“Oltre il limite” di Daniela di Benedetto

Se vi dicessi che mi sono ritrovata a prendere le parti di un assassino, vi sconvolgerei? Io credo proprio di si. Ma se leggeste Oltre il limite, romanzo fra il thriller e dramma psicologico di Daniela di Benedetto autrice di diciassette libri che vive a Palermo dove ha conseguito la laurea in lettere e due diplomi del conservatorio; cambiereste idea immediatamente.

 

L’autrice ci offre dei personaggi magnetici che rimangono nella memoria del lettore coinvolgendolo emotivamente fino al punto di sostenere la difesa dell’assassino.

Il libro narra tre storie tutte diverse tra loro ma che hanno in comune dei delitti che vengono commessi per amore intendendolo nel senso più stretto del termine. Si è soliti pensare che un delitto passionale abbia come movente la gelosia ma, in questo caso, si vuole proteggere la persona amata mettendo in gioco la propria esistenza.

La logica può apparire quasi assurda e crudele se non andiamo a pensare che l’amore incondizionato porta con sé il meccanismo di protezionismo verso sé stessi e la persona che si ama. Per poter mantenere intatta la propria reputazione, nei limiti imposti da un crimine, si è capaci di assassinare persone innocenti.

L’autrice ci accompagna in un viaggio dentro la psiche umana, quella più recondita, dandoci occasione di riflettere su noi stessi e sulle persone che ci stanno accanto e che, dicono, di amarci.

Meritevole di nota è l’analisi psicologica che viene fatta nei tre diversi racconti e che fa capire che dietro c’è uno studio dettagliato da parte della scrittrice.

Come nasce quest’opera?

E’ molto difficile rispondere in quanto io ho scritto circa 220 racconti e se dovessi ricordarmi come nasce l’idea di ognuno la mia memoria sarebbe in tilt. Ma posso sicuramente dire cosa mi ha spinto a mettere questi tre racconti nello stesso libro: il filo che li unisce. Li unisce l’idea che si può commettere un delitto assurdo per amore. Non per gelosia ma per AMORE PURO, cioè per difendere la persona amata da un pericolo. Anche se la persona amata è assolutamente ignara del sacrificio che stiamo commettendo per lei, e può anche non saperlo mai.

 

Quale messaggio comunica l’opera?

Sicuramente questo messaggio: sul confine fra il bene e il male nessuno può giudicare. I protagonisti sono assassini ma sono eroi perché hanno buttato via la loro vita e la loro reputazione per difendere un progetto, un’idea, una persona. Se il lettore   mentre legge si accorge di stare dalla parte dell’assassino, lo scopo è raggiunto.

Leggi il mio libro perché…..

Sembra di vedere un film. Siamo nella civiltà dell’immagine, non possiamo più permetterci di   dire il superfluo, per esempio di raccontare che la sedia su cui sedeva il protagonista era appartenuta alla nonna, e come era morta la nonna e così via, scrivendo un’intera pagina che non aggiunge nulla alla trama. Io taglio il superfluo e quindi scrivo romanzi brevi strutturati come sceneggiature cinematografiche, compresi i flashback. E’ una lettura che appassiona perché, come nei film, c’è sempre un colpo di scena alla fine. Se non prevalesse l’idea dell’amore folle potremmo anche dire che sono una trilogia di thriller.

 

Progetti futuri?

Fin da quando avevo 5 anni il mio progetto è stato scrivere. Non desidero altro.. Sta per uscire con l’editore Solfanelli un’altra trilogia di racconti, e a marzo uscirà anche un libro di narrativa per la prima media. Saranno il diciannovesimo e il ventesimo libro.

Ho lavorato anche ad un film   comico di cui ho scritto sceneggiatura e colonna sonora, avendo due diplomi del conservatorio. Di questo film attendo ancora il montaggio, e dalla riuscita dipenderà la decisione di continuare col cinema o meno, ma sicuramente non smetterò di scrivere.

