eleonora marsella,recensione,STEFANO UGGè

La Setta Delle Tre Erre di STEFANO UGGè

Caldo, magico e adrenalinico: è così che si presenta il nuovo romanzo di Stefano Uggè, dal titolo La setta delle tre erre.

394 Pagine di una storia travolgente che vi trascinerà in un’infinita voragine di azioni tutte correlate tra loro, a loro insaputa. 10367584_1505100446442299_863062594835715966_n

Sandro, Annette, Caterina, Simone, il Maresciallo Del Vecchi, la famiglia di cinesi, Vincenzo, Fausto e tantissimi altri ancora sono i protagonisti del nuovo romanzo noir di Stefano Uggè. La location, tra le righe, è una Torino del futuro, si parte dal 2020.

Alla base c’è una setta, la setta della Grande Madre che ha origini antichissime ma solo negli ultimi cinquant’anni si è ramificata e rafforzata in tal modo. Giustizia, rispetto e Pietà sono i tre aspetti cardini ASSENTI tra le regole della setta stessa.

Un bando, una moto, un bosco, la botola: un mondo infinito ai piedi della Grande Madre. La reincarnazione di Fausto, le azioni di Marbas, l’intelligenza di Vincenzo: tutti ingredienti che renderanno il romanzo ancor più speciale.

 Come nasce LA SETTA DELLE TRE ERRE?

Nasce all’improvviso, mentre scrivevo quello che credevo potesse diventare un racconto. Poi, ad un certo punto della storia, mi sono accorto che la trama stava pian piano assumendo le forme di un romanzo vero e proprio. E così, alla fine è stato.

In quale genere lo classificheresti?

Credo sia difficile classificarlo all’interno di un unico genere, perché leggendolo ci si accorge di entrare in un mondo fatto di Noir, Thriller ed Horror. Se potessi farlo, inventerei un nuovo genere che li include, e lo chiamerei “emotive tension”. Ma se proprio devo scegliere un genere, direi che potrebbe rientrare nei noir contemporanei

Il tuo romanzo in cinque righe..

Siamo a Torino, nel 2020. Sandro e Caterina sono i personaggi principali di una trama che si divincola tra il presente e il passato di ognuno di loro, legato ad un unico uomo che li perseguita per vendicarsi di ciò che gli è stato tolto molti anni prima. Mettendo in atto il suo piano diabolico, nascerà Marbas, una creatura ancora più potente di lui, che dovrà scontrarsi con Simone De Vecchi, giovane e promettente maresciallo dei Carabinieri.

Alla fine, sarà il bene o il male a dominare la città?

Leggi il mio libro perchè…..

Perché, nonostante sia un romanzo lungo, è scorrevole, dinamico, e ricco di colpi di scena, e ogni personaggio ha la sua importanza. Perché i veri protagonisti entrano in scena quando non te lo aspetti. Perché è intrigante, coinvolgente, e alla fine fa anche riflettere.

La sette delle tre erre di Stefano Uggè, Casa editrice Cavinato Editore Internazionale, prezzo di copertina 20 euro.

COVER

Link utili dello scrittore: http://www.amazon.it/La-setta-delle-tre-erre-ebook/dp/B00P58927Y

http://www.mondadoristore.it/La-setta-delle-tre-erre-Stefano-Ugge/eai978889912177/

http://www.ibs.it/code/9788899121778/uggegrave/setta-delle-tre.html

https://www.facebook.com/pages/Stefano-Ugg%C3%A8/1495756430710034

Leggi Tutto Nessun Commento

benesse,coaching,eleonora marsella,marco d'ambrosio,recensioni

LE TRE REGOLE (per vivere meglio) di Marco D’Ambrosio

Ti piacerebbe vivere senza problemi e avere un’apertura mentale propensa a ogni situazione?

Attraverso il nuovo libro di Marco D’Ambrosio, Le tre regole, si può migliorare la propria forma di pensiero attraverso dei piccoli suggerimenti che lo scrittore, life & wellness Coach, ci suggerisce tramite anche alcuni piccoli esercizi.

MARCO D'AMBROSIO

Il libro è un tascabile, collana Self Help, Taita Press editore, prezzo di copertina 7,90 euro.

