andrea bufano,diritti,eleonora marsella,giustizia,lecce-carpi,processi

Il caso di Andrea Bufano- Esclusiva di Eleonora Marsella

Continua l’inchiesta sul caso di Andrea Bufano, un esempio di mala giustizia, di riabilitazione carceraria (come sempre assente): pagare un invasione di campo con il carcere (e che carcere!) e i domiciliari, non è forse esagerato? Perchè questa esagerazione? Solo per degli errori fatti nella vita?
ORA TI VOGLIO FARE DELLE DOMANDE:
Quanti anni hai?
Quanti sbagli hai fatto nella tua vita?
Quanti sbagli sono stati perdonati e quanti no?
Ora, perchè ANDREA BUFANO DEVE PAGARE PER DEGLI ERRORI FATTI IN PRECEDENZA, QUANDO HA GIà SCONTATO LA SUA PENA?

Leggi Tutto Nessun Commento

a.e.z.a. ambiente salento guardia nazionale pini natura salento lecce nociglia

Nociglia non vuole i Pini!

In questi giorni Nociglia è teatro di uno “scempio ambientale” che ha come obiettivo la rimozione di ventidue alberi di pino in perfetta salute. Si tratta dei Pini della specie Pinus pinea che cederanno il posto a un nuovo progetto: sarà creata una pista ciclabile con annessi quaranta alberi di canfora, pianta alloctona che, come afferma l’agronomo paesaggista Cristian Casiglia, “recherà danni assai peggiori del dislivello del manto stradale che potrebbe creare il Pinus pinea”. Dovrebbero iniziare in questi giorni i lavori per la rimozione degli alberi e l’installazione della pista ciclabile ma gli ambientalisti non hanno intenzione stare a guardare “lo scempio che si consumerà sotto i nostri occhi”. Nella mattinata di lunedì 25, infatti, in via on. Manfredi dov’è presente il viale alberato sono intervenuti gli ambientalisti del Forum Ambiente e Salute tra cui Antonio Baldari, Vice brigadiere A.E.Z.A.(guarda nazionale), Paolo Palmisano, comandante provinciale A.E.Z.A., con Marcella Invidia del Forum Ambiente e Salute, Mara Paolini, l’architetto Rossano Ruggeri, Leyla Carlyle (ambientalista londinese), Roberto Malerba (Salento gelsi) e Cristian Casiglia (agronomo paesaggista) per protestare e salvare i pini in questione, ma nessuno dell’Amministrazione ha fatto visita agli ambientalisti che, ad un certo punto della mattinata come gesto dimostrativo, hanno anche voluto incatenarsi. Molti gli striscioni appesi sul muro adiacente al viale o anche tenuti in mano. Milena Gnoni, facente parte dell’opposizione, ha fatto capolino durante la mattinata affermando che gli alberi devono essere tolti a causa dei problemi che hanno causato sul manto stradale che, pare, siano arrivati fino all’impianto fognario,e con molta decisione ammette che i nocigliesi sono tutti convinti che sia la miglior cosa da fare.

Immagine La natura, protagonista indiscussa dell’umanità e della nostra stessa vita è,spesso, vittima d’interessi politici e di lucro che, di certo, non si fermeranno davanti agli ambientalisti che vogliono, a tutti i costi, mantenere il viale alberato anche proponendo essi stessi una soluzione innovativa.

Immagine

Leggi Tutto Nessun Commento