 

 

Numero di stelle 5 su 5 – Oltre il limite di Daniela di Benedetto – Editore: Tabula Fati –  prezzo di copertina 13,00 euro.

 

 

 

Si ringrazia per la collaborazione Maria Giovanna Fantasia.

Leggi Tutto Nessun Commento

autori emergenti,matteo nepi,recensioni

Dentro Me di Matteo Nepi

Non mi capita molto spesso di trovare un libro come quello di oggi, che riesca a scrivere e narrare bene le proprie fragilità e le emozioni coinvolgendoti nella storia narrata. “Dentro me” riesce molto bene in questo intento e il suo autore, Matteo Nepi, nato a Milano laureato in Scienze Politiche e dal 2008 vive a Dublino; riesce a raggiungere quest’obbiettivo con il suo romanzo d’esordio.

Ci troviamo in una Milano degli anni novanta dove Andrea Fiacchini, studente universitario alla facoltà di giurisprudenza, è un giovane introverso proveniente da una famiglia di genitori separati che, presi dalle loro contrasti, si sono occupati poco di lui.

Il rapporto difficile con i genitori e soprattutto con il padre, lo porterà a non riuscire a superare i malesseri che i giovani della sua età devono affrontare, portandosi con sé le sue problematiche infantili.

Riesce, comunque, ad instaurare un’amicizia molto duratura con il suo amico Loris che lo sosterrà sempre dandogli dei consigli che lo porteranno a guardarsi dentro e a scavare nella profondità del suo animo.

L’autore si rivolge direttamente al lettore mettendolo, in questo modo, subito a proprio agio e facendogli leggere il romanzo tutto d’un fiato. Aiuta tantissimo la scrittura, molto chiara e la giusta collocazione dei dialoghi, molto intensi, che spezzano bene il ritmo della narrazione.

Ognuno di noi si ritroverà nei racconti del giovane Andrea: la continua ricerca del senso della vita, le tristezze di quando ancora non si riesce a capire se si è carne o pesce, l’amicizia, le paure e i timori per il futuro che verrà, la solitudine e la tristezza ma, sopra ogni cosa, l’amore.

Con Andrea, Matteo Nepi, ci accompagna in un viaggio che, inevitabilmente, ci fa riflettere sulle dinamiche dei sentimenti umani e sulle nostre fragilità che possono essere spazzate via quando riusciamo a trovare il giusto equilibrio e la giusta serenità d’animo.

 

Come nasce quest’opera letteraria?

Una mattina d’inverno in un’aula universitaria. Su quello che doveva essere il quaderno degli appunti iniziai a descrivere la scena di uno studente universitario che usciva di casa per andare a sostenere un esame.

 

Quale messaggio vuoi trasmettere a tutti coloro che si ritroveranno tra le mani questo libro?

Che la felicità è spesso lì dietro l’angolo, basta avere la follia di rincorrerla e la pazienza di aspettarla.

 

Cosa pensi dell’editoria d’oggi?

Mi rivolgo ai ragazzi che si avvicinano alla scrittura o che sono in cerca di una casa editrice per il loro primo romanzo. Non cedete subito a chi vi propone la pubblicazione in cambio di denaro. Siate accorti, esistono anche le case editrici che non chiedono contributi all’autore. Non abbiate fretta, tanto i sogni non ve li ruba nessuno.

 

Leggi il mio libro perché…

Perché è una storia semplice, un viaggio dove sarai accompagnato dai personaggi. Perché ti regalo un po’ delle mie emozioni, le stesse che mi facevano scrivere per otto ore al giorno.

Progetti futuri?

Sto ultimando un romanzo ambientato tra Italia, Venezuela e Panama. Anche questa è una storia semplice, di vita vissuta.

 

 

 

Numero di stelle 5 su 5 – Dentro me di Matteo Nepi – Editore: Pav Edizioni –  – prezzo di copertina 13,90 euro.

