13 scrittori,anno 89,generazione Post,Lupo Editore,PAOLO PATICCHIO,puglia,salento

Paolo Paticchio e le 13 Storie dopo l’89

Un libro, nella maggior parte dei casi, nasce con una storia, presenta i personaggi, ne descrive i loro tratti peculiari, ci sarà sicuramente una serie di vicende intersecate e il finale ci lascerà senza parole o semplicemente sarà una fine prevedibile. Il ‘ Post 13 Storie post 89 che non sapevano di diventare mito’ è un libro, solo nel formato cartaceo, per tutto il resto è un intero percorso: percorso di storie, di vite, percorso sociale, anche un po’ mediatico ma comunque è un tragitto che parte ma non si ferma, proprio come il numero 13: un numero finito, solo in apparenza.

Immagine

Paolo Paticchio classe ottantasei è il curatore del libro, già conosciuto probabilmente perché è una figura chiave dell’associazione “Terra del Fuoco Mediterranea” e ricopre anche un ruolo importante nel suo Comune, intervistato per l’occasione dell’uscita di questo, ’libro-percorso’ ha annunciato che, questo lavoro parte da una domanda principale: Quali sono le figure a cui oggi i giovani fanno riferimento? Molte apparterranno al passato, un passato che non ritorna, che non è stato vissuto ma che, per colori o motti, forse, lo sentiamo un po’ nostro.

Immagine

I tredici Scrittori che hanno collaborato al progetto, sono tutti di origine Pugliese ed è questo il punto di forza, lo snodo principale, l’urlo dal basso che vuole diffondere storie e sentimenti; e i personaggi, non sono sempre conosciuti da tutti, come ad esempio Rita Levi Montalcini, senza nulla togliere ovviamente ma spuntano nomi come Banski, Rosario Livatino, Mario Monicelli e poi nomi familiari come Don Luigi Ciotti, Kurt Cobain, Alexander Dubcek e via discorrendo.

È un libro sempre aperto, disposto a riempirsi di nuove storie, per tutti quelli che ne avessero da raccontare, per chi volesse attingere ai propri ricordi, è sempre possibile collaborare a questo fantastico progetto che, un po’, appartiene a tutti noi, tramite #generazionepost su twitter oppure sul sito www.generazionepost.it

Post tredici storie dopo l’89 è possibile trovarlo in qualsiasi Libreria, Lupo Editore, prezzo di copertina 10euro è già vicino alla seconda ristampa.

I migliori auguri a un progetto ambizioso, che parte dal basso con radici Salentine!

Immagine

Leggi Tutto Nessun Commento

colombia,elezioni,ingrid betancourt,libri,recensioni,rizzoli

Recensione ‘Non c’è silenzio che non abbia fine’ di Ingrid Betancourt

Come fare a capire quando un libro ha colpito ed è stato un buon romanzo?

Praticamente è semplicissimo: quando vi rimane nel cuore e durante i giorni successivi vi torna in mente la protagonista, i luoghi o qualche passo della storia.

Mi è successo proprio questo con il romanzo-biografia di Ingrid Betancourt che, ho scoperto essere una candidata alla Presidenza della Colombia nel 2002 ed è stata ostaggio dei guerriglieri delle Farc fino a luglio del 2008.

Immagine

Il romanzo ripercorre ogni tappa di una storia tormentata come la sua campagna politica: dalla candidatura, al rapimento dove, trapelano i suoi sentimenti, le vicende, cosa ha dovuto subire, le anime tormentate dei politici, poliziotti rapiti insieme a lei, la guerrigliera, i meccanismi che scattano nei contesti di RAPIMENTO fino alla liberazione avvenuta dopo 6 lunghi Natali lontani dalla sua famiglia.

La forza di questa Donna è straordinaria, da prendere d’esempio, descrive le malattie prese nella giungla, i colori degli uccelli al mattino o il riso che mangiavano a piccole quantità giorno per giorno, tutto con la stessa intensità, quasi sembra di avere dinanzi a noi la giungla colombiana, i guerriglieri con le armi molto più grandi di loro (molti arruolati avevano circa 15 anni di media) e l’elicottero finale che innalzandosi la porterà verso la libertà.