Le regole suggerite da D’Ambrosio, sono veramente semplici, se applicate risultano essere efficienti sin dal primo approccio. Le regole sono nello specifico tre, ovvero: Credici, Accedi ad un livello di pensiero superiore e Libera la tua creatività; lo scrittore ci suggerisce durante la lettura alcuni esercizi da eseguire, per avvicinarsi alla sua linea di pensiero.

Marco si è formato in Coaching Umanistico presso la Scuola Italiana di Life & Corporate Coaching e in programmazione Neuro Linguistica presso l’Accademia dei Coach, con le quali attualmente collabora: un profilo personal veramente insolito quello dello scrittore che, vi farà cambiare totalmente modo di vivere, se lo seguirete.

COACHING UMANISTICO 1

Intervistato per l’occasione, D’Ambrosio si racconta:

Come nasce LE 3 REGOLE?

La professione di Coach prevede essenzialmente delle sessioni di coaching one to one, ma nel tempo è nato in me il desiderio di supportare un maggior numero di persone e in questa direzione un libro mi è parso lo strumento più efficace.

Il mio obiettivo è dunque quello di provocare nei lettori la presa di consapevolezza dei propri punti di forza, dei propri schemi mentali, della loro situazione attuale e dello stato desiderato, con lo scopo finale di spingerli all’azione. Nello specifico, “Le 3 Regole”, affronta la tematica della creatività, esaltando il potere che essa possiede nel risolvere i problemi e le sfide della vita.

Come nasce l’interesse per il mondo del life & wellness coaching?

Prima di dedicarmi unicamente alla mia attuale professione, ho lavorato per un decennio nel mondo dello sport, come consulente di molti atleti e amanti dell’attività fisica e mi è divenuto chiaro che per vivere all’insegna del “mens sana in corpore sano”, il punto di partenza non poteva che risiedere nell’atteggiamento mentale, per essere autogovernati e padroni del proprio agire. Pertanto ho deciso di diventare un Coach, in modo da far ottenere alle persone cambiamenti più rapidi e sostenibili nel tempo e soprattutto in linea con i loro valori e scopi di vita.

Leggi il mio libro perché….

Perché è un libro che fornisce l’opportunità di interiorizzare un punto di vista nuovo, più positivo, responsabile e proattivo rispetto alle sfide della vita, favorendo l’assunzione di un atteggiamento molto efficace e risolutivo.

Qual è, secondo te, il male della nostra società e perché si vive così male?

L’ostacolo maggiore è posto dalla cultura odierna, la quale tende a sottolineare negli individui, sin dall’infanzia, i punti deboli e gli errori commessi piuttosto che i punti di forza e le lezioni apprese dall’esperienza.

Per superare questo ostacolo è necessario che ognuno si impegni ad evidenziare le potenzialità che lo contraddistinguono in modo da creare le migliori condizioni per allenarle con impegno e motivazione, al di là delle “penne rosse” e delle critiche non costruttive ricevute dal mondo esterno. Quando si è padroni consapevoli dei propri punti di forza, i punti deboli si trasformano in aree di miglioramento e si accede al mondo del possibile.

Cover_HS19_3REGOLE-page-003

Per approfondire il mondo del wellness coach, qui trovate il libro più altre info su Marco D’AMBROSIO.

http://www.coachdambrosio.it/

https://www.facebook.com/CoachDambrosio

http://www.ilgiardinodeilibri.it/libri/__le-3-regole.php

Leggi Tutto Nessun Commento

libri,noir,recensione,simone dellera

Absinth With Faust di Simone Dellera

Una vampira, due amici, una Milano di un tempo lontano: sono questi gli ingredienti segreti che fanno del nuovo romanzo di Simone Dellera un libro veramente spettrale, dal nome Absinth with faust.

Simone Dellera, classe 1970, nasce a Milano, laureato in scenografia presso l’Accademia delle belle arti di Brera, questo è il suo primo romanzo riadattato e ripubblicato con l’odierna casa Editrice.

Foto Intervista

Nel romanzo accadde tutto per caso,i locali intorno erano  tutti chiusi e i due amici, Jack e Nerio, per bere una pinta, si addentrarono in un sotterraneo che sin dai primi elementi architettonici, non si presentava per niente come un pub qualunque.

Un’avventura, nata in una notte qualsiasi, si trasformerà in un romanzo…più di un romanzo che trasformerà la realtà, rendendola spettrale e costantemente emozionante e adrenalinica.