Si ringrazia per la collaborazione Maria Giovanna Fantasia.

Leggi Tutto Nessun Commento

autori,autori emergenti,blog,irene merlino,recensioni

SDB di Irene Merlino

Se dovessi nominare le famose Charlie’s Angels, molti di voi andrebbero subito a pensare al film del 2000 e non alla famosa serie tv degli anni settanta a cui si ispira. SDB, il libro che presentiamo oggi, a me, inguaribile nostalgica, ricorda molto la serie tv anche se, ognuno può trarre ispirazione liberamente visto e considerato che l’autrice, Irene Merlino, nata in Friuli nel 1979 e quinta di sei fratelli, trae ispirazione dalla sua immaginazione.

Nel romanzo SDB di Irene Merlino troviamo due sorelle, Renè e Lisa, che vengono rapite da giovanissime da uno dei Clan di spicco del crimine organizzato mondiale, il Daire. Le due protagoniste, come nei migliori romanzi di spionaggio, vengono addestrate per diventare delle efferate assassine e per rimanere fedeli al clan ma loro non saranno mai fedeli e oneste nei confronti dell’organizzazione.

Riescono ad architettare la loro morte e a scappare dal clan cercando di riappropriarsi della loro vita passata senza raccontare a nessuno ciò che hanno vissuto negli ultimi sei anni anche se, questi ricordi, riaffioreranno nelle loro menti molto frequentemente.

Tra intrighi, ricordi della loro vita passata e l’intervento di un’organizzazione militarmente strutturata che ha cercato inutilmente di abbattere il Daire fin dalla sua nascita, la World Investigation; le due protagoniste dovranno combattere nuovamente per non essere coinvolte dalle attività criminali del clan. Con un finale tutto da scoprire con non pochi colpi di scena che lasciano il lettore incredulo, consigliamo questo libro anche a chi non ha idea di chi possano essere le Charlie’s Angels.

 

Come nasce quest’opera letteraria?

Dal desiderio di rendere vivi i miei personaggi.

Prima di SDB, i protagonisti delle mie storie avevano pezzetti di vita breve nelle fiabe della buona notte e facevano parte di un mondo immaginario, creato apposta nei fantasy con cui mi dilettavo.

Arrivata all’età adulta ho sentito la necessita di renderli veri, di localizzarli sul pianeta in cui vivo e di farli vivere con alcuni dei dolori che il mondo intorno a me generava, affliggendomi.

 

Quale messaggio vuoi trasmettere a tutti coloro che si ritroveranno tra le mani questo libro?

Di non arrendersi di fronte alle difficoltà. Ognuno di noi possiede una forza propria dentro, capace di scaturire nelle avversità, se la lasciamo abbracciarci. Se ci crediamo, senza aspettarci nulla da nessuno.

 

Leggi il mio libro perché…

Per trovare la Famiglia, l’Amicizia, l’Amore. La Forza di volontà, l’Autorità e la Lotta al terrorismo. Elementi che in questa storia viaggiano sempre assieme, andando a rispecchiarsi nella quotidianità di una vita fatta di normalità. Fondamenti che legati da azioni violente, possono diventare un’arma a doppio taglio.

 

Progetti futuri?

Continuare a scrivere.

Sto sistemando la parte conclusiva di SDB, quel pezzo mancante che rivela chi si nasconde realmente dietro il Clan che ha portato le sorelle a diventare dei sicari, che svela la ragione della scelta fatta su di loro e che porterà i diversi gruppi, legali e illegali, di fronte a una possibile guerra.

Oltre ad altri racconti e un diverso romanzo.

 

 

Numero di stelle 5 su 5 – SDB di Irene Merlino – Editore: dreamBook– 201 pagine – prezzo di copertina 13,00 euro.

 

Si ringrazia per la collaborazione Maria Giovanna Fantasia.