Editore Rizzoli, prezzo di copertina 21Euro.

Per capire i veri valori della vita, forse, è necessario leggere questa storia straordinaria! 

Immagine

Leggi Tutto 2 Commenti

interview,Jean Kwok,la strada dei desideri segreti,recensione

Interview to Jean Kwok

Were you born a writer or did you become one? 

I think a little bit of both. I loved books from the moment I could read and I was always reading. However, since I grew up in so much poverty – I worked in a clothing factory when I was 5 years old – I never wanted to be a writer. I wanted to have a job that would be financially secure. It was only when I was studying at Harvard University that I decided to follow my deepest dream, which was to become a writer.

What was secret ingredient of your story?

I wanted to tell a story that would keep readers involved, so I was hoping to entertain them while maybe teaching them something at the same time. I wanted to introduce readers to a new world, one they might not have seen before, but I wanted them to enjoy reading the book too, to love my characters so they would keep reading to find out what had happened to them.

 Ah-Kim is strong, determined and lonely at the same time: How born this
character?

 Kimberly is a part fiction and a part of me as well. I think that many immigrant working class children grow up to be strong, determined and lonely at the same time. 

What is your opinion about publishing  today?

I think that publishing is made up of many people who love books, which is a wonderful thing. I’ve only had positive experiences in publishing. My publishing teams in America and other countries have really done their best for me and my book, and I’m very grateful. I think that people will always love to read, that they will need to read. The publishing world may change – paper books may be published less and digital ones more – but that basic need for good books remains.

What is your opinion of writing programs at universities?

I went to the Masters of Fine Arts program in Fiction at Columbia University. I think writing programs are wonderful things and can train people to write at a professional level. However, they are also very expensive, and that is a very difficult decision, if you want to invest so much money in a career like writing, which might earn you no money in the end. It’s also important to find the right program for you. I grew up in New York City, so I felt at home in the urban environment of Columbia, while someone else might want a smaller program. 

What is your message to all of the young people that want to become writers?

I think that writing is a very difficult profession. It is extremely competitive and subjective. Of all the things I’ve done in my life, becoming a published author has been the hardest. Writing is something that chooses you, you do not choose it. If you are wondering if you should become a lawyer or a writer, you should become the lawyer. Your life will be much easier and more financially secure. The only people who should choose to become writers are the ones who cannot escape it, no matter what they do, the people who worry and think about writing all of the time, even when they are doing other things. It is a beautiful thing to be a writer, but a very hard one. 
Immagine
 
Ringrazio La scrittrice per la disponibilità dell’intervista, nonostante i numerosi impegni.
 allego il link dove sarà possibile leggere la recensione del libro: http://scrittiriscritti.wordpress.com/2013/09/05/recensione-la-strada-dei-desideri-segreti-di-jean-kwok/

Immagine

Leggi Tutto Nessun Commento

il rapitore di anime,rachel zadok

Interview To Rachel ZADOK

Writer  born or become?
 
I’m not certain how to answer that. I think perhaps storytellers are born, or perhaps we are all natural born storytellers and a certain kind of life nurtures that innate ability in some people so they become writers. Writing is the craft of storytelling, like painting is the craft of art; the craft has certain rules that can be learned, but I don’t know if storytelling is something that can be learned. 
 
How born the character of Faith, Particulary child of story?
 
Gosh, it’s been such a long time since I wrote that book that it feels strange talking about Faith again, especially as I have another book out and I’ve been so focussed on the characters in that one. Faith was born when a friend of mine became ill and I wondered how her daughter perceived her illness. I wrote a short story about them, to try and understand in my own head what she was going through, and that story sort of morphed into the novel eventually, though the story in the novel is entirely fictional.
 
What is your think about the publishing  today?
 
Publishing is an industry in flux, but I believe people will always want something to read, and even if they move briefly away from the novel, they will return to it. The novel is a form like no other, because it allows you to escape into another world completely.  I think publishers still have a role to play in getting good work out there, and I think people will grow sick of wading through self-published unedited books no matter how cheap they are. The whole idea of free creative content propping up websites and businesses isn’t sustainable because it doesn’t support the creative person in any way. Already, people are buying books again, even if the format has changed – ebooks as opposed to paper. 
 
