanto riguarda la storia, una rilettura del personaggio TOGLIATTI in chiave attuale senza fronzoli e raccontando le cose che realmente caratterizzarono la vita di questo personaggio sfrondandolo di una aureola di saggezza e di bravura che forse non gli compete poi molto.

 

Mario Ragionieri, I principi fondamentali della rivoluzione francese, Ibikos Editrice Risolo, prezzo di copertina 12 euro. (o nei migliori store online)

 

 

Leggi Tutto Nessun Commento

davide torrente,il blog di eleonora marsella,recensioni

Ho fatto il militare di Davide TORRENTE

Davide Torrente, classe 1964, originario di Monte Catini, esordisce con un piccolo e-book, dal titolo Ho fatto il militareDavide Torrente

Attraverso il libro lo scrittore ci racconta, quasi a mò di confidenza, come se avesse un diario vero e proprio, la sua esperienza con la divisa, confessando ricordi, timori, eventi che sono rimasti impressi nella sua mente, nel lontano 1986.  Ciò che sorprende di questo piccolo romanzo è il tono colloquiale utilizzato dallo scrittore che metterà il lettore da subito a proprio agio.

Intervistato per l’occasione, ecco cosa c’ha confidato:

Come nasce Ho fatto il militare?

Ho   fatto il militare nasce per il desiderio di lasciare a mio nipote – che non farà mai il militare – una testimonianza della naia vissuta dallo zio negli anni ’80 perché lui sappia come è stata questa esperienza e possa avere il metro giusto per valutare al meglio la vita militare che lui non proverà mai.

A chi è indirizzato il tuo romanzo?

Vorrei che questo e-book fosse letto da tutti quei ragazzi e anche – perché no- ragazze che non faranno mai il militare o che , per contro, intendano farlo, per dare un’idea di come si possa vivere dodici mesi in divisa, il mio è un diario in cui sono riportate le varie vicissitudini di un soldato nell’esercito italiano.

Leggi il mio libro perché…

Leggi il mio libro perché ti darà un esempio della vita militare che i ragazzi di oggi non proveranno mai… a meno che la legge non cambi…

Cosa bolle in pentola per il futuro?

Attualmente mi sto completamente dedicando alla promozione, del mio secondo romanzo, Vi racconto le mie donne.

 

L’E-book Ho fatto il militare, può essere acquistato qui: http://www.amazon.com/Ho-fatto-militare-Italian-Edition-ebook/dp/B00QH7NTJE

Leggi Tutto Nessun Commento

il blog di eleonora marsella,luca barbanti,recensioni

Le digressioni del cuore di Luca Barbanti

Luca Barbanti, classe 1992 d’origini romane, esordisce con il suo primo romano, Le digressioni del cuore, edito da Epsil. luca barbanti

La storia si presenta fresca e simpatica, vede protagonista Luigi, un giovane ragazzo che lavora alla reception di un hotel che, in un periodo importante della sua vita frequenta una ragazza estremamente solare, amante degli animali che sconvolgerà (in parte) la sua vita. Perché ho detto in parte? Perché il vero colpo di scena, arriverà nelle pagine successive del romanzo, il passato busserà alla porta di Luigi porgendo una mano ma chiedendo in realtà un braccio. Il passato arriva direttamente dalla Nigeria e metterà alla prova Luigi, con tutte le sue debolezze e il suo turbinio di emozioni.

Le digressioni del cuore, edito da Epsil, prezzo di copertina 12 euro.

 

Come nasce Le digressioni del cuore?

Questo romanzo “Le digressioni del cuore” nasce un po’ di tempo fa. Iniziai a scriverlo quando avevo diciannove anni e lavoravo in un hotel come receptionist, cosa che poi ho voluto trasferire anche al protagonista della vicenda. Avevo già da tempo ben delineati in mente sia la storia che i protagonisti, soprattutto il personaggio di Issah, il bambino. Però volevo tentare di mettermi alla prova, essendo un grande appassionato di racconti e storie e vedere se potessi effettivamente essere in grado nella pratica di scrivere un romanzo e raccontare una storia mia. Il che se ci riflettiamo un attimo, potrebbe anche essere rischioso, in quanto se ci piace tanto fare una cosa, poi la scoperta di una nostra eventuale incapacità potrebbe far sorgere qualche problema. Per questo dico che sono estremamente contento di essere riuscito almeno a terminarlo.

 

Quali sono gli elementi biografici?