 

Leggi Tutto Nessun Commento

ASSUNTA MARINELLI,autori emergenti,eleonora marsella,INTERVISTE,Italia,recensioni,scrittori,SOLFANELLI EDITORE

Assunta Marinelli in “Le stanze della memoria”

Oggi incontriamo una nuova autrice, Assunta Marinelli nata a Chieti dove attualmente vive e lavora.

La sua opera “Le stanze della memoria” ci porta a riflettere sui ricordi riguardanti la nostra vita, le scelte fatte e, forse, non adatte a noi. Le stanze della memoria indica il grande desiderio della scrittrice di raccontare la sua storia.

Il libro è veramente ben scritto ed ha un’ottima fluidità di lettura che permette al lettore di rimanere incollato- praticamente- al libro.

Nel romanzo, l’autrice racconta una storia, la sua, molto intensa e personale che narra di una donna che trova il coraggio di reinventare la sua vita trasferendosi in una città dove non ha affetti e amici ma dove può allontanare le esperienze dolorose che ha vissuto.

La donna, però, non considera il fatto che un semplice rientro al paese natio comporterà il riemergere del suo passato con tutto il suo peso. Da donna adulta capisce che il momento di affrontare i fantasmi del passato è arrivato e si lascia andare ai ricordi con descrizioni particolareggiate di luoghi e sensazioni che riempiono il cuore, gli occhi e la mente.

 

Le stanze della memoria è un romanzo che delinea bene le speranze che la donna aveva da ragazza, le delusioni dategli dalla vita, le attese e le paure di una ragazza che ormai si ritrova donna, madre e nonna. Il percorso che viene fatto non è semplice né, tantomeno, privo di sofferenza ma diviene necessario per poter arrivare a conquistare la serenità.

Ognuno di noi si ritroverà nelle parole e nelle storie raccontate dall’autrice e rifletterà intensamente sul proprio passato e sulle prossime scelte che cambieranno la propria vita.

 

Come nasce quest’ opera letteraria?

Ho sempre amato scrivere, studiare , aggiornarmi, approfondire.

Dopo più di quarant’anni di insegnamento, gli ultimi passati in un Istituto tecnico, ho rivoluzionato il mio metodo, piuttosto classico, ed ho iniziato a insegnare scrittura creativa.

Una volta in pensione, ho voluto mettere in atto i miei insegnamenti , confezionando un mio romanzo, anche perché avevo urgenza di scrivere: un sacro fuoco mi ardeva nelle viscere e non potevo più dominarlo. Così, ho raccolto i vari appunti , riflessioni, cronache giornaliere che mi appuntavo su un quaderno, ne ho fatto una cernita e ho confezionato un romanzo che poi ho mandato all’ Editore Solfanelli.

Così, quelle pagine che avevo scritto per dare forma a quel fuoco che urgeva in me è diventato un romanzo.

 

 

Quale messaggio vuoi trasmettere a tutti coloro che si troveranno tra le mani questo libro?

Il messaggio principale è che con la forza di volontà si può superare ogni difficoltà, perché ognuno di noi ha delle potenzialità nascoste che vengono fuori nei momenti di maggior bisogno. Ma per prenderne coscienza, ciascuno dovrebbe fare un’ anamnesi del proprio passato, in un certo senso rivivere le situazioni, belle o brutte, che hanno determinato il corso alla propria vita: si accorgerebbe così dei propri errori, ma anche del proprio valore, delle proprie capacità. riacquistando quell’autostima persa per fortuiti accadimenti negativi nella propria vita. In tal modo, da una situazione di dolore, può uscirne fortificata e vittoriosa.