Melissa, la vampira, avrà un ruolo centrale, come solo le donne sanno fare, Nerio si dimostrerà della leader della sua vita, dato che attraverso la sua scrittura…..molte cose si realizzeranno sotto gli occhi della vampira Melissa e dell’amico scrittore Jack.

Intervistato per l’occasione ecco cosa racconta l’autore Dellera:

Come nasce Absinth with Faust?

Absinth with faust nasce quasi per gioco o per meglio specificare come una sfida. Ho sempre avuto la voglia di cimentarmi con un romanzo e quando ne ho avuta l’occasione, è nato Absinth…

Jack e Nerio sono i personaggi del tuo romanzo. Come ti sei ispirato? Ci sono tratti biografici?

L’inizio del romanzo, parliamo del primo capitolo, è un mio vecchio racconto mai portato a termine. Successivamente la stesura dalla sua prima idea iniziale è variata. Come se si fosse scritto da solo o se gli stessi personaggi mi suggerissero di volta in volta gli avvenimenti che dovevano svolgersi all’interno della trama. L’idea legata al destino è quindi nata durante la stesura e non studiata a tavolino. Esistono dei tratti biografici che riguardano la mia vita, ma naturalmente il tutto è stato romanzato e stravolto. Così come esiste Jack, mio vecchio amico e scrittore.

 Quale idea ti sei fatto delle case editrici?

L’idea che mi sono fatto delle Case Editrici è che quasi tutte, non parliamo ovviamente di grandi case editrici, mascherandosi sotto la richiesta di un piccolo contributo, non sono altro che Case Editrici a pagamento e alcune anche molto costose, almeno per quanto riguarda la mia esperienza. Personalmente ho deciso di affidarmi a un self-publishing come Youcanprint che non ha niente da invidiare alle reali case editrici.

Leggete il mio libro perchè…….

Perché trovo che sia un’esperienza singolare e atemporale, avvolta fra illusione e realtà, soprattutto quando il lettore si accorgerà di leggere un libro in un libro…

Nuovi progetti?

Certamente. Fra poco uscirà la mia terza pubblicazione “Sette” che sarà un’antologia fra racconti e romanzi brevi legati al personaggio di Mickey De Santis nato con “Uno scomodo cappotto di legno” cui spero ci saranno altri seguiti

DEFINITIVO Prima_Copertina DEFINITIVO Prima_Copertina

Alcuni link utili dell’autore: https://www.facebook.com/AbsinthWithFaust

(Pagina facebook del libro); http://www.hoepli.it/libro/absinth-with-faust/9788891141477.html (link utile per l’acquisto).

Leggi Tutto Nessun Commento

bambini,eleonora marsella,fiabe,libri,marco squarcia,recensione

L’attimo in più di Marco Squarcia

Marco Squarcia debutta nel mondo dell’editoria con una raccolta di fiabe indirizzate a bambini e adulti dal titolo l’Attimo in più.

La raccolta si presenta divertente, colorata e ricca sin da subito, arricchita con fantastiche illustrazioni di Giada Piattoni, contiene 12 favole, ognuna con un messaggio finale; i protagonisti sono sempre simpatici animaletti come il topo, il cavallo, cane e gatto e chi più ne ha, più ne metta.

Lo scrittore, classe 1987, è nato nel Parco dei Monti Sibillini e dopo un corso di scrittura creativa ha scoperto di avere una nuova passione per le parole.

foto libro attimo in piu (2)

Intervistato per l’occasione, ecco cosa racconta:

Come nasce Un attimo in più?

Buttando giù idee su idee, mi sono accorto che le novelle avevano ognuna una loro ragion d’essere, un loro significato e tanti, tanti volti. Le ho così modellato, affinché potessero rappresentare un sentimento che mi portavo dietro da tempo, quello appunto relativo alla schiavitù che viviamo ai nostri tempi, dovuta allo stress continuo e imperturbabile

Perché un libro per bambini e non per adulti?

In verità questo volume, se letto con attenzione maniacale, è più diretto agli adulti che ai bambini, ma l’indirizzo e il taglio che ho voluto dargli, è riferito ai più piccini, perché le vere vittime di questo mondo così “veloce”

Qual è la tua opinione in merito i corsi di scrittura creativa?