Has book changed your life?

 Books change your life more when you’re writing them than after publication. Publication is often painful and disappointing. Writing is joy.

In the future, will you publish the next book?

My second novel, Sister-Sister, was published in South Africa in April 2013. It’s slowly picking up good reviews, but I’ve yet to find a publisher in Europe. I wish I could send you a copy, but no Italian translation yet.

What is your message to all the younger that  want became Writer?

 Read more than you write, and don’t be afraid of being influenced by writers you love. Influence is good, because it means you’re paying attention to what works, and figuring out what great writing is. You already have your voice – it’s that voice in your head that tells you stories every day –  nothing you read will ever drown that voice out, or if it does, it will be brief and educational. Don’t fear the influence of great writing.

 

Ringrazio Personalmente la Scrittrice per la pazienza e l’attenzione dimostratami,nata in una terra dove nulla è scontato e dove la quotidianità lotta costantemente con la realtà.

in questo link troverete la recensione del suo romanzo: http://scrittiriscritti.wordpress.com/2013/09/11/recensione-il-rapitore-di-anime-di-rachel-zadok/

Immagine

 

Leggi Tutto 2 Commenti

comunismo,libri,owen matthews,piemme editore,recensioni,romanzi,unione sovietica

Recensione ‘La casa dei bambini dimenticati’ di Owen Matthews

A molte persone la storia annoia,fa venir sonno o ancor peggio, c’è chi rifiuta di impararla: certo, molti sono anche appassionati, ma di gran lunga è di più la gente che schiva le date, i fatti e soprattutto la memoria storica.

Questo romanzo è una sorprendente storia, un sottile filo conduttore che narra le generazioni di più famiglie vissute nei 74anni di Comunismo nell‘Unione Sovietica. Mila è una timida bambina, diventata zoppa a causa della malattia che le ha divorato la gamba, infezione prima, malanno terminale poi, preso in una sorte di orfanotrofio, un posto dimenticato da Dio, dove rimase per i primi anni del Governo Sovietico.

Il padre fu considerato nemico del Popolo e per più di un decennio nessuna sua notizia arrivò alla sua famiglia, costretta a cambiare casa per le tensioni politiche createsi. Mila e la sorella Lenina cominceranno la loro avventura insieme, poco dopo verranno separate e ad ognuna toccherà un destino amaro.

La storia è raccontata da una voce esterna, il figlio di Mila e Melvyn,il quale farà di tutto per portarsi la propria amata dall’Unione Sovietica nel suo Paese Inglese e Matthews, anni dopo, ritroverà le lettere d’amore dei suoi genitori in un passato che ormai, ha tutto un colore diverso dal presente.

Una trama storica, un periodo importante della Storia dell’umanità, dove fa da cornice l’amore di due amanti, contro ogni regola,legge e istituzione politica e, una volta ritrovati sotto lo stesso tetto, dopo 6anni di lotte, devono imparare a costruire una famiglia e a amarsi quotidianamente.

Editore Piemme, prezzo di copertina 18,50€, Scrittore Owen Matthews

la casa dei bambini dimenticati

Leggi Tutto Nessun Commento

Fausto Romano,Galatina,grazie per aver viaggiato con noi,lecce,Lupo Editore

Recensione ‘Grazie per aver viaggiato con noi’ di Fausto Romano

Quanti di voi hanno mai perso la valigia in aeroporto o conoscono persone che hanno atteso ore su ore, vicino quel rullo metallico che,girava,girava,girava ma  non riportava mai la propria valigia?

Aspettate un attimo: ma la valigia che viaggio fa?Perchè non torna?

Fausto Romano narra la storia di Giorgio in attesa, in un aeroporto Parigino, della sua valigia,rossa che,forse,ha ben deciso di abbandonarlo senza un preavviso.

Medico in carriera,lo stabilimento aereo si rivelerà una completa avventura,che vive anche su ricordi lontani e forse,grava su un presente infelice.

Fresco,scorrevole e divertente si presenta il linguaggio,proprio come se fosse un monologo recitato a pennello.

Lupo Editore  costo di copertina 12€

Buona lettura a tutti e….Grazie per aver viaggiato con Noi!

Immagine

Leggi Tutto Nessun Commento