 

Leggi il mio libro perché…

“Le stanze della memoria” è un romanzo che si avvale di un dettato scorrevole e di facile lettura dalla prima all’ ultima pagina, conservando sempre un ritmo di caldo e amichevole discorso, che a volte si fa ironico, fino a sdrammatizzare situazioni e creare atmosfere in cui aleggia un riso benevolo e liberatorio. E’ un romanzo che pur trattando temi a volte dolorosi, alla fine dà un messaggio positivo e ottimistico: nulla avviene per caso, ognuno di noi ha un percorso di vita diverso da quello degli altri. L’ importante è come lo si affronta, perché può essere un’ esperienza benefica, nonostante il dolore, un’ esperienza che ti fa capire che la vita va vissuta comunque e che bisogna trarre ciò che vi è di buono da ogni vicenda, anche la più dolorosa. E allora ti senti rinnovata, capace di resistere ai colpi avversi e in grado di affrontare qualsiasi ostacolo, con coraggio e serenità.

 

Progetti futuri?

Nell’immediato, per Pasqua, verrà pubblicato un mio nuovo romanzo, di genere diverso: sarà un giallo psicologico, in cui il tema della pazzia si intreccia con quello della nuova finanza senza cuore, del rating degli stati, degli insolventi di cui poi, uomini senza scrupoli, svuotano i forzieri.

E’ in progetto anche un volume di racconti: penso possa vedere la luce verso la fine di questo anno.

 

 

Numero di stelle 5 su 5 – Le stanze della memoria di Assunta Marinelli – Editore: Tabula Fati– 121 pagine – prezzo di copertina 10,00 euro.

Si ringrazia per la collaborazione Maria Giovanna Fantasia.

 

Leggi Tutto 1 Commento

Traversata nelle ere di Roberto Bullio

Oggi andremo ad immergerci in mondi sconosciuti dove si possano trovare dei personaggi i cui sentimenti diventeranno i nostri. Ad accompagnarci in questo viaggio è Roberto Bullio, classe 1983, nato a Roma, dove vive e lavora come praticante notarile. Il suo romanzo s’intitola Traversata nelle ere ed è un romanzo fantasy dove un gruppo di guerrieri parte alla ricerca dell’Aurora.

 

I protagonisti Alexis, Shivien, Ammiano, Esecutore, Lyndal e Camthalion iniziano la loro avventura tra sconvolgenti verità riguardanti il passato e l’incombente futuro. Ogni personaggio è ben delineato dallo scrittore che ne descrive bene il carattere includendo la sua padronanza del linguaggio cinematografico.

Personaggio più complesso che troviamo nel romanzo è Joira, il re di Memorian. La sua fermezza e determinazione sembra nascondere qualcosa di infausto e inquietante che farà esplorare ai vari personaggi nuovi e vecchi mondi.

Roberto Bullio ha fatto un grande lavoro di ricerca e lo si può evincere dalla mescolanza delle scritture utilizzate nei diversi racconti con cui è strutturato il libro. Inoltre, non vengono meno le forti emozioni, come l’amicizia, che travolgeranno il lettore.

In aggiunta, per ultime ma non per importanza, bisogna considerare le illustrazioni dell’artista Edoardo Casini di Grosseto, con cui l’autore ha stretto una collaborazione.

Uno romanzo che ci porterà a riflettere sul nostro passato e a come, in base a questo, sarebbe meglio affrontare il nostro prossimo domani.

 

Come nasce quest’opera letteraria?

Nasce dalla volontà di ridare forza alla fiaba. Un ensemble ideato seguendo un ordine riflessivo, quasi metodista, ma soprattutto attraverso la contemplazione del romanticismo classico. Alcuni credono che quanto abbia pubblicato sia uno “scherzo letterario”, ed hanno ragione. Tornare al romanzo cavalleresco è stato un azzardo, ma, riprendendo un pensiero di Elémire Zolla, io non ho mai voluto scrivere di lampadine elettriche, ma di fulmini.

 

Quale messaggio vuoi trasmettere a tutti coloro che si ritroveranno tra le mani questo libro?