Sarei un grande ipocrita e un grande bugiardo se affermassi il contrario. Questa naturalmente è una cosa che mi chiedono molte persone, anche perché essendo scritto in prima persona il romanzo, è normale che io abbia trasferito molto dell’autore al protagonista. E mi riferisco ai gusti personali sul cibo, i film, i libri, le canzoni. Tuttavia allo stesso tempo è indubbio che Luigi prende delle decisioni o fa delle cose nel corso della narrazione che io non avrei mai fatto e tantomeno condiviso. In questo siamo molto diversi. Quanto al romanzo in sé, io credo che non sia un racconto autobiografico nella storia, però mi piace pensare che esista anche un’autobiografia delle emozioni e dei sentimenti, allora in questo senso dico di si, è molto autobiografico.

Il tuo libro in tre righe…

È un romanzo che abbraccia anche temi sociali importanti come l’integrazione e la violenza sulle donne ed è a tratti profondo; in altri invece troviamo sfumature di umorismo e autoironia, che per me sono doti morali, perché a mio avviso la capacità di prendere in giro noi stessi permette di affievolire l’umbratile incombenza dell’egocentrismo, permette di mantenere la dignità nei momenti difficili e soprattutto rende più affascinanti i personaggi e le persone.

 

Cosa bolle in pentola per il futuro?

Qualcosa sta bollendo. Attualmente sto scrivendo un secondo romanzo, però di tutt’altro genere rispetto al primo. Questo sempre perché mi piace confrontarmi con più generi. Poi qualcuno che lo ha letto, mi chiede spesso se mai ci sarà un seguito de “Le digressioni del cuore”, io non prometto e non escludo nulla per il momento, vedremo più in là.

 

 

luca barbanti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per approfondire Le digressioni del cuore, ecco qui un link utile all’acquisto:

http://www.edizioniepsil.it/catalogo_prodotti/le_digressioni_del_cuore.html

 

Qui, invece, la pagina facebook dell’autore:

https://www.facebook.com/pages/Le-Digressioni-del-cuore/763170393774102?fref=ts

 

Leggi Tutto Nessun Commento

gabriella grieco,il blog di eleonora marsella,la morta è un'opzione accettabile

La morte è un’opzione accettabile di Gabriella Grieco

I generi Thriller hanno sempre quel non-so-che di inatteso e machiavellico. Si presenta esattamente così il nuovo libro di Gabriella Grieco dal titolo La morte è un’opzione accettabile, un thriller con un fantastico gioco di parti che tendono un filo sospeso dall’inizio alla fine della storia. gabriella grieco

Il romanzo si snocciola attorno ad una ferita che lacera il cuore di Isabella, una madre che ha subito una grave ingiustizia, se così si può definire e un giorno, presa questa decisione, si presenterà al commissariato completamente rivestita da esplosivo. Vi state chiedendo perché lo fa? È semplice, basta leggere il fantastico romanzo di Gabriella Grieco per scoprirlo!

Le descrizioni suggerite della scrittrice vi colpiranno in modo audace, data l’attenzione per i minimi particolari; l’arco temporale della storia è veramente breve e si snoda attraverso 150 pagine circa.

Intervistata per l’occasione la scrittrice Gabriella Grieco, ecco cosa ci svela:

 

Come nasce il romanzo la morte è un’opzione accettabile?

Nasce da un’immagine: una persona armata che minaccia dei poliziotti in un commissariato. Mi sono chiesta chi, e per quale motivo, potesse intraprendere un’azione così disperata.

 

La protagonista Isabella, ha subito un’ingiustizia. Come nasce questo personaggio?

Solo chi non ha più nulla da perdere e nessuna altra speranza può agire come agisce Isabella. E solo una madre è disposta a prendere in considerazione il sacrificio di sé.

 

Il romanzo in tre righe..

Sembrerà strano, trattandosi di un thriller con ostaggi, bombe e pistole, ma è un libro d’amore. Certo non come lo si intende convenzionalmente, non ci sono palpiti né fremiti né sospiri, ma c’è tutto l’amore disperato di una madre che può fare un solo ultimo dono a suo figlio…

 

Leggi il mio libro perché..

Perché è un libro che racconta una grande verità: male e bene non hanno mai confini netti, ma si mischiano e si confondono e si stemperano l’uno nell’altro ed è facile travalicarne i confini.

 

Cosa bolle in pentola per il futuro?

In questo momento sono alle prese con un altro romanzo giallo che nasce nell’anno 1000 e trova il suo epilogo ai giorni nostri, e diversi racconti che esplorano anche altri generi.

 

 

Se volete leggere o approfondire lo scritto di Gabriella Grieco, ecco il link giusto: http://www.amazon.it/morte-%C3%A8-unopzione-accettabile-ebook/dp/B00TMRA1A6/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1431006026&sr=8-1&keywords=la+morte+%C3%A8+un%27opzione+accettabile

Leggi Tutto 1 Commento

Il Blog di Eleonora Marsella – © 2020 – P.I. 04939570752