Sono sicuramente uno strumento utile per chi vuole affacciarsi a questo cosi variopinto e interessante, qual è la scrittura, ma non possono essere il solo. Dietro a tutto ciò infatti, ci dev’essere l’intenzione, il sentimento, l’occhio di chi vuol davvero creare qualcosa di grande o di suo, nell’arte di penna e foglio. Sviluppare la creatività, affinando le tecniche, questo si il compito dei corsi di scrittura creativa.

Ci sono nuovi progetti in cantiere?

Posso affermare che un secondo lavoro è già pronto, ma sto affinando delle novità e quindi la sua uscita non sarà prossima, ma avverrà sicuramente più avanti nel tempo. Altre opere in corsa d’opera, sono in sviluppo ma per questo non posso ancora dire nulla, dato che sono in un cantiere aperto.

Copertina_72dpi

Edizioni simple, prezzo di copertina 9 euro.

Per chiunque fosse interessato a leggere Un attimo in più di Marco Squarcia, può comodamente cliccare in questo link: http://www.amazon.it/Lattimo-pi%C3%B9-Marco-Squarcia-ebook/dp/B00NZJTIII/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1412370510&sr=8-1&keywords=attimo+in+piu

Leggi Tutto 1 Commento

eleonora marsella,guglielmo bin,libri,recensione,traversone

Traversone di Guglielmo Bin- un libro come pochi

Esce il primo romanzo di Guglielmo Bin dal titolo Traversone.

Classe 1988, Guglielmo vive a Pontinia (LT) dove svolge la professione di insegnante, un grande amante della musica e dello sport, Traversone è il suo romanzo d’esordio.

581103_4532518634156_1835203093_n

Travolgente, emozionante, complesso, intrigante, astuto, spassionato: è così che si presenta la sua prima opera, 174 pagine di storia, pubblicato con Lettere Animate, si presenta sin da subito come ‘romanzo dell’anno’.

I personaggi dal carattere distinto fanno da scena ad uno sfondo storico, politico, sociale del Desertico. Ci si affeziona immediatamente di ogni singolo protagonista, perché in ognuno di loro, c’è un po’ di noi: Morgana, forte e problematica lascerà questa terra per il male del secolo, gli amici si riveleranno nemici ed i nemici si dimostreranno colleghi (e non solo), come nel caso di Bottoni. Ed ovviamente tanto, tanto, tantissimo altro ancora che, però, non svelerò.

Intervistato per l’occasione, ecco cosa ci racconta:

Come nasce Traversone?

Traversone nasce in una serata d’agosto del 2013. Vivevo, in quei mesi, un periodo di profonda incertezza – se non proprio di angoscia -, dettata da varie ragioni, ognuna di carattere diverso. Accadde così che quel giorno, a casa da solo e divorato dall’afa, in maniera del tutto spontanea e senza preavvisi, mi trovai davanti al computer a progettare – e subito ad abbozzare – qualcosa di nuovo, qualcosa che non avevo mai fatto prima

Perchè la scelta di questo titolo?

Traversone è un gioco unico nel suo genere, perché l’obiettivo è perdere: il vincitore è colui che fa meno punti, c’è un rovesciamento totale dei segni e dei valori stabiliti.. e a differenza del Tressette non puoi giocare in coppia, ognuno è solo contro gli altri. Il tema del romanzo è infatti quello del gioco, che però è un gioco a perdere, una contraddizione inevitabile che è un inno all’assurdità, alla sua bellezza e al relativo orrore. Contraddizione che ho voluto rimarcare intitolando le tre macro sezioni con cui si organizza il libro con mosse, invece, tipiche del Tressette (Accusa, Buongioco, Napoli).

Poche parole per descrivere il tuo romanzo?

E’ un’opera sull’opposto, sull’esclusione e sulla coincidenza dei sentimenti e dei processi logici, sulla gioia e sulla depressione, sulla sincerità e la falsità, tutto e il contrario di tutto.

 Ti dedicherai a nuovi progetti?

Per adesso ho intenzione di sponsorizzare al massimo l’opera d’esordio, e quindi mi sto concentrando sulla sua diffusione: probabilmente ne uscirà prossimamente anche una versione cartacea e dovrò seguirne passo passo ogni suo aspetto creativo.

A tal proposito, colgo l’occasione per ringraziare Roberto Incagnoli e Lettere Animate per l’opportunità concessa, per aver creduto in me e per aver intrapreso una strada realmente indipendente, che premia la qualità lasciando ampia libertà creativa all’autore: uno schiaffo morale davvero pesante all’arroganza e alla maleducazione di certe case editrici, spesso anche molto quotate.