Di messaggi, là dentro, ne ho lasciati tanti. Ognuno sceglierà ciò che vuole. Un consiglio invece è quello di prendersi tempo e spazio. Oggi una frase del genere pare proprio fuori luogo, ma tant’è…

Non correte, non è un libro da centometristi. Non riuscirete a leggerlo “tutto d’un fiato”. Tornate indietro con le pagine, rivedetene i passi, le parole. Traversata nelle ere non si riferisce al percorso conscio o inconscio dei suoi protagonisti. Questo è meramente conseguenziale. Ogni libro che sia stato scritto tratta del “viaggio” di “qualcuno” verso “qualcosa”. Il viaggio lo fa il lettore, sempre. Uno scrittore deve permettere che duri il più a lungo possibile.

 

Leggi il mio libro perché…

Perché, male che vada, almeno c’è qualche bella illustrazione.

Progetti futuri?

Un noir. Poi il secondo episodio della mia Traversata ed infine mi ritirerò a vita privata, promesso.

 

Numero di stelle 4 su 5 – Traversata nelle ere di Roberto Bullio – Editore: StreetLib – 548 pagine – prezzo di copertina 17,49 euro.

 

 

 

 

Si ringrazia per la collaborazione Maria Giovanna Fantasia.

Leggi Tutto Nessun Commento

autori,poesie,recensioni,tiziana sartorati

“Poesie per me” di Tiziana Sartorati

Chi dice che le poesie sono incomprensibili o difficili da leggere, non ha mai assaporato le pagine dei libri di Tiziana Sartorati.

L’autrice emergente, classe 1953, di Padova non è nuova nell’ambito editoriale e ritorna tra gli scaffali con il suo nuovo libro, una raccolta poetica meravigliosa, come sempre, dal titolo “Poesie per me”.

Le poesie sono un collage di pensieri, incontri, emozioni, turbamenti, fatti, realtà, persone e tanto altro. Sono poesie per tutti, per tutti i gusti, per tutti gli stati d’animo. Sono poesie da leggere, sottolineare, far proprie, tramandare.

Rifiuto, Amo la pioggia, Pensiero, Falcone e Borsellino, il Pianista, Inverno, Campane, Luna pura, Anno e tantissime altre ancora.

Cerchi emozioni? Riflessioni? Il libro giusto è Poesie per me di Tiziana Sartorati, 5 stelle su 5.

 

Come nasce quest’opera letteraria?

Se fossi marinaio potrei definirlo il mio diario di bordo però, siccome navigo nella vita anche come poeta ecco una parte del mio diario quotidiano con frammenti, in versi, di pensieri di ricordi di riflessioni. Per un po’ di tempo l’ho tenuto in un cantuccio, a sedimentare. Poi un giorno sono incappata in un annuncio: era l’invito a partecipare a una selezione indetta da Aletti Editore. L’ho superata ed ecco nascere materialmente il mio nuovo libro di poesie dal titolo “Poesie per me”.

 

 

 

Cosa pensi dell’editoria d’oggi?

Per quel che mi riguarda penso positivo. Trovo che sia un settore in continua evoluzione; inoltre apprezzo il fatto che, pur guardando al futuro con inserimento di tecnologie come e-book, audiolibri, libri per non vedenti, pagine web dedicate a singoli autori, rimanga fedele al caro vecchio cartaceo. L’editoria di oggi sa dare anche spazio ad autori emergenti cosa che apprezzo molto.

 

Leggi il mio libro perché…

Leggi il mio libro perché le poesie ivi pubblicate le ho scritte per me, – dubbi, rimpianti, ricordi, osservazioni – ma anche per chi legge: perché ognuno possa dire che sono “Poesie per me”.

 

Progetti futuri?

Devo rivedere un romanzo che ho quasi terminato; ho poesie pronte per essere date alla stampa e altre in germinazione e una bozza per un racconto noir.

 

“Poesie per me”, di Tiziana Sartorati, 55 pagine, prezzo di copertina 12 euro.

http://www.alettieditore.it/

 

Leggi Tutto Nessun Commento