Ed infine: leggete il mio libro perché…?

Perché no? 🙂

Link utile all’acquisto del romanzo Traversone di Guglielmo Bin.

http://www.amazon.it/Traversone-Guglielmo-Bin-ebook/dp/B00TT9JJ4G/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1425414619&sr=8-1&keywords=traversone

1

Leggi Tutto Nessun Commento

diego cigolini,eleonora marsella,Natura,progresso,recensione,umanità

EVAN, IL PROGRESSO E LA MINACCIA UMANA di Diego Cigolini

Fantasioso, profondo e futuristico: è così che si presenta il romanzo di Diego Cigolini intitolato “Evan, il progresso e la minaccia umana”.

Libere edizioni, 109 pagine di una splendida storia che vi porterà con se durante tutte le avventure del protagonista Evan.

20141104_065222

Il filo conduttore è il progresso tecnologico che sta portando ad una regressione del progresso umano-sociale.

Evan, costruttore di gru, padre e marito, si ritroverà catapultato in una realtà parallela con un compito ben preciso: impartire una lezione agli umani e far capire loro che il comportamento adottato verso la natura non dovrebbe essere così com’è.

Come nasce Eva, il progresso e la minaccia umana?

<< Questo libro nasce principalmente dalla voglia di raggiungere un obiettivo, dalla voglia di vincere una sfida con me stesso e di mettere in pratica quello che mi è stato insegnato. Da parecchi anni, dentro di me, era nato il desiderio di scrivere una storia, ma mi sono sempre posto mille domande alle quali non sapevo darmi una risposta. Questa mia paura di cominciare un cammino insicuro mi ha sempre ostacolato fino a quando, un giorno molto particolare, sono riuscito a dominare ciò che temevo, ho iniziato a scrivere e ho vinto le mie paure. A quel punto è nata la mia prima opera>>.

Evan è il personaggio chiave. Come ti sei ispirato?

<< Evan è l’insieme di tutto ciò che ogni giorno succede sul nostro Pianeta. Qualsiasi strumento di informazione, il nostro comportamento e la natura dell’essere umano mi trasmettono sensazioni negative convincendomi ogni giorno che la strada intrapresa è quella sbagliata. Evan vuole essere anche un messaggio inviato al fine di cambiare la direzione di quella strada maledetta senza ritorno>>.

Cosa pensi del progresso?

<< Credo che il progresso sia un’arma e che in un futuro molto vicino si ritorcerà contro l’uomo. Stiamo ricevendo molti segnali dalla natura che ci dovrebbero far riflettere, ma come al solito, l’uomo mette i suoi interessi al primo posto, è evidente che quello che stiamo facendo è sbagliato perché basta guardare le conseguenze che ne derivano>>.

Quanto la tua vita ha inciso sulla stesura del romanzo?

<< Io cerco ogni giorno di contribuire al mantenimento dell’equilibrio e di limitare al massimo i danni derivati dal mio comportamento. Vorrei poter fare molto di più e coinvolgere molte persone a rispettare tutto ciò che ci circonda. Per rispondere alla tua domanda direi abbastanza…>>

Stai pensando ad un nuovo progetto?

<<Nella mia testa è tutto già scritto e mi piacerebbe riuscire a scrivere il sequel di questa mia prima opera. Dovrò trovare il tempo che ora non ho, dovrò cercarlo, gestirlo e finalmente utilizzarlo nel modo più corretto possibile al fine di generare quell’equilibrio tanto fragile da raggiungere>>.

Diego Cigolini è uno scrittore molto particolare, la sensibilità e il rapporto con la natura trapelano sin dalle prime righe del suo romanzo d’esordio Evan, il progresso e la minaccia umana. Sarebbe un peccato non avvicinarsi ad una scrittura così forte, una storia così futuristica che ha come messaggio portante: rispettare la natura, e non solo.

Alcuni link per l’acquisto: http://www.libreriauniversitaria.it/evan-progresso-minaccia-umana-cigolini/libro/9788898858149

http://www.rcslibri.it/scheda-libro/?isbn=9788898858149

Leggi Tutto Nessun Commento

Il Blog di Eleonora Marsella – © 2018 – P.I. 04939570752